Mese: gennaio 2008

Giunta per gli studi storici, garantire risorse e autonomia

1 gennaio 2008 – Restituire alla Giunta centrale per gli studi storici e agli istituti ad essa collegati gli strumenti di autogoverno e l’autonomia scientifica dal potere politico che il precedente governo ha tentato di mettere in discussione. E’ questo l’obiettivo principale della proposta di legge sul riordino del prestigioso organismo scientifico che ha come prima firmataria l’on. Manuela Ghizzoni. Condividi

Condividi

Approvata la Finanziaria 2008

21 dicembre 2007 – Il Parlamento non ha peggiorato la Finanziaria dal punto di vista degli effetti sulla finanza pubblica. Anzi l’ha migliorata. Ha ridotto di 400 milioni il saldo netto da finanziare e si sono ampliate le questioni affrontate, trovando le risorse attraverso modifiche alle entrate e alle uscite. Non vi è stato, insomma, l’assalto alla diligenza, sebbene non siano mancati gli interventi localistici e microsettoriali. Ecco diseguito un commento dell’on. Maino Marchi. In allegato una sintesi dei provvedimenti contenuti in Finanziaria. Condividi

Condividi

Finanziaria, lettera aperta dei parlamentari PD alla Lapam

21 dicembre 2007 – La Lapam di Modena raccoglie tra i suoi associati 5mila firme di protesta contro la Finanziaria. Nella lettera aperta al presidente della Lapam di Modena Giampaolo Palazzi, che pubblichiamo qui di seguito, i parlamentari del PD – Barbolini, Ghizzoni e Miglioli – rispondono alle preoccupazioni degli imprenditori e illustrano i numerosi provvedimenti a favore delle imprese contenuti nell’ultima manovra. Caro Presidente Palazzi Abbiamo appreso delle 5mila firme raccolte tra gli imprenditori modenesi aderenti alla Lapam, preoccupati per il possibile impatto negativo della Finanziaria 2008 sulle imprese. Rispondiamo volentieri alla loro sollecitazione anche perché la legge recentemente varata alla Camera e in via di approvazione definitiva al Senato pone grande attenzione al mondo delle piccole e medie imprese, che in Italia svolgono da sempre un ruolo di primaria importanza. Siamo quindi interessati a un confronto di merito sia per illustrare i vantaggi della manovra 2008 sia per valutare gli aspetti che possono essere migliorati nella sua applicazione. Diciamo subito che per le imprese ci sono novità importanti, in particolare dopo il passaggio …

Condividi

Violenza, una sintesi difficile

L’on. Ghizzoni risponde ai quesiti che la consigliera comunale Daniela De Pietri ha rivolto alla politica sul fenomeno della violenza contro le donne, dalle pagine del settimanale “La Voce” di Carpi. Ecco di seguito il testo del suo intervento “In Italia e in Europa le donne tra i 15 e i 60 anni muoiono più per violenza che per incidenti o malattie. Quindi non è per distrazione o per sottovalutazione del problema se il disegno di legge Pollastrini non è ancora legge dello Stato. Anzi, si potrebbe dire, paradossalmente, che è per eccesso di attenzione e di soluzioni proposte se ancora oggi non abbiamo una legge dedicata. All’esame della Commissione Giustizia della Camera, infatti, ci sono ben sedici progetti di legge abbinati a quello governativo, che rappresentano i diversi approcci con i quali si presume di contrastare il fenomeno. La proposta del Governo – emendabile e pertanto perfettibile – attiene non soltanto ai profili repressivi e punitivi ma anche a quelli preventivi di natura socio-culturale e di sostegno della vittima e, per la prima volta …

Condividi

“L’incoscienza di una sfida”

Clara Sereni spiega, in questo suo intervento pubblicato dall’Unità dell’8 agosto, perché ha accettato l’incarico di coordinatrice della lista per Veltroni in Umbria Avevo detto mai più. Mai più politica «politicante», mai più incarichi, mai più responsabilità di governo delle cose e delle persone. Quelli che ho avuto in passato mi avevano fatto passare la voglia e la fantasia, tanto più che ambizioni non ne ho mai coltivate. E le cose di cui non ho smesso di occuparmi – scrittura e volontariato – mi sembrano da tempo sufficienti ad assolvere il mio debito con l’umanità: perché scrivere e occuparsi degli ultimi è comunque un modo di fare politica, generalmente più congeniale alle mie capacità (dunque foriero di ansie minori), e anche ai miei desideri. Condividi

Condividi

Veltroni riesce a farsi ascoltare

Una nota di Manuela Ghizzoni a margine dell’intervista a Walter Veltroni realizzata da Monica Maggioni alla Festa dell’Unità di Modena Veltroni parla con convinta pacatezza, senza concedere distrazioni all’ascoltatore. È un efficace narratore, persuasivo per passione e per argomenti. Discorre di politica con invidiabile semplicità, senza ricorrere alle astruse formule magiche del politichese; al contrario si riferisce costantemente all’orizzonte degli ideali e dei valori e richiama alla nostra attenzione quanto sia appagante impegnarsi per gli altri e per il proprio Paese. Veltroni, in questo modo, riesce a farsi ascoltare anche da quanti ritengono la politica italiana ormai una fiera delle vanità, priva di virtù; ed è per questo che Veltroni rappresenta la figura di sintesi del futuro Pd. Nella conversazione con Monica Maggioni alla Festa dell’Unità di Modena, Veltroni ha illustrato l’Italia che vorrebbe ed ha approfondito alcuni temi – già presenti nel suo “manifesto di Torino” – con cui dovrà confrontarsi il nascente Pd: lotta alla precarietà, sicurezza dei cittadini, merito e valorizzazione dei talenti, fiducia e ottimismo, orgoglio di essere italiani. Noi – …

Condividi

“La pericolosa disperazione dell’antipolitica“

Nei giorni scorsi un lettore del Sole 24 Ore che dichiara di versare al fisco 900mila euro di Irpef ha scritto al giornale una lettera sconsolata nella quale confessa di essere fortemente tentato di evadere le tasse in quanto, spiega, continua a dare soldi allo Stato senza avere in cambio servizi efficienti né una Pubblica amministrazione che funzioni. Al cittadino deluso risponde il ministro dell’Ecnomia Tommaso Padoa Schioppa con una lettera al giornale che riportiamo qui di seguito. Caro direttore, mi rivolgo all’autore della sconsolata lettera («Pago 900mila euro di Irpef ma so che saranno buttati») che il Suo giornale ha pubblicato ieri. L’autore è un cittadino esemplare: «non mi è mai pesato pagare le tasse»; «lavoro in effetti moltissimo: mi sveglio alle 4,45 ogni mattina»; «non lavoro per i soldi»; «uno stile di vita morigerato»; «mi impegno al massimo e cerco di trattare con la stessa attenzione sia le pratiche piccolissime che quelle ingenti». Condividi

Condividi