Mese: marzo 2008

Il PD e le PENSIONI

Pubblichiamo il video della conferenza stampa di Veltroni nella quale ha presentato le proposte del Partito Democratico sulle Pensioni. Manuela Ghizzoni oggi (31 marzo) alle ore 15.00 sarà a Castelfranco Emilia a discutere con i Pensionati delle proposte del PD. Condividi

Condividi

“Cinque Paesi nel nome delle donne, contro il soffitto blocca-carriera” di Alessandra Cicalini

Arrivano al sesto livello e poi si fermano, come se sopra di loro ci fosse un invisibile ma assai resistente soffitto di cristallo che blocca il successivo scatto di carriera. Lo stop forzato è subìto dalle donne quadro e manager, non solo italiane. In Spagna, ad esempio, la situazione è molto simile alla consorella a forma di Stivale, un pochino peggio stanno le donne di Slovenia e Ungheria, mentre nessuna delle nazioni citate regge il confronto con la nordica Svezia. I cinque Paesi europei non sono stati nominati a caso. Sono infatti partner, attraverso le rispettive organizzazioni sindacali, di “Gender floor, per rompere il muro di cristallo”, ossia il progetto promosso dall’associazione nazionale Progetto Quadri della Cisl con la partecipazione dell’omologa transnazionale Eurocadres. Lo scopo ultimo dell’iniziativa è arrivare a dicembre alla presentazione di un documento, durante un mega-convegno che si terrà a Firenze, nella sede della scuola della Cisl, che riassuma le indagini condotte nazione per nazione sul mercato del lavoro delle donne ad alta professionalità. Per arrivarci, però, bisognerà procedere un gradino dopo …

Condividi

L’Italia che…si può fare. “Ecco perchè voto PD”

C’è un’Italia che non si rassegna, un’Italia che ci crede, l’Italia che ce la può fare. Sono oltre cento le dichiarazioni di voto per il Partito Democratico raccolte dall’Unità. Sono le voci di un Paese che si vuole risollevare, che vuole scommettere sulla forza riformista del Pd, che ha fiducia nel suo leader. Le voci di un’Italia ottimista e fiera che crede nelle grandi risorse di questo Paese. Mondo dello sport Damiano Tommasi Calciatore È la prima volta che non scelgo un politico per esclusione e che rendo pubblico il mio voto. Questo conferma quanto grande sia il mio apprezzamento per Veltroni. Un politico che merita il massimo sostegno. Renzo Ulivieri Allenatore Votare per il Pd è una scelta di generosità. Rappresenta il modo giusto per affrontare i problemi e rapportarsi all’attuale scenario nel nostro Paese. Il Pd è una realtà importante: aiutiamolo a crescere, e a far crescere il Paese. Claudio Sabatini Proprietiaro della Virtus Pallacanestro Bologna Voterò Walter Veltroni, come dovrebbero fare tutti quelli che amano la pallacanestro: per l’attenzione e la passione …

Condividi

“Le spigole di Speciale ci sono costate 32.000 euro” di Carlo Bonini, per Repubblica.it

A VOLTE ritornano. Le spigole. Le gite a scrocco verso il sole e la neve immacolata delle Dolomiti di passo Rolle. La Procura generale della Corte dei conti ha chiuso l’istruttoria sulla gestione privata degli Atr-42 in forza alla Guardia di Finanza del suo ex comandante generale Roberto Speciale. E gliene chiede il conto. Fanno 3.885 euro per ogni ora di volo abusiva sulla tratta Pratica di Mare-Bolzano. Cui va aggiunto “il danno di immagine al Corpo e alle Istituzioni” che verrà quantificato nel corso del giudizio di responsabilità contabile. A spanne, diverse decine di migliaia di euro. “Per una condotta – scrive il procuratore Angelo Canale nel chiudere l’indagine – illegittima e illecita”, di cui l’ex comandante generale risponderà economicamente in solido con il generale Ugo Baielli, all’epoca comandante del gruppo aeronavale delle Fiamme Gialle e oggi in pensione. La chiusura dell’indagine è stata notificata a Speciale ai primi di febbraio. Quando l’opportunità di una sua candidatura alla Camera con il Partito della Libertà in Umbria divideva ancora il centro-destra. Oggi, che l’uomo ha …

Condividi

L’Italia della realtà e quella della tv. Lettera di Walter Veltroni a Repubblica

CARO direttore, vedere l’Italia. Candidarsi a guidare un Paese implicava per me quest’obbligo e questa grande curiosità. Vedere l’Italia fa bene. Fa bene uscire dal racconto che la televisione ci regala ogni giorno e sul quale – ne ho raggiunto ormai la piena consapevolezza – tutto il dibattito pubblico si è riferito in maniera ossessiva e facile negli ultimi anni. Anche la politica. Ho visitato più di ottanta province e alla fine del mio viaggio le avrò viste tutte. In Italia, l’Italia della televisione non c’è. C’è un Paese diverso. Un altro programma, migliore. I modelli, i valori, le parole, il linguaggio, non sono quelli che si ascoltano seduti sul divano di casa. La televisione non racconta e non rappresenta con verità quello che siamo. È un mondo a parte ormai. Fatto di avatar che magari parlano anche italiano, ma che si muovono e interagiscono tra di loro in maniera totalmente innaturale. Reality e realtà non sono la stessa cosa, anzi spesso sono l’opposto. Persino l’innaturale bianco e nero della vecchia tv era più colorato …

Condividi

Oggi Democratic Day: in tutta Italia con l’Unità

Walter Veltroni ha pensato al famoso D-Day, la data dello sbarco in Normandia il 6 giugno del 1944, quando ha deciso il «Democratic day». Perché se quello fu il più imponente sbarco della storia militare, «quella di domani sarà la più grande mobilitazione elettorale che si ricordi negli ultimi decenni», dice Ermete Realacci, responsabile comunicazione del Pd. Centomila volontari impegnati; 12 mila gazebo (gli stessi dove si è votato il 14 ottobre per le primarie) sparsi in Italia; circa 70 milioni tra gadget, volantini e kit elettorali; 110 province coinvolte, 6 mila comuni. E una distribuzione straordinaria de l’Unità: 750mila copie. Obiettivo del D-Day: la rimonta finale. Raggiungere e superare il Pdl di Silvio Berlusconi. «Si può fare», ripete convinto Realacci a due settimane dal voto. I sondaggi sembrano dargli ragione: il Pd, stando per esempio all’Swg, è uscito dalla fase di stallo e ha ricominciato la corsa: solo cinque punti di scarto alla Camera e 4,6 al Senato. «Domenica mobiliteremo un milione di persone: in questo noi – a differenza del Pdl – siamo …

Condividi