Mese: aprile 2008

Confermato presidente del gruppo

Antonello Soro è stato confermato presidente dei deputati del Partito democratico con 160 voti su un totale di 208 votanti (gli aventi diritto sono 211), le schede bianche sono state 35. Il capogruppo del Pd, dopo la proclamazione, ha preso brevemente la parola e si è rivolto ai deputati spiegando che “occorrerà impegnarsi perché l’esperienza di opposizione non venga sprecata. Finora abbiamo avuto sempre opposizioni ostruttive e non disponibili: ora va invertita questa tendenza. Anche perché noi non siamo un partito dell’opposizione, ma siamo l’opposizione con un terzo dei deputati”. Soro ha quindi sollecitato tutti al lavoro e all’impegno sulle riforme istituzionali. Infine, sulla scelta di votare oggi scheda bianca per l’elezione del presidente della Camera, il capogruppo del Pd ha spiegato che non è il segnale di un’opposizione “che fa sconti ma che vuole riprendere quella tradizione secondo la quale i presidenti delle Camere sono terzi” ha concluso Soro. Condividi

Condividi

Fecondazione, abolito dalla legge il divieto di diagnosi preimpianto

Livia Turco: “Sarà fornito il sostegno psicologico alle donne e alle coppie che accedono alla procreazione assistita durante tutto il percorso assistenziale” da repubblica.it ROMA – Le nuove linee guida alla legge 40 del 2004 sulla procreazione medicalmente assistita sono una realtà. Il decreto del ministro della Salute Livia Turco, firmato lo scorso 11 aprile, esce oggi sulla Gazzetta Ufficiale. Tra le novità più salienti, rispetto al vecchio testo, il fatto che sono stati eliminati i commi che vietavano la diagnosi preimpianto, dopo le recenti sentenze di diversi tribunali e in particolare di quella del Tar Lazio dell’ottobre 2007. Il ministro della Salute Livia Turco ha spiegato che: “Queste nuove linee guida sono il frutto di un lavoro rigoroso finalizzato a due precisi obiettivi: la piena e corretta applicazione della legge 40 e la necessità di fornire idonee e puntuali indicazioni agli operatori sanitari alla luce delle nuove risultanze cliniche e del mutato quadro di riferimento giuridico scaturito da ripetuti interventi della magistratura sulle precedenti direttive. Sono convinta che il decreto oggi pubblicato sulla Gazzetta …

Condividi

Anna Finocchiaro confermata capogruppo del PD al Senato

“Ringrazio tutti, è stato un voto gratificante”  Anna Finocchiaro e’ stata riconfermata presidente dei senatori del Pd conquistando il si di 99 senatori su 111. Tre i pareri contrari alla sua nomina, mentre 9 sono state le schede bianche. Alla votazione, che si e’ svolta per appello nominale e a scrutinio segreto, mancavano Francesco Rutelli,Umberto Veronesi, Nicola Rossi (a causa di un infortunio) e Sergio Zavoli, che comunque ha fatto sapere di essere favorevole alla capogruppo uscente. Assenti anche i tre senatori radicali: Bonino, Perduca e Poretti. Le operazioni di voto sono state condotte dalle tre senatrici più giovani del gruppo che sono: Dorina Bianchi, Anna Rita Fioroni e Maria Antezza. Anna Finocchiaro viene così riconfermata alla guida dei senatori del Partito Democratico, dopo l’eccellente lavoro svolto durante la precedente legislatura, quando il gruppo che guidava era al Governo. “Sì , sono stata riconfermata – ha dichiarato la Finocchiaro – e voglio ringraziare tutti perchè e’ stato un voto davvero gratificante”. Sul lavoro che l’aspetta la senatrice del PD è convinta che “si riparte con …

Condividi

“25 aprile: a scuola di democrazia”

Intervento dell’on. Manuela Ghizzoni alla celebrazione della Festa della Liberazione a Mirandola. «Ritrovarci oggi, 25 aprile, non significa semplicemente celebrare – come è giusto che sia – l’evento fondativo della nostra storia repubblicana. E nemmeno si esaurisce nel ricordare il buco nero rappresentato dal nazifascismo, dalla tragedia della II Guerra Mondiale e dall’orrore della Shoah e, contemporaneamente, nel rammentare quanti ebbero il coraggio di opporsi all’occupazione e alla Repubblica di Salò, come i gappisti del distaccamente Bruni e i partigiani della divisione Sap Remo e nell’onorare quanti persero la vita in combattimento o per atroce rappresaglia, come accadde ai 5 giovani mirandolesi impiccati per l’uccisione di un soldato tedesco. Ma essere qui oggi, significa anche riflettere sulle radici della nostra democrazia e proprio da qui voglio partire per tirare quel filo che connette la Lotta di Liberazione alla Costituzione, alle Istituzioni repubblicane e, soprattutto, alla nostra vita democratica, di pace e in libertà. La sconfitta del fascismo ha infatti segnato l’inizio di una nuova epoca, l’affermazione della democrazia come sistema ideale di convivenza civile, in …

Condividi

“Il 25 aprile appartiene a tutti gli italiani”

L’on. Ghizzoni: “Educare le giovani generazioni alla pratica della democrazia ma anche favorire la conoscenza della Costituzione tra i cittadini stranieri” “Quando celebriamo il 25 aprile, quando rendiamo omaggio ai tanti che ebbero il coraggio di opporsi al nazifascismo, noi non rievochiamo semplicemente un passato lontano ma parliamo del presente, dell’Italia di oggi che ha nella sua Costituzione le regole fondamentali e condivise della democrazia. Celebrare il 25 aprile vuol dire quindi riconoscersi nell’assetto democratico nato storicamente dalla Resistenza, frutto di una sintesi magistrale tra culture politiche differenti. Per questo il 25 aprile appartiene a tutti gli italiani, di qualunque schieramento politico essi siano. Uno sguardo più distaccato e obiettivo su quella stagione della storia nazionale, le nuove acquisizioni della ricerca storica – avviata in gran parte dei casi dagli stessi Istituti storici della Resistenza – la volontà di sottrarre gli studi sulla Resistenza ai condizionamenti della propaganda, tutto questo potrebbe contribuire finalmente alla formulazione di giudizi più sereni. Eviterebbe un uso politico della storia che, alimentato dalla logica degli opposti estremismi ha finora nuociuto, …

Condividi

ALITALIA:Un patrimonio a rischio

Air France si ritira. Silvio Berlusconi prima esulta e nessuno capisce il perché, poi chiama in causa il governo Prodi chiedendogli di aumentare il prestito ponte per salvare Alitalia, dopodiché accusa i sindacati e infine annuncia che “saranno inevitabili tagli del personale” nella compagnia di bandiera. Il tutto in meno di quarantott’ore. E’ il caos. E tutte le più pessimistiche previsioni fatte in campagna elettorale sembrano materializzarsi. Ora per Alitalia l’incubo fallimento, dopo l’intervento costato 300 milioni di euro al governo, sembra solo essere rinviato. Della fantomatica cordata italiana ancora non c’è traccia. L’accusa ai sindacati, si diceva. Oggi Berlusconi non ha trovato alcun argomento alternativo. “Air France – ha detto – si è ritirata in primo luogo per i veti dei sindacati”. Durissima ed immediata la replica, affidata a Guglielmo Epifani, segretario della Cgil: “E’ uno scarico di responsabilità che non fa onore a chi lo pronuncia”. Secondo il leader della Cisl Raffaele Bonanni, la dichiarazione del capo del Pdl è addirittura alla stregua di “una barzelletta”. Messo alle corde, il cavaliere, come spesso …

Condividi

Relazione sull’Interruzione volontaria di gravidanza – 2006-2007

Il Ministro della Salute Livia Turco ha trasmesso al Parlamento la Relazione annuale sull’attuazione della legge 194/1978, contenente “Norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria della gravidanza” che contiene i dati preliminari per l’anno 2007 e i dati definitivi per l’anno 2006. I dati relativi al 2007, con un totale di 127.038 IVG, evidenziano un ulteriore calo del 3% rispetto al dato definitivo del 2006 (131.018 casi) e un decremento del 45,9% rispetto al 1982, anno in cui si è registrato il più alto ricorso all’IVG (234.801 casi). Il tasso di abortività (numero delle IVG per 1.000 donne in età feconda tra 15-49 anni), l’indicatore più accurato per una corretta valutazione della tendenza al ricorso all’IVG, nel 2007 è risultato pari a 9,1 per 1.000, con una diminuzione del 3,1 rispetto al 2006 (9,4 per 1.000) e del 47,1% rispetto al 1982 (17,2 per 1.000). Continua la diminuzione delle IVG tra le donne italiane: i dati definitivi relativi all’anno 2006 evidenziano infatti 90.587 IVG, con una riduzione del 3,7% rispetto al …

Condividi