attualità, partito democratico, università | ricerca

Walter Veltroni: “Paese al collasso, dialogo finito”

Pubblichiamo l’intervista di Massimo Giannini a Walter Veltroni, apparsa oggi su Repubblica.
«L’Italia vive la crisi più drammatica dal dopoguerra in poi. Berlusconi prende in giro i cittadini, e si occupa solo dei suoi affari personali. Ora basta, il dialogo è finito”. Walter Veltroni va all’attacco. Se mai è esistito, il “Caw” è archeologia repubblicana. Tra maggioranza e opposizione è guerra aperta. Il leader del Pd denuncia la “crisi devastante in cui versa il Paese”, e punta il dito contro il Cavaliere.

Onorevole Veltroni, da cosa nasce questo suo allarme?
“La crisi ha origini antiche. Ma oggi quello che sconcerta è il capovolgimento delle priorità. L’Italia vive la condizione più drammatica dal dopoguerra. Siamo in piena stagnazione. I consumi crollano: quelli finali sono a -2,3%, a -4% nel Mezzogiorno. Per la prima volta siamo passati dal 6,4 al 7,1% nel tasso di disoccupazione. La produttività è -0,2%, il Pil ristagna al +0,1%. Il Paese è fermo”.

Ma è fermo da anni.
“Sì, ma ora si sommano due circostanze. La prima è la sconcertante manovra del governo. Ora che sale la nebbia degli spot, finalmente viene fuori la realtà. C’è una prima novità, devastante: le tasse aumentano, dello 0,2% nel 2010. E nonostante la promessa elettorale sul calo della pressione fiscale sotto il 40% del Pil, nel 2013 arriverà al 42,9%. Poi c’è la seconda notizia, non meno clamorosa: l’esito della famosa Robin Hood Tax. Dei 5 miliardi presi sa quanto va alla famosa carta per i poveri? 290 milioni di euro quest’anno, 17 l’anno prossimo e 17 l’anno successivo. Briciole. Nel frattempo, aumentano di circa 300 euro le spese nelle famiglie: 180 euro per benzina gas e luce, 100 euro per i generi alimentari. Poi c’è una terza notizia: si riduce la spesa per gli investimenti, 10 miliardi in meno da qui al 2011. Vogliono dare le armi ai vigili urbani, vogliono mettere i vigilantes, ma intanto riducono le spese per gli straordinari delle forze di sicurezza: 800 milioni in meno per la polizia, 800 milioni in meno per i carabinieri, e tagliano 150 mila persone nella scuola. Ecco l’Italia vera: sull’orlo del precipizio”.

Segretario, non la vede un po’ troppo nera?
“Niente affatto. Questa è la fotografia del Paese, attraversato da impoverimento, insicurezza e paura. E la nostra destra che fa? Chiede le impronte dei bambini rom, una cosa che solo a sentirla fa venire i brividi. Vara una manovra che truffa i cittadini. Inventa il reato di immigrazione clandestina, che il premier definisce impraticabile dopo aver firmato il ddl che lo contiene. Inventa la bufala dei mutui, che costa 13 mila euro in più a famiglia. Mette in scena la farsa dei rifiuti, con Bossi e Calderoli che chiedono alle Regioni di prendere i rifiuti. Perché non l’hanno chiesto prima? Anche i rifiuti sono diventati merce elettorale? E infine rilancia le leggi ad personam. Questo, alla fine, genera un’inquietante caduta dello spirito pubblico. Nel momento più drammatico della storia italiana, di cosa stiamo parlando dall’inizio della legislatura? Del decreto per Rete4, della norma sposta-processi, del Lodo Schifani. Lo trovo intollerabile”.

Sul Lodo Schifani o Alfano qual è la valutazione del Pd?
“Non do valutazioni finché c’è di mezzo quell’emendamento al decreto sulla sicurezza. Se non si stralcia la norma blocca-processi, non discutiamo del resto. Dopodiché, sul Lodo io chiedo: è la priorità di un’Italia che non sa come arrivare alla fine del mese? E poi aggiungo: c’è bisogno di disciplinare questo tema adesso, in modo così scandalosamente segnato dalla preoccupazione contingente di una delle 4 cariche istituzionali, che vuole una norma per sé e non una norma per la democrazia? E quale principio stabiliamo: un’alta carica dello Stato, che poi magari diventa un’altra alta carica dello Stato, può compiere qualsiasi tipo di reato senza essere perseguibile per un tempo illimitato? No, a tutto questo io dico no. Se c’è un’esigenza di garanzia generale, allora studiamo pure una norma. Ma intanto come disegno di legge costituzionale, e poi la facciamo scattare dalla prossima legislatura. Così si fa, nelle democrazie europee”.

Quindi su questo in Parlamento sarà battaglia?
“Sarà battaglia su questo, ma sarà battaglia su tutto. Noi vogliamo combattere per ristabilire una gerarchia delle priorità. Qui di urgente non ci sono i decreti salva-processi del premier, ma i disagi di milioni di italiani. Per questo voglio la grande manifestazione d’autunno”.

Di Pietro, dal quale siete sempre più divisi, obietta: se c’è davvero l’emergenza democratica, è ridicolo aspettare l’autunno.
“Ho parlato dell’autunno perché su alcune questioni sociali, che Di Pietro non sa neanche dove stiano di casa, sarà quello il momento più critico. Detto questo non mi spaventa avere idee diverse su come fare opposizione. Io non vivo col problema che c’è uno che urla più di me, perché sono un riformista e so che per un riformista c’è sempre uno che urla più di te. Ma so anche che quelle urla poi si perdono nell’aria. E so che quelli che alla fine cambiano davvero le cose sono i riformisti. Vivere con la paura del nemico a sinistra è qualcosa di cui ci dobbiamo liberare per sempre”.

Ma di fronte a Berlusconi che continua a bastonarvi ha senso continuare a restare appesi al “dialogo”, come fosse la nuova ideologia della legislatura?
“Lei ha ragione. Il dialogo ha senso solo se dà risultati concreti. Secondo un sondaggio Ipsos, il 71% degli italiani è favorevole al dialogo tra maggioranza e opposizione, purché risolva i problemi. È questo, oggi, che è venuto meno. Berlusconi, alla Camera il primo giorno, ha parlato di un clima nuovo nei rapporti tra maggioranza e opposizione. Io prudentemente risposi “vedremo se alle parole corrisponderanno i fatti”. Oggi rivendico la giustezza di quella scelta: pensi che regalo sarebbe stato per Berlusconi, se di fronte alle sue aperture l’opposizione avesse detto: no, io con te non ci parlo perché sei Berlusconi. Sarebbe stato il suo alibi perfetto. Invece noi abbiamo detto: se c’è la disponibilità a fare riforme istituzionali nell’interesse del paese noi siamo pronti. Nessuno può dire che noi abbiamo avuto un atteggiamento pregiudiziale. Ma proprio per questo oggi possiamo avere la libertà totale di dare i giudizi più severi sull’operato del premier”.

Ma in queste condizioni ha ancora senso, il dialogo?
“No. In queste condizioni il dialogo è finito. È finito perché loro non sono in grado di votare un presidente della commissione di vigilanza se non facendo trattative che noi non facciamo. È finito perché loro sanno procedere solo per strappi, come hanno fatto sulla giustizia. È finito perché Berlusconi è tornato ad essere ciò che è…”.

Il Caimano?
“Non ho mai dato giudizi personali e continuo a non darli. Mi limito a osservare che il modo in cui Berlusconi ha condotto la campagna elettorale, e poi le cose che ha detto in Parlamento, e poi quelle che sta facendo ora, sono una somma di doppiezze, indistinguibili e inconciliabili. E sono una somma zero per il Paese”.

Lei boccia legittimamente il governo, ma parla come se nel Pd fossero tutte rose e fiori. In realtà, dalla sconfitta del 13 aprile, non le pare che siate usciti confusi, sfibrati, divisi?
“Ho già detto che la sconfitta c’è stata, ed è stata dura. Ma oggi, a chi accusa dall’interno il gruppo dirigente, rispondo citando Roberto D’Alimonte sul “Sole 24 Ore”. Il risultato delle elezioni non poteva essere un punto d’arrivo, ma solo un punto di partenza. Come tale, è stato tutto sommato un buon risultato, ottenuto in condizioni difficili, su cui si può costruire con pazienza, intelligenza e umiltà. Invece quello che appare oggi è un partito ripiegato su se stesso. Eppure, rispetto alle elezioni che avevamo vinto per modo di dire nel 2006, al Senato noi siamo cresciuti del 6%, alla Camera del 2%. Abbiamo il 34% dei voti, cioè siamo agli stessi livelli del Labour in Inghilterra, dell’Spd in Germania, dei socialdemocratici in Svezia”.

Verissimo. Ma il Pd resta minoranza nel Paese. E ora oscilla paurosamente sulle alleanze.
“Sa perché abbiamo preso quel 34%? Perché siamo andati liberi, ed è una scelta di cui mi piace assumermi fino in fondo la responsabilità. L’Unione era un’esperienza finita, forse già prima del voto del 2006. Oggi c’è qualcuno che ha nostalgia con quelle riunioni di maggioranza con tredici partiti? Se c’è lo dica, si faccia avanti”.

C’è chi le obietta: andare da soli non vuol dire coltivare il mito dell’autosufficienza.
“Questo è un vizio da vecchia politica politicante: attribuire agli altri una posizione che non hanno, per poi poter polemizzare. Io non sono contro le alleanze a priori, ma ho sempre detto, e lo ripeto oggi, che l’alleanza si fa sui programmi, sulle scelte concrete. Quindi, dalla sinistra radicale a Casini, va bene tutto quello che è convergenza di programma. Ma ferma restando l’idea di fondo: mai più l’unione, che è la principale contraddizione rispetto all’Ulivo. Mai più partiti di lotta e di governo. Quella roba il Paese non la sopporta più”.

Sia sincero. Non coglie segnali di malessere dentro il Pd? Ci sarà un motivo se “Europa” definisce l’ultima assemblea costituente “un funerale di prima classe”?
“Un segnale di malessere è il fatto che la nostra gente non è contenta di vedere che nel Pd si vanno costruendo recinti e steccati che non dovrebbero esistere. Abbiamo convocato per la terza volta in sei mesi un congresso, perché quando un’assemblea costituente riunisce 2800 persone è come fosse un congresso. Ditemi: quale partito italiano o europeo ha una vita democratica di questa dimensione? E perché la stessa critica non viene fatta ad An, o a Forza Italia? Non si dovevano sciogliere nel Popolo della libertà? La nostra forza, la forza del Pd, sta nell’essere capaci di riconoscere un pluralismo interno di idee, non di strutture. Un pluralismo di contributi intellettuali e di valori, non di casematte organizzate”.

La dica pure, la parola maledetta: correnti. Le Fondazioni non sono correnti? La dalemiana Red non è una corrente?
“Non lo so, non me ne occupo. Io non faccio correnti, perché la mia unica “corrente” è il popolo del Pd, sono quei 3 milioni e mezzo di cittadini che hanno votato alle primarie”.

E di Parisi che la invita a dimettersi cosa mi dice?
“Ho stima intellettuale per Parisi. Ma provo nei suoi confronti una delusione umana. Mi sarebbe molto piaciuto che estraesse il suo dardo fiammeggiante nel momento in cui Prodi dopo la vittoria del 2006 fu assediato dai partiti, che lo costrinsero a fare un governo di cento persone. Allora mi sarebbe piaciuto che Arturo si alzasse in piedi e dicesse “se è così io non ci sto”. Ma non l’ha detto”.

Nel Pd c’è chi dice: se vanno male le europee del 2009 Veltroni è finito. E c’è persino chi pensa che lei potrebbe crollare prima. Cosa risponde?
“Rispondo che fa sempre più rumore un albero che cade, piuttosto che la foresta che cresce. Io mi occupo di far crescere la foresta. Gli altri, se vogliono, si occupino di logorare me e il Pd in previsione delle europee. Io farò il contrario. Lavorerò per preparare, fin dal prossimo autunno, l’alternativa forte e credibile a un governo che sta portando l’Italia al collasso. La luna di miele tra Berlusconi e il Paese sta finendo. Tocca a noi proporre alla gente un’altra idea dell’Italia».

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Fabbri Marco - PD FInale Emilia
Ospite
Fabbri Marco - PD FInale Emilia

Ciao a tutti. Se in regime di libero mercato non si può intervenire direttamente sui prezzi, perchè non si propone di diminuire due e tre punti percentuali l’iva sui prodotti di acquisto di prima necessità alleggerendo i continui aumenti che ogni giorno si susseguono? Perchè non si sente parlare di un confronto del governo con le categorie per cercare di trovare un accordo per calmierare gli aumenti?
Perchè lo stato è il primo a godere di questi aumenti tramite iva ed accise e non fa nulla per dare un fermo a questa continua speculazione che non ha più limiti?
Ciao

Manuela Ghizzoni
Member
Antonio Padellaro, direttore de L’Unità, lo scorso 14 giugno ha pubblicato un articolo “La voce del PD”. http://www.lunita.it/archivio/cerca.asp Padellaro lanciava l’idea di ritornare nelle piazze, quelle “piazze gremite solo 3 mesi fa” Walter Veltroni risponde oggi con passione e lucidità attraverso le pagine dello stesso giornale: “”Caro Antonio, qualche giorno fa, su queste colonne, hai ricordato i giorni, i temi, le passioni della campagna elettorale. Hai ricordato le «piazze gremite» e il «coinvolgimento» che eravamo riusciti a suscitare «recuperando voti che sembravano perduti». Non l’hai fatto semplicemente per ripensare a momenti belli e intensi di cui peraltro sei stato testimone… Leggi il resto »
wpDiscuz