università | ricerca

Cinque per mille, uno spiraglio per le associazioni escluse

L’on. Ghizzoni (PD): “Contributi negati per meri vizi di forma. Incalzeremo il governo affinché la disponibilità mostrata in Parlamento si traduca finalmente in atti concreti”
Si apre uno spiraglio per le associazioni modenesi escluse, per colpa della burocrazia, dal beneficio del 5 per mille. Il governo, rispondendo a un’interrogazione degli onorevoli Manuela Ghizzoni e Ivano Miglioli, promette di “svolgere un ulteriore approfondimento sulla questione” e si dichiara disponibile a semplificare le procedure richieste alle associazioni per l’accesso ai contributi.

“Sono una ventina – spiega l’on. Ghizzoni – le associazioni modenesi meritevoli che si vedono negare il contributo esclusivamente per meri vizi di forma. Caso emblematico è quello dell’ ‘Angela Serra’, impegnata nella ricerca sul cancro, che si è vista negare un contributo di 273 mila euro perché mancava la copia di un documento d’identità”.

Nel suo intervento in Commissione l’on. Ghizzoni ha citato, a questo proposito, il caso di un’associazione Onlus che – a seguito della sua esclusione dal 5 per mille per un vizio di forma – ha ottenuto dal Tribunale di Bari il reinserimento nell’elenco dei soggetti aventi diritto al beneficio.

“Si tratta di un precedente importante – dice la parlamentare del PD – del quale il governo dovrà tenere conto. Alle associazioni interessa non solo la possibilità di accedere ai benefici dai quali sono state escluse ma anche la semplificazione degli adempimenti previsti per il contributo, tenuto conto che buona parte della documentazione richiesta è già in possesso dell’amministrazione dello Stato. E’ indispensabile – aggiunge Ghizzoni – che il governo si attivi quanto prima per dare risposte alle attese dei cittadini e delle associazioni interessate. Incalzeremo il governo affinché la disponibilità mostrata dal sottosegretario alle Finanze Giorgetti si traduca finalmente in atti concreti”.

Ecco di seguito l’elenco delle associazioni modenesi escluse dal beneficio del 5 per mille:

Comitato per il progetto Cernobyl (Carpi); ORMA – associazione per la tutela ed il recupero di animali domestici (Carpi); A.V.S.A. (Riolunato); Associazione Pandacarpi (Carpi); A.V.A.P. (Palagano); Soccorso cinofilo (Carpi); Associazione Volontari (Alta Val Dolo); Raggruppamento guardie ecologiche volontarie Legambiente (Modena); Avpa croce blu (Modena); Associazione Angela Serra (Modena); Amici per la vita (Formigine); Insieme in quartiere per la città (Modena); Nonsoloscuola (Modena); Centro di aiuto alla vita Matilde Ronchetti (Formigine); Per non sentirsi soli (Vignola); Sos mama (Formigine); Vip viviamo in positivo (Modena); Prometeo (Modena); Coord. per le associazioni di volontariato per la coop internazionale (Modena).

 

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
redazione
Ospite

La sentenza è consultabile in questo sito:
http://beta.vita.it/news/view/84107

elisa cultrera
Ospite

posso avere copia della sentenza del tribunale di bari della quale parlate? Mi sono interessata, pur se indirettamente, del caso di una associazione padovana esclusa e trovo davvero insolito che non siano state promosse azioni, individuali o collettive, contro l’esclusione. E dire che in moltissimi casi l’esclusione è stata palesemente illegittima! Grazie, con cordiali saluti. Elisa Cultrera

wpDiscuz