comunicati stampa

Assemblea alla Festa Democratica di Firenze “Salva la scuola, salva l’università, salva la ricerca” presente l’On. Ghizzoni

Salvare la scuola e il sistema educativo del Paese. Con questo obiettivo, i responsabili dell’Area Sapere del Pd hanno organizzato un’Assemblea nazionale per domani 6 settembre, nell’ambito della Festa Democratica, a Firenze, al Teatro Lorenese della Fortezza da Basso. “Con questa iniziativa – spiega Mariapia Garavaglia, ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca del governo ombra del Pd – vogliamo chiamare a una mobilitazione il mondo del sapere contro la politica educativa, scolastica ed universitaria del governo. I tagli di Tremonti, con buona pace degli slogan del ministro Gelmini, rischiano di mettere in ginocchio settori fondamentali della società italiana, con la chiusura di oltre 4000 scuole, con gli atenei ridotti negli organici e con il turn over bloccato, con centinaia di migliaia di precari che da anni insegnano e ai quali non viene garantito alcun futuro, senza contare il continuo esodo verso l’estero dei migliori cervelli della ricerca”. La manifestazione avrà inizio alle 10 con l’Assemblea plenaria alla quale interverranno Mariapia Garavaglia, Pina Picierno, ministro delle Politiche per i Giovani del governo ombra, Maria Coscia, responsabile della Scuola, Giampaolo D’Andrea, responsabile della Ricerca, e Luciano Modica, responsabile dell’Università. Alle 15.30 avrà inizio una Tavola Rotonda coordinata dal giornalista Piero Damosso a cui prenderanno parte Manuela Ghizzoni, capogruppo Pd alla VII Commissione della Camera, Silvia Costa, coordinatrice nazionale degli assessori regionali, Nadia Masini (Anci), Angela Cortese (Upi), Enrico Panini (Flc-Cgil), Francesco Scrima (Cisl), Massimo Di Menna (Uil) e Luca De Zolt (Rete degli Studenti).

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Annamaria
Ospite
Scusate l’invio involontario… Dicevo: poi l’aggiornamento, spesso casuale e frammentario, affidato al singolo: se ad inizio carriera, anche a rischio di non avere una linea didattica chiara e lungimirante. Un aggiornamento che, fra l’altro, fatica a conciliarsi con lo stipendio… Ci sono stati passi fondamentali che la Scuola ha compiuto, nella sua Storia recente, ma che sono sconosciute ai più anche per colpa della Scuola stessa, che non ha compreso l’importanza della Comunicazione. Qualche esempio? La specializzazione necessaria nelle discipline, il lavoro di team, il superamento definitivo (pareva) di una scuola irripetibile perchè legata al suo Autore. Il vero punto… Leggi il resto »
Annamaria
Ospite
Sono contenta che si parli di scuola. Mi dispiace però che, in genere, specialmente sui giornali, ne parlino persone che della scuola hanno solo un’idea indiretta: la loro esperienza (Citati, il cui articolo certamente fa più opinione di tante lettere ai Direttori, è del 1930 ed ha insegnato negli anni ’50), quella dei vari figli e nipoti. La ministra gelmini compie un’operazione assolutamente economica, ma cavalca un’opinione della scuola molto diffusa. Già: a che servono tutti quei progetti, quei rientri? Perchè un maestro non è sufficiente? Spero che nella discussione di domani qualcuno racconti di classi sovradimensionate, con un numero… Leggi il resto »
Melanie Segal
Ospite

Per i precari si tratta di vera e propria emergenza: dobbiamo fermare la distruzione dell’istruzione pubblica.
http://www.precariscuola.135.it/

wpDiscuz