comunicati stampa

Beni culturali, Pd a Bondi: faccia luce su regolarità concorso archeologi

“Davanti alle numerose proteste del mondo dell’archeologia italiana sul concorso bandito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per la selezione di 30 Archeologi, il Pd ha presentato una interrogazione parlamentare per fare luce sui criteri e sulle procedure individuate per lo svolgimento del concorso e sulle condizioni con cui si sono svolte le prove”.  

Lo annuncia la capogruppo del Pd nella commissione Cultura della Camera, Manuela Ghizzoni, che aggiunge:”a seguito delle tante proteste dei partecipanti e delle dure denuncie dell’Associazione nazionale archeologi (Ana) sulle inadeguatezze organizzative con cui si è svolta ieri a Bologna la prova preselettiva è urgente un chiarimento da parte del Ministro Bondi sulla effettiva regolarità del concorso”.

“Le proteste – aggiunge Ghizzoni – non si limitano al solo svolgimento della prova preselettiva ma anche al grave stato di disordine e improvvisazione che ha caratterizzato l’intera organizzazione del concorso: dai requisiti minimi di accesso; alla diffusione di quesiti errati e confusi nella formulazione e per questo sottoposti a continue procedure di correzione da parte del ministero anche a pochi giorni dall’avvio del calendario delle prove; a criteri di valutazione che mortificano la formazione scientifica e professionale conseguita dai concorrenti; all’articolazione del calendario delle prove di esame su un lasso di tempo compreso tra il 19 novembre e il 19 dicembre, che determina un’obiettiva disparità di trattamento tra i candidati che possono contare su tempi diversi di preparazione; ad una non chiara distribuzione territoriale dei posti messi a bando”.

“Chiediamo al ministro – conclude Ghizzoni – di dare risposte urgenti per non vanificare la qualità di un concorso finalizzato a selezionare con criteri efficaci, coerenti e trasparenti giovani di elevata qualità professionale di cui la Pubblica Amministrazione ha assoluto bisogno per rinnovarsi e innovare”.

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Bertolotti Giulia
Ospite

a Bologna c’ero anch’io no comment
giulia

eleonora
Ospite

Gent.ma On. Ghizzoni,
sono una socia dell’Associazione Nazionale Archeologi e ho appreso dalla newsletter della mia Associazione del suo interessamento alle problematiche della categoria e delle sue iniziative in merito (proposta di legge, interrogazione su concorso).
La ringrazio per la sua attenzione al tema ed in particolar modo per l’interrogazione parlamentare che ha annunciato. Io sono di Bologna, ho preso parte alle prove pre-selettive e sottoscrivo in pieno quanto denunciato da lei e dall’Associazione Nazionale Archeologi. Grazie

luca
Ospite

Io ero a Trieste e ho visto cose indegne, o meglio: degne di questo concorso. Non so se l’interrogazione servirà ma penso che sia il minimo da fare.

archeodomo
Ospite

Sono davvero contento per l’annuncio di questa interrogazione. Finalmente mi sento rappresentato come cittadino e archeologo!

Alessandro
Ospite

Anche io ero a Bologna. Sono contento che le nostre proteste siano arrivate in Parlamento. Grazie all’On. Ghizzoni

Carlotta
Ospite

Grazie Manuela. Io ho partecipato alle prove preselettive di Bologna ed è stato uno spettacolo indegno.

lucia
Ospite

Finalmente le nostre proteste sono arrivate in Parlamento. Non ci posso credere: la politica si occupa anche della gente comune. Speriamo che Bondi risponda

Claudio
Ospite

Era ora che qualcuno dell’opposizione si muovesse per raccogliere le proteste contro questo concorso indegno (a 13 anni dall’ultimo concorso appena 30 posti di archeologo per tutta Italia: in media meno di 2 archeologi a regione. e a storici dell’arte, archivisti e bibliotecari è andata anche peggio!).
Finalmente il governo sarà costretto a dare risposta alle proteste di migliaia di professionisti che hanno toccato con mano l’assurdità e la schizofrenia di questo concorso. Grazie Manuela

wpDiscuz