attualità

Milano, arrivano le ronde nere. Il PD “fermiamo questo delirio”.

All’Msi di Milano presentazione dei “volontari” della Guardia Nazionale Italiana. “In azione appena in vigore il ddl sicurezza”. Minniti: “Colpo al cuore della democrazia”. Dicono di essere più di 2.000 in tutta Italia, pronti ad indossare una divisa per “collaborare con le autorità contro la delinquenza”. Sono le “ronde nere”: camicia kaki, basco con aquila imperiale romana, una fascia nera al braccio con impressa la “ruota solare” e pantaloni grigi. Sono i volontari della Guardia nazionale italiana, pronti a pattugliare le strade 24 ore su 24, affiancando le ronde padane, non appena sarà approvato dal Senato il disegno di legge sulla sicurezza.

Sponsor l’Msi. L’iniziativa è stata presentata oggi a Milano, durante il primo convegno nazionale del Movimento sociale italiano-Destra italiana, che fornisce supporto logistico e finanziario e mette a disposizione le risorse per il progetto.

Saya: “Volontari, ex agenti”. Ispiratore politico della GNI, Gaetano Saya, rinviato a giudizio nel 2004 per aver diffuso “idee fondate sulla superiorità e l’odio razziale”, lo stesso che qualche anno fa parlò degli immigrati come “un pericolo per la nostra razza”. “Abbiamo superato ampiamente le duemila adesioni. Ogni giorno – spiega orgoglioso – ne arriva una valanga di nuove, soprattutto ex appartenenti alle forze dell’ordine”.

Comandante, ex ufficiale dei carabinieri. Il comandante della Guardia Nazionale Italiana è un colonnello dei carabinieri in riserva. Augusto Calzetta, 67 anni, carriera fra Genova e la Versilia, che vanta l’arresto di Ovidio Bompressi e le indagini sul mostro di Barbagli a Genova e sul sequestro dell’Achille Lauro. Un anno fa è stato arrestato dagli ex colleghi perché sospettato di essere coinvolto in una storiaccia di lucro sulle cremazioni: “Frottole: non c’entro niente”.

“Siamo apolitici”. Della GNI ci tiene a dire che è “apolitica: né neri, né verdi, né gialli. E’ una Onlus che vuole fare del bene ai cittadini. Vogliamo vigilare su determinate aeree, ma niente manganelli, elmetti e svastiche”. Eppure gli elmetti fanno parte della divisa ufficiale. Chi mette i soldi? “Per ora ne abbiamo pochissimi. Speriamo nel governo”. Cosa farete in concreto? “Andremo in giro nei posti malfamati, controlleremo e riferiremo a chi di dovere”.

Minniti: “Fermate questo delirio”. “E’ un colpo al cuore ai principi di ogni democrazia liberale”, tuona il Pd. “Dopo le camicie verdi – afferma il responsabile sicurezza Marco Minniti – arrivano le camicie grigie promosse dall’Msi. Esatta la previsione di una cattiva “partitizzazione” della sicurezza nel nostro paese. Ora si faccia qualcosa per fermare questo sconcertante delirio”.
www.repubblica.it

Condividi
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Manuela Ghizzoni
Member
Oggi, nonostante la Procura di Milano stia indagando sulla organizzazione delle Guardie Nazionali Italiane per apologia del fascismo , le GNI rilasciano alle Agenzie alcuni comunicati che vale la pena leggere. Io non posso pensare che la sicurezza del mio Paese venga consegnata nelle mani di persone inadeguate, pericolose e mosse da una ideologia razzista, xenofoba e ignorante. Vi trascrivo i comunicati che ho trovato nella rete SICUREZZA: RONDE NERE NON SI FERMANO E CERCANO VOLONTARI, AVVOCATI E MEDICI = E ANNUNCIANO DOTAZIONE DI MEZZI STRADALI NAVALI E AEREI Milano, 15 giu. (Adnkronos) – Prosegue nell’opera di arruolamento di “legionari”… Leggi il resto »
Leandro
Ospite

Vi sengalo questa interessante iniizativa di kai zen

http://kaizenology.wordpress.com/2009/06/05/io-li-odio-i-nazisti-dellillinois/

Enrico
Ospite
Condivido la preoccupazione del SILP-CGIL. SICUREZZA: RONDE NERE; SILP-CGIL, PERICOLOSA CONFUSIONE DDL (ANSA) – ROMA, 14 GIU – ”Cresce la pericolosa confusione provocata dal ddl sicurezza sull’introduzione delle ronde”. E’ il commento di Claudio Giardullo, segretario del sindacato di polizia Silp-Cgil, all’iniziativa delle ronde nere a Milano. ”Gia’ a normativa vigente – ricorda Giardullo – non e’ consentito l’uso di uniformi senza l’autorizzazione del ministero dell’interno e le cosiddette ronde nere presentano uniformi che evocano richiami politici e torce di dimensioni significative”. Non solo, aggiunge, ”notizie di stampa dicono di disponibilita’ di auto, barche ed un piccolo aereo. Pensiamo sia… Leggi il resto »
Manuela Ghizzoni
Member

Ho visto sul web pure le immagini e le divise. Fanno proprio paura, sembrano la fotocopia dei soldati nazisti. Non credo ci farà bene questo strano connubbio sicurezza=ronde squadriste.
Ma vedo anche che la gente subisce senza neppure indignarsi.
Se facessi vedere una foto di questi strani figuri a mio nonno, andrebbe in piazza a protestare perchè lui sa bene il significato di quelle divise e soprattutto non ha dimenticato.
Quindi stampate le foto di questi “nuovi” paladini della sicurezza e mostrateli ai vostri genitori, ai vostri nonni, rimarrete stupidi delle loro reazioni e forse imparerete qualcosa