cultura

“L’archivio del Vasari ai russi. ‘Il governo blocchi la vendita’”, di Mara Amorevoli

FIRENZE – Il “libro dei ricordi” di Giorgio Vasari, il geniale architetto, pittore e letterato nato ad Arezzo nel 1511 e vissuto a Firenze alla corte dei corte dè Medici fino al 1574, sta per essere venduto ad una società russa per 150 milioni di euro. Si tratta di 31 faldoni, con le note autografe relative ai lavori dell’artista, compresi i carteggi con Piero Aretino, Cosimo I dè Medici, Michelangelo e tutti i grandi del ‘500. Le preziose carte, che sia pure vincolate con un decreto ministeriale del 1994 e riconosciute documenti di notevole interesse storico su un protagonista del Rinascimento, finirebbero in mani straniere.

“Uno scandalo inaccettabile, un disastro da scongiurare in ogni modo” inveisce il sindaco di Arezzo Giuseppe Fanfani, che ne dà notizia dopo avere ricevuto una lettera “tipo notifica di condominio” dalla Soprintendenza archivistica per la Toscana in data 12 ottobre. “Nella lettera, firmata dalla soprintendente Diana Toccafondi – racconta il sindaco – mi si comunica che, come previsto dalla legge, posso avanzare un’eventuale proposta di prelazione entro 90 giorni dalla decorrenza del 23 settembre. Una follia: dove trovo i 150 milioni di euro, cifra pari a cinque volte il bilancio del Comune di Arezzo?”. Il concittadino di Vasari è infuriato. E per bloccare la vendita, ha scritto alla presidente del Coniglio Silvio Berlusconi, al ministro dei Beni culturali Sandro Bondi, ai parlamentari toscani e persino, tramite l’ambasciata romana, al presidente russo Vladimir Putin.

“Se le carte di Vasari, finissero in mano privata straniera, sarebbe una perdita culturale gravissima. E vista l’ingente somma richiesta, se la vendita verrà confermata alla società russa, siamo pronti a tutto pur di bloccarla, anche a chiedere una verifica degli atti e delle procedure seguite alla Procura della Repubblica” prosegue Fanfani invitando il governo, attraverso il ministero per i Beni culturali “a farsene carico, perché se lo Stato non impedisce questa transazione, mi vergogno di essere italiano”. Uno smacco “inconcepibile per una nazione civile”, avvertito ancora di più visto che Arezzo si sta preparando alle celebrazioni del cinquecentenario della nascita di Vasari per il 2011, mettendo in cantiere una serie di eventi.

“Se la vendita verrà effettuata non celebreremo proprio niente. Se le celebrazioni le vogliono, le facciano il presidente del Consiglio ed il ministro per i Beni culturali” minaccia ancora il sindaco. L’archivio con le 31 filze autografe di Vasari è custodito attualmente in un armadio, vincolato jure publico alla sede museo di Casa Vasari, benché la proprietà sia privata, riconosciuta tra complesse e non del tutto chiare vicende al conte Giovanni Festari, morto qualche giorno fa, dopo aver firmato l’alienazione dell’archivio, come conferma il suo avvocato Enrico de Martino. “Il vincolo c’è oggi, ma domani potrebbe essere tolto – prosegue Fanfani, – Ed è poco credibile che ci sia chi spende 150 milioni di euro per lasciare l’archivio ad Arezzo. Ma in queste ore Berlusconi è ospite di Putin, mi auguro che voglia intervenire”. Ieri pomeriggio, la notizia è arrivata in via del Collegio Romano al ministero dei Beni culturali, che fa sapere ha già informato l’Autorità giudiziaria: “L’operazione ha sollevato numerose perplessità, non solo per l’enormità della somma pattuita, ma perché l’archivio è sottoposto ad un vincolo pertinenziale e quindi non può essere spostato dalla sede in cui si trova”.

La Repubblica, 23 ottobre 2009

Condividi