attualità, politica italiana
commenti 4

"La reazione al sopruso", di Aldo Schiavone

Cresce la protesta nelle piazze contro il decreto salva-liste, mentre la Regione Lazio approva il ricorso alla Corte Costituzionale. Oggi il Tar decide sulla Polverini. Intanto Berlusconi attacca: «Da sinistra solo insulti». Ma il premier non ha gradito nemmeno le mosse di Fini: «Anche stavolta si è messo di traverso». E tra il Pd e Di Pietro è polemica sul Quirinale.
Basta guardarsi intorno per rendersene conto, anche senza badar troppo ai sondaggi, che vanno peraltro tutti nella stessa direzione.
Una trita immagine dell´Italia ci vorrebbe presentare come un Paese di azzeccagarbugli; e nell´evidente deformazione c´è forse un fondo di vero, nel senso che una lunga storia intellettuale e morale ci ha reso purtroppo per gran tempo familiari i cavilli e le trappole di una cultura giuridica troppo spesso malamente contigua ai voleri dei potentati politici o del dominio di classe. Ma questo ci ha anche come vaccinato: e il nostro senso comune ha imparato molto bene a distinguere una sottigliezza del diritto astrusa ma fondata, da un espediente che nasconde solo una sopraffazione.
La verità è che sono state violate da parte del Governo regole elementari di terzietà e di correttezza. Basta immaginarsi quel che sarebbe accaduto se l´errore fosse stato compiuto dal Pd invece che dal Pdl: nemmeno l´ultimo degli ingenui potrebbe credere che avremmo visto il presidente del Consiglio affaticarsi con lo stesso precipitoso zelo fra palazzo Chigi e il Quirinale. Per non parlare dell´affermazione, che vorrebbe essere di principio, con cui si apre il provvedimento, circa il generale prevalere della sostanza sulla forma: dichiarazione di una frettolosità rozza e incolta, che vorrebbe ammantare di duro realismo sostanzialista quel che è solo un artificio retorico per poter avere mano libera, e che non sarebbe dispiaciuta a qualche giurista nazista o (fate voi) a un Vysinskij.
Ma il problema, adesso, per l´opposizione – per tutta l´opposizione – non è più giuridico, ma politico. E riguarda la gestione della protesta e dell´insofferenza che stanno sempre di più crescendo ed espandendosi.
Diciamolo subito: ogni tentazione «aventiniana», ogni idea di testimoniare il disappunto e lo sconcerto chiamandosi in qualche modo fuori o in disparte, con la strategia di sottrarsi a un gioco truccato, finirebbe per favorire l´avversario, e va fermamente respinta. Bisogna accettare la sfida, e combattere sino in fondo, sino all´ultimo voto, la battaglia elettorale, qui e ora. In politica (e non solo), l´assente ha sempre torto. E´ un´altra la via da seguire: quella dell´impegno e dell´asprezza del confronto: la sola che possa allargare il fronte del dissenso, e farlo diventare maggioritario.
La crisi del berlusconismo, di cui parliamo da anni e di cui ormai tutti si stanno finalmente accorgendo, sta entrando in una fase nuova e imprevedibile, in cui ogni cosa è possibile. Il carisma personale non basta più a coprire il deficit di idee di una leadership che non ha più nulla da offrire al Paese. Ed è esattamente in questo vuoto che il partito si dissolve, e crea ogni giorno nuovi problemi con la propria inadeguatezza (come è accaduto clamorosamente in questi giorni), invece di impostare soluzioni, e di aprire prospettive. Le iniziative personali di alcuni ministri cercano di nascondere questo stallo. Ma fino a quando potrà bastare?
E´ emersa, in quest´ultima vicenda, un´arroganza del potere, una certezza di impunità, una sorda convinzione di poterla comunque fare franca, che inquieta molto, e dovrebbe ancor più inquietare chi sinora ha creduto in quello schieramento. Siamo passati da leggi ad personam giustificate (si pretendeva) dalla posizione peculiare del Principe, a provvedimenti di parte che hanno il sapore di autentici privilegi. Siamo di fronte a una deriva di autoreferenzialità normativa senza precedenti, come se il Paese non esistesse, come se ci fossero solo loro. L´opposizione deve fargli capire, con il voto, che non è così.
La Repubblica 08.03.10

Condividi

Leave a Reply

4 Comments on ""La reazione al sopruso", di Aldo Schiavone"

Notify of
avatar
Sort by:   newest | oldest | most voted
La Redazione
Guest

I commenti non vengono pubblicati automaticamente ma vengono approvati dalla Redazione affinchè non contengano offese lesive della dignità umana

Antonio
Guest

chiedo scusa ma non capisco cosa significa il commento dovra’ essere moderato! cosa devo fare? resto in attesa di chiarimenti grazie

ANTONIO
Guest

MI CORREGGO: IL MIO AUSPICIO E’ CHE PER CHIUNQUE SI SAREBBE FATTO QUESTO DECRETO GRAZIE

ANTONIO
Guest

VORREI FARE SOLO UNA SEMPLICE DOMANDA A BERLUSCONI NAPOLITANO E A TUTTI GLI ELETTORI DEL PDL : SE FOSSERO STATI PD UDC IDV O ALTRI A COMMETTERE ERRORI NELLA PRESENTAZIONE DELLE LISTE L’ATTUALE GOVERNO AVREBBE VARATO LO STESSO IL DEDCRETO SALVA LISTE?

wpDiscuz