comunicati stampa, lavoro

Il Partito Democratico dell'Emilia-Romagna in piazza con i lavoratori

Stefano Bonaccini parteciperà alla manifestazione, promossa dalla CGIL per domani, 12 marzo, a Modena, Marco Lombardelli e Luigi Mariucci saranno presenti a Bologna, Gian Luca Rivi a Reggio Emilia. La crisi in corso investe la politica, l’economia, i sistemi di protezione sociale, le certezze, il futuro di lavoratori e famiglie. Per uscire da questa situazione bisogna avere il coraggio di cambiare, di innovare, di riformare. Il centro destra sta invece navigando a vista rispondendo inadeguatamente alle pesanti ripercussioni sociali ed economiche in atto e minimizzando la portata della situazione. I dati parlano di una diminuzione del PIL tra le più elevate degli ultimi 40 anni, di 700 mila disoccupati in più e del calo di più di un terzo della produzione industriale.
Manca una politica industriale adeguata e i tavoli di crisi aperti presso il ministero sopravvivono senza logica.
Bisogna mettere in moto tutte le energie presenti in questo Paese e nel territorio, nel mondo del lavoro e in quello dell’impresa, virando dalla disastrosa politica economica del governo che non lavora per allargare diritti e opportunità ma agisce in senso opposto.

Anche per questo motivo il Partito Democratico dell’Emilia-Romagna sarà presente domani, venerdì 12 marzo, con propri rappresentanti e con proprie delegazioni allo sciopero indetto dalla CGIL.

A Modena parteciperà alla manifestazione il Segretario Regionale Stefano Bonaccini, a Bologna saranno presenti Marco Lombardelli, Coordinatore dell’Esecutivo Regionale e Luigi Mariucci, Responsabile Lavoro del PD dell’Emilia-Romagna, infine, a Reggio Emilia, parteciperà il responsabile Economia del partito Gian Luca Rivi.

Condividi