attualità, politica italiana

"L’aria buona di Cesena. Se il Pd raccogliesse queste cinque stelle", di Giuseppe Civati

Cambiamento, giovani, emozioni: questa è stata la woodstock
familiare, con la raccolta differenziata. Perfino pochi i cinque
punti. Saranno di più, ma un partito strutturato deve capirli
L’esigenza di cambiamento, i giovani, i numeri, le emozioni. Ma soprattutto l’aria che si respira, così lontana da quell’epoca che abbiamo chiamato Seconda Repubblica.
Il «grande prato verde» di Cesena si è aperto anche perché la politica in questi anni è arretrata e si è dimostrata, per motivi diversi, incerta e inconcludente.
È una Woodstock familiare, con la raccolta differenziata. Simbolica quanto volete,madi quei simboli che fanno bene. E che dicono qualcosa e ci illuminano circa le aspettative, soprattutto.
L’impressione è che Grillo la faccia un po’ troppo facile, che le soluzioni siano spesso annunciate o soltanto accennate. Il motivo, però, esiste e l’esigenza di rinnovamento può essere presentata in termini volgari, ma è sentita da molti. Quasi tutti L’enfasi sulla cittadinanza è d’altri tempi. E la necessità di uscire dal circuito politico-mediatico (un’espressione a sua volta politico-mediatica) per capire cosa succede nella società italiana è sacrosanta e si vive, qui, come sulla rete, con un sospiro di sollievo.
Il politichese è bandito. Qui nessuno vuole sentir parlare di Fini (o di Tulliani!), né di alleanze, di cui è lecito sospettare che nella politica italiana si parli fin troppo.
E delle 5 stelle, alcune sono giuste. Ci vuole il voto di preferenza: come non essere d’accordo? Ci vuole uno stile di vita più sostenibile: come non capire il senso di questo messaggio?
Ci vuole la banda larga: si può ancora sottovalutare il fatto che nel Paese della P3 e dell’informazione controllata più si allarga la banda, meglio è?
E allora ecco la «politica senza fili», perché quando i fili sono troppi, ci si sente legati e, soprattutto, non ci si sente liberi. La politica con un po’ di musica e di passione, anche. Perché siamo diventati troppo formali, in ogni senso.
Questa non è un’iniziativa antipolitica, non scherziamo: è un’iniziativa politica.
Con cui fare i conti. Di cui discutere. Nel bene e nel male, perché è molto fragile l’appello all’autopromozione e il «basta ai partiti» più volte ripetuto è davvero gratuito e fuorviante. I «pazzi della democrazia» però ci credono. E sono tanti. A Cesena, sulla rete e nelle cabine elettorali.
L’impressione allora è che 5 Stelle non bastino, che ci voglia tutto il firmamento per cambiare questo Paese. Per sperare in un passaggio rivoluzionario. Perché nulla si sa di quello che pensa Grillo del lavoro, delle politiche per la casa, dei diritti civili. E per questo ci vuole un grande
partito, ci vuole il Pd. Tutto il cielo stellato, sopra di noi. E un po’ di coscienza morale e di senso civico e di afflato civile dentrodi noi. Per cambiare. E per evitare che anche queste energie si disperdano e magari facciano il gioco di non vuol cambiare mai.

L’Unità 27.09.10

Condividi
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
maria
Ospite

bene! apprezzo molto, ciò che ha scritto, perchè non ne parla con Bersani, molto spassionatamente, solo così, secondo me, vincerete. Maria