scuola | formazione

"I prof tifano per la carriera e bocciano la Gelmini", di Lucilla Quadri

Dossier della Swg per la cisl scuola. Lavorano in condizioni disagiate, con le classi che cadono a pezzi e gli stipendi che bastano per arrivare a fine mese senza concedersi troppi lussi. In giro si dice di loro che «fanno poco e niente» (l’accusa di fannulloni è stata rilanciata da Giorgio Stracquadanio del Pdl), che sono «fortunati perché hanno tre mesi di vacanze all’anno». Un tempo erano colmati di attenzioni e riverenze. Oggi non hanno più prestigio sociale. Ma nonostante le difficoltà gli insegnanti restano degli inguaribili ‘romantici’ e conservano un forte attaccamento alla loro professione. Chi sono i nostri docenti, cosa pensano del loro lavoro e con quale sguardo approcciano al futuro? Sono le domande a cui la Swg ha provato a dare una risposta attraverso uno studio condotto per conto della Cisl Scuola di Francesco Scrima. Dalla ricerca emerge la fotografia di un corpo decenti che non molla e ama stare in cattedra, pronto a farsi valutare per dare ai migliori stipendi più alti, ma che non rinuncia a dire la propria in fatto di riforme: per il ministro Mariastella Gelmini la stroncatura è sonora.

A caccia di prestigio e carriera

Nonostante tagli e paghe basse, l’85% degli insegnanti si dice orgoglioso di stare in cattedra. Sono soprattutto i più anziani ad avere un forte senso di appartenenza, anche se scontano il senso di inadeguatezza ai continui cambiamenti in atto, soprattutto quelli tecnologici. I più giovani soffrono a causa della precarietà.Davanti al cambiamento e all’innovazione non tutti sono pronti a buttarsi a capofitto: il 23% dei docenti è «tenace e virtuoso» e pronto a lanciarsi, il 26% è «timoroso», il 30% «conservatore», i «disincantati» sono il 21%. In generale i docenti, rispetto alla media degli italiani, credono di più nelle istituzioni, nei partiti, nell’unità nazionale e sono meno pessimisti rispetto al futuro. Anche se percepiscono le nuove generazioni come fragili, disorientate e impacciate. La nota più dolente nella loro vita lavorativa è la busta paga: per il 51% è insufficiente. Pesa anche lo scarso prestigio sociale.

Riforme, il 75% dice che non va

Negativo il giudizio sul ministro Gelmini che incassa un voto medio di 3,6. Ben il 75% dei prof intervistati la boccia perché «mette a repentaglio la qualità dell’offerta formativa». Per il 72% dei docenti le classi sono troppo numerose, il 54% non pormuove il maestro unico, il 31% non ha apprezzato la riforma delle superiori. I tagli sono aspramente criticati. E per il 77% dei prof la scuola è nettamente peggiorata negli ultimi anni. Ma i docenti non sono malati di passatismo, anzi: il 66% degli intervistati vuole l’introduzione della valutazione, solo il 26% è contrario. Sei docenti su dieci vedono di buon occhio l’idea di legare la loro carriera a sistemi che consentano a chi fa più dell’ordinario di emergere. Il 56% dice sì a stipendi più alti ai meritevoli. L’egualitarismo vigente viene bocciato, si scalpita per il cambiamento.

Il ministro reagisce

Il sindacato di Scrima «ha il mal di pancia». Il Miur ha reagito duramente allo studio. Sotto la lente quel 77% di prof che dicono che la scuola è peggiorata. «Tutto falso», ha scritto furioso il ministero in una nota, «basta vedere i dati Ocse-Pisa». A cascata sono arrivate le reazioni di diversi esponenti di maggioranza, fra cui la presidente della commissione cultura della camera, Valentina Aprea. Stupita la reazione del sindacato: «La ricerca l’hanno letta? Parla d’altro, cerca di capire chi sono gli insegnanti». Ma «il pregiudizio gioca brutti scherzi».

da ItaliaOggi 14.12.10

Condividi