partito democratico

Un governo irresponsabile lavora per la divisione. Preservare accordo 28 giugno

L’esito dell’incontro fra il PD e le forze sociali merita una qualche puntualizzazione. Sia chiaro innanzitutto un punto: con tutto quello che il Partito Democratico stesso pensa e dice della manovra, dovrebbe forse stupirsi di uno sciopero o di una qualsiasi altra forma civile di mobilitazione o di protesta?
Piuttosto, si prenda sul serio quello che diciamo da tempo. Noi rispettiamo l’autonomia di ogni scelta sindacale e siamo presenti laddove organizzazioni sociali e civili o movimenti sono in campo con obiettivi compatibili con i nostri. Saremo dunque presenti a tutte le diverse iniziative che i sindacati e le forze sociali vorranno assumere per chiedere correzioni alla manovra nel senso dell’equita’ e della crescita.
Ma noi, che siamo un partito, facciamo il nostro mestiere e solleviamo oggi una questione politica molto seria. Ancora una volta, come risulta dalle dichiarazioni del ministro Sacconi al Senato, il Governo lavora per la divisione con una irresponsabilita’ che, giunti a questo punto, lascia sgomenti. Se si vuole far vivere il prezioso patto del 28 giugno fra le parti sociali e’ evidente che l’articolo 8 del decreto va eliminato o riformulato in modo accettabile per i contraenti. A questo fine noi vedremmo con favore, secondo ipotesi emerse nel confronto PD-forze sociali, una tempestiva riapertura di quel tavolo.

E’ questa la nostra vera e grande preoccupazione: che non venga vanificata l’unica cosa positiva che si sia vista negli ultimi mesi in Italia e che il Governo, invece di valorizzare, vuole evidentemente compromettere. Infine, nel rispetto di ogni posizione sindacale, noi segnaliamo da sempre i rischi legati alla divisione del mondo del lavoro e incoraggiamo chiunque operi per una ricomposizione e per comuni strategie, soprattutto in momenti cosi’ cruciali e difficili per il Paese. E’ con questa ispirazione che terremo aperto quel confronto con le forze sociali che abbiamo positivamente avviato ieri.

www.partitodemocratico.it

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Lucio Saltini
Ospite
E’ evidente che la divisione dei lavoratori indebolisce le opposizioni. Ed e’ altrettanto evidente che senza una forte spinta del Paese questa manovra economica non cambierà. E non cambierà il quadro politico. Questo il problema. Resta il fatto che è da ingenui pensare che Cisl e Uil avrebbero accettato una grande manifestazione con la Ggil in questa fase, avendo proseguito nella pratica degli incontri segreti e separati, ed accreditato una coerenza tra accordo unitario ed art.8 della manovra che il testo smentisce chiaramente. In questa situazione lo sciopero generale della Cgil è un atto di coerenza. E’ una iniziativa sindacale,… Leggi il resto »
wpDiscuz