attualità, partito democratico, politica italiana

Gli interventi di Dario Franceschini e Walter Veltroni sulla manovra

Dario Franceschini – Signor Presidente, dentro la drammatica crisi finanziaria e sociale in cui si trova il nostro Paese, di fronte alle paure e alle difficoltà delle persone, delle famiglie e delle imprese, il Partito Democratico con tutta l’opposizione ha scelto di comportarsi con senso di responsabilità, come deve fare un grande partito che pensa all’Italia anche quando non la governa. È stata questa nostra scelta di responsabilità che ha di fatto consentito a luglio una manovra che ci vedeva contrari nel merito in due soli giorni, perché bisognava evitare l’assalto della speculazione con un’approvazione urgente; ed è anche stato questo l’atteggiamento sull’attuale decreto, che contrastiamo nel merito perché lo riteniamo iniquo, pieno di errori ma del quale abbiamo consentito l’approvazione senza ostruzionismo. Lo ha ricordato Veltroni questa mattina: quando in quest’Aula il centrosinistra portò la manovra che consentiva l’ingresso nell’euro, Berlusconi fece uscire per protesta i deputati dall’Aula. Mi sembrano due cose diverse l’una dall’altra. Ed è una scelta di responsabilità che noi abbiamo messo in campo solo per gli italiani, nonostante i vostri comportamenti e la questione di fiducia, la cinquantesima. Anche di fronte alla nostra offerta di finire ieri sera con il voto di soli venti emendamenti, voi avete preferito porre la questione di fiducia per la prima volta nella storia del Parlamento, ritardando l’approvazione della manovra, perché avevate il timore del voto sugli emendamenti (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). E nonostante le parole disperate ed avvilenti di un Presidente del Consiglio che, anziché ringraziare le forze dell’opposizione, va all’Unione europea per attaccarla come criminale. Questo è il senso di responsabilità di chi guida il Paese (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico)! Ed è stata proprio questa nostra scelta che ci consente oggi di dire con chiarezza alcune cose: in primo luogo l’Italia non è in questa situazione per caso. La crisi è arrivata per tutti nel 2008, per tutti i Paesi e per tutta l’Europa. Altri capi di governo, di destra e di sinistra, sono andati di fronte alle loro opinioni pubbliche, hanno denunciato la durezza della crisi, hanno chiesto sacrifici ai cittadini e hanno individuato i settori a cui agganciarsi per la ripresa – pensiamo alla Germania con la ricerca, le energie rinnovabili e la scuola. Berlusconi dal primo giorno ha scelto la linea assurda e colpevole – oggi ne vediamo i risultati – di negare la crisi, di nasconderla. C’è un campionario – alcune cose le ha ricordate l’onorevole Casini prima – che varrebbe la pena ricordare, un campionario di sciocchezze per negare la crisi: Berlusconi: «il peggio è passato», «la crisi è alle spalle», «il Paese è solido», «la ripresa è cominciata». Nascondere, negare la crisi e l’incapacità di qualsiasi misura necessaria e di qualsiasi intervento strutturale. Ed è stato ancora una volta il nostro senso di responsabilità a farci dire con determinazione che questa manovra è ingiusta e sbagliata, perché colpisce sempre i soliti, chi paga già e a chi paga già si chiede di più (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). L’IVA sui consumi che colpisce i ricchi e i poveri nella stessa identica misura; il contributo di solidarietà solo per i pubblici dipendenti; le pensioni nelle misure fatte o in quelle annunciate; gli enti locali, perché quando si tagliano risorse agli enti locali i sindaci sono costretti o aumentare le tariffe o a tagliare i servizi. Ancora una volta paga la povera gente (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). Mi riferisco inoltre all’articolo 8, dettato dall’ossessione maniacale del Ministro del lavoro di dividere i sindacati solo per una sua personale e impossibile manovra politica (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico), o all’articolo 4, che svuota il contenuto del referendum. È proprio la stessa scelta nostra di responsabilità che ci ha fatto presentare una manovra, tradotta negli emendamenti, su una filosofia opposta e alternativa alla vostra: non far pagare sempre i soliti, ma far pagare chi non paga mai, cominciando dalla lotta all’evasione fiscale (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). Perché non pagare le tasse è sempre violare la legge, ma quando non paghi le tasse mentre il tuo vicino di casa non ce la fa più a comprarsi da mangiare o a pagare l’affitto allora è un delitto morale contro la tua comunità (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).
Allora primo intervento (nostro emendamento), chiedere il 15 per cento in più a quei centomila italiani che hanno esportato illegalmente 93 miliardi di euro e li hanno fatti rientrare con l’anonimato, senza sanzioni penali, e pagando solo il 5 per cento. A loro si che si deve chiedere di più (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico); e poi tracciabilità di tutti pagamenti sopra i 300 euro per far scomparire il contante che crea nero (una rivoluzione culturale), e consentire che con il pagamento solo col bancomat, con la carta di credito, con il bonifico bancario, con l’assegno, scompaia la possibilità di evasione (fare giustizia e contemporaneamente una modernizzazione del Paese); e poi la tassa sui grandi patrimoni immobiliari, senza toccare la prima casa o la casa che una famiglia con i risparmi di una vita si è comprata al mare, ma noi abbiamo detto: sopra un milione e 200 mila euro è giusto chiedere; oppure il contributo di solidarietà per tutti i redditi alti, non soltanto per i lavoratori dipendenti; le liberalizzazioni; misure per la crescita, a cominciare dal rendere permanente il 55 per cento di detrazione per le ristrutturazioni ecocompatibili della casa (Commenti dei deputati dei gruppi Popolo della Libertà e Lega Nord Padania).
Avete bocciato ogni proposta, avete bocciato tutto. Più siete deboli e più vi arroccate. Sbagliate e danneggiate gli italiani. C’è una domanda che proprio gli italiani dovrebbero farsi e dovrebbero farvi. Se è vero che nel mondo globale più di tutto conta, per l’atteggiamento dei mercati, degli investitori, delle istituzioni economiche, la credibilità, la fiducia, la stima di chi guida gli Stati, allora la domanda è questa: quanti miliardi di euro è costato e costa all’Italia la testarda permanenza lì di Berlusconi (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico)? Quanti euro costa ad ogni italiano la permanenza lì di una persona con cui gli altri Capi di Stato si vergognano a farsi fotografare insieme? Travolto da vicende giudiziarie e personali, che mette in calendario in piena crisi – questo avete fatto, in piena crisi, le vostre priorità di calendario della Camera sono queste – le intercettazioni e il processo lungo. Un uomo che ha disfatto la sua maggioranza parlamentare e il suo partito, che è stato bocciato. Una maggioranza che è stata bocciata con il voto della maggioranza assoluta degli italiani con i risultati del referendum. Quanto influisce sullo spread la permanenza di Berlusconi lì? Quanto costa ad ogni italiano (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico)?
Aveva detto, il Presidente Berlusconi, che non avrebbe mai messo le mani nelle tasche degli italiani. Oggi le mette abbondantemente nelle tasche degli italiani, per far pagare a loro il costo della sua permanenza lì, a guidare il Governo (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). Tutti devono sapere che se da domani ci fosse un nuovo Governo guidato da una persona di grande credibilità internazionale, personale, nel mondo (Commenti dei deputati del gruppo Popolo della Libertà), con una larghissima base parlamentare, da sola questa cosa varrebbe due manovre finanziarie. Lo dimostra il Governo Ciampi di qualche anno fa (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). E anche per questo noi ribadiamo, ed è la linea di tutto il partito, lo ha ricordato nel discorso di Pesaro il nostro segretario Bersani: il Partito Democratico è pronto ad assumersi una quota di responsabilità a sostegno di un Governo di transizione, nuovo, diverso in chi lo guida, che faccia finire la legislatura e che affronti l’emergenza del Paese.
Uno Stato, una comunità, hanno sempre bisogno di una guida salda, sicura e capace, ma un Paese dentro una bufera, senza una guida salda, sicura e capace, è destinato ad essere travolto. Tutti capiscono che, in ogni caso, arrivare al 2013 in questo modo è impossibile. E questo è il momento di mettere la salvezza dell’Italia davanti ad ogni interesse di parte. Noi siamo pronti a fare un passo per il nostro Paese. Dimostrate voi se è più importante l’Italia o la vostra personale sopravvivenza politica (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico e di deputati del gruppo Unione di Centro per il Terzo Polo).

******

Walter Veltroni – Signor Presidente, oggi è un tempo speciale, per molti versi drammatico, una di quelle stagioni difficili che raramente per fortuna si presentano a chi ha responsabilità politica. Oggi tutto è a rischio, oggi in discussione c’è davvero il futuro del nostro Paese e il futuro dell’Europa, la più grande costruzione politica del dopoguerra, che ha bisogno di diventare presto, in questa crisi spaventosa, gli Stati Uniti d’Europa, il progetto che Altiero Spinelli sognò mentre bruciavano Coventry e Dresda (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).
Ogni giorno il Paese si impoverisce, per anni in ogni famiglia italiana si è salito, con fatica e sudore, con talento e creatività, un gradino sociale nella certezza che i nostri figli avrebbero vissuto meglio di noi. Ora non è più così, e l’insicurezza di milioni di ragazzi italiani che studiano per prendere una laurea e finiscono a 600 euro al mese, non tutti i mesi, in un call center è il paradigma del rischio di declino di una grande nazione.
Giorgio Napolitano ha fatto riscoprire all’Italia l’orgoglio della sua storia e della sua identità, e mentre i Ministri deridevano il tricolore quell’uomo, figlio del tempo del dolore e della speranza italiana, ha ricucito il senso e la dignità del nostro essere figli di questo meraviglioso Paese (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).
All’Italia che assiste sgomenta alla crisi inedita di questi giorni non abbiamo il diritto di riservare in quest’Aula le parole di un comizio, troppo facili e troppo ovvie. Penso che il Governo e in particolare il Presidente del Consiglio abbiano responsabilità davvero storiche, so bene, perché non sono un fazioso, che oggi nessuno è al riparo da una condizione generale dell’Occidente che ha un nome che fa venire i brividi: si chiama recessione, la crisi della produzione e dei consumi. Quella parola nel Novecento ha significato tragedie sociali e umane, non dimentichiamolo mai.
Non sono quelli che viviamo giorni della cronaca ma giorni della storia, per questo voglio rivolgermi con rispetto a voi, donne e uomini della maggioranza che da più di tre anni guida questo Paese, con rispetto ma con schiettezza, che spero apprezzerete. Cosa serve all’Italia ora? Serve che prosegua il balletto delle manovre, un, due, tre, quattro, cinque, che si è svolto sotto gli occhi attoniti della comunità internazionale e dei cittadini? Serve che si continui lo spettacolo inverecondo delle divisioni e dei veti, del dito medio indicato a chi parla di riforma delle pensioni, con i gruppi e le fazioni della maggioranza che si scannano, con il Presidente del Consiglio che dice che il suo Ministro dell’economia e delle finanze rievoca, combattendo l’evasione fiscale, i tempi dello stalinismo? Serve che il Governo si scagli contro quei sindaci, anche di centrodestra, che protestano per scelte che peggioreranno la qualità sociale della loro comunità? Serve una coalizione che ha iniziato la legislatura invocando i dazi contro la Cina e ora la cerca affannosamente per vendere patrimonio o debito? E serve che in sedi internazionali (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico) Berlusconi chiami criminale – lo ha detto ieri l’onorevole Casini – un’opposizione che in poche ore ha consentito l’approvazione di due manovre che non condivide radicalmente (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico)?
Cosa avrebbe detto se fosse accaduto quello che successe in quest’Aula qualche anno fa, con la legge finanziaria che consentì l’entrata nell’euro, quando proprio Berlusconi allora capo dell’opposizione fece abbandonare l’Aula mettendo a rischio quella scelta storica (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico)?
Dobbiamo uscire da questa crisi e dobbiamo uscirne più forti come italiani; tutti sapete – e lo dite – che la corsa non di un Governo, ma di una lunga fase politica durata quindici anni è finita, lo hanno detto le elezioni e lo dicono quei sondaggi che un tempo venivano tanto citati e oggi tanto nascosti. Lo dice la stampa internazionale, gli osservatori e la crescente freddezza dei nostri partner europei, lo dicono i mercati che sono un termometro importante della stabilità e affidabilità di un Paese.

Il Presidente del Consiglio può anche pensare, come ripete in modo sempre più astioso e stanco, che sia un complotto ordito da non so chi, ma mente a se stesso e ricorda la storia immaginaria dell’uomo che imbocca l’autostrada nel senso sbagliato e sente la radio che lancia l’allarme dicendo: «attenzione, un uomo ha imboccato l’autostrada contromano», e commenta con se stesso: «sì, uno, saranno mille». È il Presidente del Consiglio che è contromano, non il resto del mondo (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).
È per questo che è giusto che guidi qualcun altro il nostro Paese e riporti l’auto nella corretta direzione. È già capitato nella storia italiana che le forze politiche, chi aveva vinto e chi aveva perduto le elezioni, si rendessero responsabilmente conto che vi sono dei momenti in cui vi è bisogno di qualcosa di più, e questo qualcosa di più ha una luce che lo illumina e lo definisce: si chiama interesse nazionale.
La dignità di un uomo politico e di Stato si vede non quando assume potere e responsabilità, ma quando capisce che la sua permanenza può nuocere alla forza e al futuro del proprio Paese e ne trae le conseguenze. Quanto più si è governato scambiando mezzi e fini, quanto più è apparso che gli interessi privati fossero prevalenti su quelli generali del Paese, tanto più, in un momento così difficile, si è chiamati a rispettare le ragioni della collettività e della nazione.
Fare un passo indietro, senza chiedere contropartite, è un atto di dignità politica e personale, che non potrebbe, come tale, che essere apprezzato (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). Non farlo è un atto di arroganza e di egoismo. Voglio dirlo chiaramente: abbiamo bisogno, e subito, di un nuovo Governo, di una soluzione che restituisca al Paese serenità e prestigio internazionale, senza vincitori e vinti, ma con una sola stella polare: il bene degli italiani.
L’improvvisazione con la quale si è affrontata questa crisi, prima negata e poi subita, non si può protrarre in questi tempi così eccezionali. Abbiamo bisogno di un Governo con un’ampia base parlamentare, non un ribaltone e nemmeno la miseria, che oggi va in scena, delle maggioranze fatte di transfughi e di paura; di un Governo guidato da una persona che in Europa sia rispettata ed ascoltata e possa parlare a nome dell’intero Paese, come fece Alcide de Gasperi al tempo della ricostruzione.
Continuando invece così, nella totale sfiducia che accompagna, in questo momento, il nostro Governo, saremo costretti a nuove manovre, in una spirale concitata che ha già fatto tanto male ad un Paese amico come la Grecia. Bisognerà, invece, fare scelte radicali e profonde, e tutti, nessuno escluso, dovranno caricare sulle proprie spalle il fardello della verità sulla situazione del Paese e la responsabilità delle decisioni conseguenti.
Né la maggioranza può continuare a negare l’evidenza di una svolta necessaria, né l’opposizione si può sottrarre all’assunzione di oneri e responsabilità pesanti. Tutti, per l’Italia, abbiamo bisogno di dimostrare che la politica può essere la forma più alta di disinteresse e di coraggio (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico), altrimenti non ci si lamenti per quella che viene chiamata l’antipolitica.
Ciò che la genera è la rissosità e l’inconcludenza di un sistema che appare troppo pesante e lento a fronte della rapidità dei mutamenti strutturali. L’antipolitica nasce se si varano tre Commissioni bicamerali e se ne ignorano i risultati, nasce se chi decide sembra pensare a sé, mentre intorno tutto è scosso e tutto vacilla. L’antipolitica nasce se nella politica crescono malaffare e criminalità, se la legalità è considerata un fastidio e i poteri terzi un’anomalia (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico); l’antipolitica nasce quando vi è un Governo senza potere e un Parlamento senza capacità di controllo. La politica e la partecipazione sono l’unico strumento che abbiamo per evitare che la crisi diventi rischio di frattura nel tessuto sociale e civile del Paese.
E quando sento che viene proposto come soluzione, gridata proprio sabato scorso nella Piazza di Montecitorio, di chiudere il Parlamento, mi viene in mente l’ultimo discorso che da quello scranno tenne Giacomo Matteotti, per difendere la libertà e la democrazia nel nostro Paese (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico e di deputati del gruppo Unione di Centro per il Terzo Polo).
Non di altre manovre abbiamo bisogno, non di annunci improvvisati, ma di respiro lungo. Vorrei dire con una frase: meno manovre e più riforme. Abbiamo bisogno che si affrontino con senso di equità la riforma delle pensioni e quella del lavoro; non l’inutile e ideologico articolo 8, ma un nuovo patto con le parti sociali, che abbia al centro la fine della precarietà, una nuova stagione di lavoro femminile e una maggiore produttività diffusa, perché l’Italia ha bisogno di crescita, di innovazione, di tecnologia, di sapere che si accompagna al rigore.
L’Italia ha bisogno di lavoro e di impresa e sbaglia chi, ancora, non capisce che è il tempo di una grande alleanza dei produttori per la crescita e l’equità.
Bisognerà proporsi di dare un colpo serio al debito che ci taglia le gambe e ci succhia futuro. Come ha detto Bersani: riforma radicale della pubblica amministrazione e valorizzazione del patrimonio pubblico. E poi, dimezzamento dei parlamentari, differenziazione delle due Camere, alleggerimento della macchina politica per avere una democrazia che funziona.
E poi chiedere a quel 10 per cento del Paese, che possiede il 48 per cento del patrimonio, di contribuire.
Voi vi siete accaniti nei vari tentativi di manovra contro chi paga le tasse, ma lo scandalo di questo Paese è che solo il 2 per cento dichiari più di 74 mila euro. Lo scandalo italiano è l’evasione fiscale, come lo è il fatto che si accetti, come un male incurabile, che le mafie succhino al PIL 150 milioni di euro.
Non manovre, riforme. Subito un Governo con un ampio sostegno parlamentare che possa affrontare l’emergenza e compiere le scelte più dolorose. È quello che fecero, con successo, Giuliano Amato e Carlo Azeglio Ciampi.
Giriamo pagina, facciamolo insieme. Cambiamo la legge elettorale che tutti aborriamo e poi si confrontino alle elezioni schieramenti fondati su omogeneità politica e programmatica.
Non siamo un Paese «di schifo», onorevole Berlusconi, siamo una grande e coraggiosa comunità. Dimostri di amare l’Italia, che con lei è stata sin troppo generosa, e faccia un passo indietro.
Il Paese lo apprezzerà e comincerà per tutti un tempo nuovo (Prolungati applausi dei deputati dei gruppi Partito Democratico, Unione di Centro per il Terzo Polo e Misto – Alleanza per l’Italia – Congratulazioni).

www.camera.it

Condividi