attualità, pari opportunità | diritti

"Io, picchiata e umiliata per il velo", di Federica Angeli

«Ho sempre pensato che l´Italia fosse un paese libero. Sbagliavo. Ho cercato lavoro e mi hanno sbattuto la porta in faccia perché porto il velo. E per il mio velo tre giorni fa sono stata picchiata, insultata, umiliata da un gruppo di ragazzi. Stavo solo bevendo un caffè». Neila Azzabi è una donna tunisina di 37 anni. Tre giorni fa in un bar che, per una beffa della sorte si chiama “Freedom”, nella piazza principale di Monterotondo, un paese alle porte di Roma, mentre beveva un caffè è stata aggredita da un gruppo di ragazzi perché indossava l´hijab. «Ero seduta con mia sorella, quando un ragazzo, insieme ad altri otto amici, ha iniziato a gridare: “dovete tornare al vostro paese, tu sei una puttana musulmana e devi farti esplodere, che aspetti a farti saltare in aria? Kamikaze, devi ucciderti”. Poi mi ha dato uno schiaffo in faccia, mi ha tirato giù l´hijab e mi ha detto: “questo in Italia non lo puoi portare”». Le lacrime le scendono a fiumi. Ripensare a quel momento la fa star male. Per lei indossare il velo, oltre a essere un´occasione identitaria, è una scelta religiosa.
«Sono molto credente – ripete più volte scossa, quasi a voler trovare nel mantra la forza di cancellare quell´aggressione razziale – e a quel ragazzo voglio dire che quando vado a fare la spesa, pago come paga lui, che quando sorrido lo faccio come lui. Non è un velo che crea la diversità. Se mi chiedesse scusa lo perdonerei, ma la denuncia non la ritiro. Mi ha picchiata e insultata. Neanche mio padre né mio marito si sono mai permessi di darmi uno schiaffo. È giusto che paghi».
Tutto è cominciato alle 18. Neila era stata con la sorella Nadia in un parco giochi, dove avevano portato il nipotino di un anno. Poi sono entrate in un bar a prendere un caffè e si sono sedute a un tavolino in via Buozzi, il corso principale di Monterotondo. Accanto a loro un gruppo di otto ragazzi e una ragazza. «Io badavo a mio figlio – a parlare ora è Nadia – sentivo insulti, frasi offensive ma ho pensato fosse un gioco tra di loro. Mia sorella che è da poco in Italia però a un certo punto mi ha detto che quei ragazzi guardavano proprio lei. E che quegli insulti pesanti erano rivolti a noi. “Musulmane schifose, fuori da qui” e altre cose pesantissime». Una coppia di italiani è intervenuta in difesa delle due donne tunisine, ma la reazione è stata pesantissima. Il leader del gruppo – un ventisettenne già identificato e denunciato dai carabinieri per lesioni, percosse e delitti contro i culti ammessi dallo Stato – si è alzato, gli altri hanno circondato le sorelle, e hanno iniziato a picchiarle, a tentare di strapparle il velo dalla testa, a prenderle a calci. «È stato umiliante, non si sono fermati neanche di fronte a mio nipote che piangeva disperato per la paura», ha proseguito Neila.
«Io sono caduta per terra, loro mi hanno presa a calci». Poi sono fuggiti, prima dell´arrivo dei carabinieri. «La gente intorno ha guardato la scena – interviene Nadia – nessuno ha mosso un dito per fermarli, fatta eccezione per la coppia che ha preso le nostre difese dall´inizio. Sono vent´anni che abito a Monterotondo, più di quelli che ho vissuto in Tunisia. Le persone che stavano lì a gustarsi la scena le ho salutate centinaia di volte per strada, al supermercato, in piazza. Ma nessuno ci ha aiutato».
Mentre i carabinieri della compagnia Monterotondo lavorano per identificare e denunciare anche gli altri componenti del gruppo – l´unico denunciato ha ammesso ogni responsabilità – dal mondo politico arrivano parole di condanna bipartisan per l´episodio. «Ciascun uomo o donna che, proveniente da un altro Paese, nel rispetto delle nostre leggi, deve poter godere di tutti i diritti, essere accolto e messo al riparo da ogni forma di discriminazione – ha detto Mara Carfagna, deputato Pdl – Solidarietà, dunque, a Neila e a sua sorella». «Quello che è accaduto a Monterotondo è gravissimo – ha dichiarato Livia Turco, responsabile immigrazione del Pd – Tuttavia questo episodio è anche segno della debolezza della politica italiana. Questi vergognosi episodi di intolleranza razziale e religiosa non possono essere accettati nel nostro Paese».

La Repubblica 31.03.12

******

Il ministro Andrea Riccardi condanna fermamente l´attacco. “Ma è la spia di un malessere più grande”. “Le donne non si devono toccare sono il motore dell´integrazione”, di Marco Ansaldo

Ci sono stereotipi figli di una mentalità. Ma la maggior parte dei musulmani qui lavora e si fa voler bene. «Le donne, tutte le donne, straniere e non, vanno rispettate anche perché rappresentano un elemento di integrazione decisivo. Mi fa impressione sapere che, come nel caso di Monterotondo, ci sono persone che le picchiano. Purtroppo in Italia c´è un clima di tensione: bisogna lavorare tutti per evitare che si ripetano episodi come questo». Il ministro per la Cooperazione internazionale e per l´Integrazione, Andrea Riccardi, usa parole ferme per condannare l´attacco e gli insulti in un bar a due sorelle tunisine, una delle quali indossava il copricapo islamico. Ma la sua non è una difesa d´ufficio. Da studioso attento va oltre, con un ragionamento che tocca questo momento storico.
Ministro Riccardi, quanto accaduto alle porte di Roma è un semplice episodio o la spia di un malessere più grande?
«È un episodio di cui non abbiamo ancora tutti i contorni. Ma è un caso che ci fa capire che dobbiamo stare attenti».
A che cosa?
«Al fatto che ci troviamo in un periodo di crisi economica e di difficoltà per le famiglie. Così aumenta il rischio della ricerca di un capro espiatorio».
Lei pensa ad altri casi?
«Sì, l´Europa ha ancora negli occhi quanto accaduto con le uccisioni dei bambini ebrei a Tolosa».
Quello di Monterotondo però è un caso diverso.
«Certo. Ma ho riflettuto molto su quel che è avvenuto in Francia, dopo essere andato nella sinagoga di Roma. Non è bastata la Shoah a estirpare l´antisemitismo, il razzismo è duro a morire».
Ma non l´ha colpita anche la violenza verbale usata?
«Ci sono stereotipi figli di una mentalità. Purtroppo sono alimentati dalla stoltezza dell´islamismo radicale. Ma la maggior parte dei musulmani qui lavora e si fa volere bene».
E il suo ministero che cosa fa su questo fronte?
«Ora ho istituito una Conferenza permanente su “Religioni, cultura e integrazione”. Ho riunito tutti i leader religiosi in Italia, che considero dei mediatori importanti con le comunità straniere. E a loro ho ricordato il ruolo decisivo che ha la donna».
Da che punto di vista?
«La donna rischia talvolta di essere prigioniera della famiglia e di una cultura che non rispetta i diritti umani. Mentre, quando può relazionarsi, con il mondo esterno è un elemento fondamentale di integrazione».
Ma le regole di casa nostra vengono sempre rispettate?
«Io credo che sia giusto conservare le tradizioni religiose, ma che non si devono nemmeno negare le regole del Paese in cui si vive. Perché dobbiamo avere valori comuni e sicurezza per tutti».
A Monterotondo nessuno è intervenuto in difesa delle straniere…
«Mi fa impressione. Un uomo che picchia una donna è un fatto inqualificabile. Però qui c´è un clima di tensione da prevenire».
Come?
«Trasmettendo un messaggio di speranza alla gente: che, dopo i sacrifici, ce la faremo a vivere meglio, tutti insieme».

La Repubblica 31.03.12

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
italiana
Ospite
Scusate ma in Italia esistono anche gli italiani musulmani e io sono una di quelle che vuole avere la libertà di vivere la propria religione: non potete associare l’islam agli stranieri e parlare di razzismo in tal senso. Se il nostro fosse un paese libero e democratico e civilen davvero no dovremmo stare qui a spiegare perchè vogliamo portare il velo e nello stesso tempo trovare un posto di lavoro e prender un caffè al bar senza essere offesi. Dov’è la liberta di pensiero e di religione che tanto predicate che esiste in Europa? pensateci .. Se voglio esser una… Leggi il resto »
Sarahima
Ospite
Magari dovrebbe partire dalle forze politiche l’isolamento di chi fa dell’apartheid un inno alla libertà! Tanto per fare nomi vedi Lega e company! Bisognerebbe farsi un bell’ esame di coscienza e ricordarsi di quando milioni di italiani sono partiti con le valigie di cartone e i sacchi in spalla……di quando nei bar si scriveva fuori i cani e gli stranieri………..vogliamo proprio abbassarci a questo? Vogliamo come al solito sentirci dire ” dimmi chi sono e non dirmi chi ero?” Gli stranieri sono la forza motore di un paese che, se non ci fossero, andrebbe alla deriva…..che non avrebbe soldi per… Leggi il resto »
***AMINA***
Ospite
Di conferenze, convegni ed incontri inter-religiosi se ne fanno fin troppi in Italia, e a quanto pare servono a ben poco. Io proporrei invece di fare un sondaggio su quanti musulmani ITALIANI abitano nel “Bel Paese” (?!)… Musulmani napoletani, milanesi, romani e siciliani! Noi italiane con il nostro hijab e gli uomini che sul posto di lavoro, invece dei 10 minuti per fumare, stendono il tappeto e pregano il Signore dei Mondi. Sarebbe una bella sorpresa accorgersi che la vicina di casa con il velo non è “marocchina” ma udinese o friulana da tutte le generazioni. Ed a quel punto… Leggi il resto »
wpDiscuz