scuola | formazione

"Non un privilegio, ma un diritto", di Manuela Ghizzoni

Ieri ho partecipato alla bellissima manifestazione del Comitato Quota 96.
Al ritorno ho riordinato gli appunti per del mio intervento e ora lo pubblico in calce, come nuova tappa del nostro percorso insieme. Grazie per la vostra partecipazione e per il vostro impegno.

Credo sia giusto accogliere le richieste di alcuni di voi per trasferire in questo nuovo post la nostra discussione.
A questo proposito ricordo le “puntate precedenti”:
“Pd, importanti passi avanti su scuola e università”
“Quota 96”
“Quota 96. Dibattito sulle questioni aperte del comparto scuola”
e il link del sito Comitato civico Quota 96.

«E’ bello poterci ritrovare qui, insieme e dare un volto agli amici e alle amiche incontrare sulle pagine del mio sito.
E’ per questo che voglio ringraziare il Comitato Civico Quota 96 che da solo, e nella diffidenza di alcuni, è riuscito a dare sbocco politico ad una protesta spontanea e a trascinarvi in piazza a manifestare per i propri diritti e per dare la massima visibilità alle vostre/nostre rivendicazioni.
Il mio ringraziamento è collettivo, perché gli apporti dei singoli sono stati tanti e tali che non mi perdonerei di dimenticarne anche uno solo.
Ma permettetemi anche di rivolgere, in questa bella piazza, un ringraziamento particolare a Giuseppe, Antonio, Marcella, Susanna, Carlo e Raoul, con i quali ho trattenuto rapporti epistolari frequenti nei mesi scorsi e sono stati per me non solo interlocutori attenti e stimolanti, ma un sostegno nei momenti più difficili della nostra comune vicenda. Grazie.
Fatemela ripercorrere, questa nostra comune avventura.
Tutto è iniziato a metà gennaio, durante la discussione del decreto Milleproroghe. Avevo postato sul mio sito un commento nel quale rivendicavo l’accoglimento di tre importanti emendamenti del PD per il settore scuola e per l’università durante la discussione del decreto nelle commissioni referenti (Bilancio e affari costituzionali), ma restava ancora in discussione quello che disponeva di slittare al 31 agosto 2012 il termine per la maturazione dei requisiti per accedere alla pensione con la normativa previgente alla riforma Fornero.
Il primo commento data 19 gennaio: era di Donato Cucco, che ricordo con simpatia perché poi mi mandò molte mail, facendomi entrare nel vissuto delle sua famiglia.
A quello di Donato seguirono 2785 commenti.
Tanto che, lo ricorderete, fummo costretti ad aprire un secondo post, che intitolammo “Quota 96” dopo una democratica e partecipata discussione. Quel post vide la nascita del Comitato Civico Quota 96 e raccolse ben 3185 commenti.
Fu così necessario approdare ad un terzo, quello attuale, che potremmo definire della maturità del movimento: esso, ad esempio, si è affiancato alle pratiche per il ricorso legale che avete promosso e al sito ufficiale del Comitato. Ad oggi ha raggiunto 1963 commenti.
L’intensità dei commenti è inevitabilmente calata ma non lo è l’attenzione mia personale, di Mariangela Bastico, dei gruppi parlamentari democratici e del Partito Democratico per raggiungere l’obiettivo che già ci prefiggemmo a gennaio: fare rispettare la specificità della scuola anche in ambito previdenziale all’interno della riforma Fornero, perché l’organizzazione della scuola non è scandita dall’anno solare. Nella vita della scuola la data più significativa non è il 31 dicembre, ma il 1 settembre, giorno in cui prende avvio l’anno scolastico. Come ha scritto giustamente Marcella, “l’anno scolastico è indivisibile”, mentre la riforma previdenziale ha spezzato in due tronconi l’anno scolastico in corso, facendo così parti disuguali tra uguali, attribuendo più diritti ad alcuni e meno ad altri.
Quanto è stato scritto nei commenti a quei post rappresenta per me una delle esperienze più appaganti del mandato parlamentare. Confrontarmi con voi, giorno dopo giorno, è stata una palestra politica e di vita.
Ammetto che non è sempre stato facile accogliere le critiche, a volte anche dure, che non avete lesinato alla scelta del Partito Democratico di approvare la rigidissima manovra Salva Italia, assunta per senso di responsabilità nei confronti del Paese: eppure, oltre ad avermi permesso di argomentare quella scelta, mi avete concesso anche quel bagno di umiltà che troppo spesso la politica si dimentica di fare.
Vedete, Mariangela ed io veniamo da quella scuola di pensiero politico che ci ha abituate al rapporto costante e diretto con il territorio e con i suoi cittadini, siano o meno nostri elettori, nonostante la pessima legge elettorale: eppure, quelle migliaia di commenti sono stati qualcosa di diverso dai molti incontri che facciamo nei circoli del Pd in giro per l’Italia e dalle molte risposte alle mail che riceviamo dai nostri interlocutori.
Quei commenti sono stati un prezioso momento di partecipazione politica – che ha dato risultati importanti come dimostra anche il successo di questa manifestazione – per dialogare non solo nel merito delle pensioni, ma per confrontarci sulla difficoltà del Paese e per ragionare sulle responsabilità di chi ha creato le condizioni drammatiche in cui ci troviamo; per discutere dell’equità, il cui tratto è certamente troppo debole nella manovra Monti; per mettere a nudo la durezza della riforma previdenziale che ha calpestato, non lo abbiamo mai taciuto, i diritti acquisiti di migliaia di lavoratori; per confrontarci su cosa bisogna fare per salvare l’Italia e la sua democrazia, a partire dalla riforma dei partiti e del Parlamento.
Sono consapevole che le mie risposte non sono state accolte con la stessa disponibilità da ciascuno di voi, così come io non sempre ho condiviso quanto emergeva dal blog. Ma questo è il sale della democrazia.
Eppure sono convinta che tra di noi sia stata l’onestà intellettuale a prevalere, grazie anche al fatto che nessuno si è mai sottratto al confronto, mettendoci la propria faccia e le proprie idee.
Quello che abbiamo fatto insieme è a mio avviso la migliore risposta alla cosiddetta antipolitica: confrontarsi, discutere, mettersi a servizio degli altri e del bene comune, rivendicare i propri diritti nelle forme democratiche.
Ed è anche una lezione per tutti.
Per noi politici: per quelli che sono con voi oggi e hanno dichiarato la propria solidarietà e soprattutto per chi ancora indugia a riconoscere la specificità della scuola.
Ma mi permetto di dire che si tratta di una lezione anche per voi, per i lavoratori del comparto scuola.
Il nostro Giuseppe Grasso, all’indomani della nascita del Comitato scriveva: “Migliaia di lavoratori della conoscenza – auspice la blindatissima riforma delle pensioni targata Fornero – si sono trovati di nuovo uniti, in questi ultimi mesi, e hanno riscoperto la passione di impegnarsi oltre alla volontà di passare alla controffensiva.”
Ecco: è la “riscoperta” di cui parla Giuseppe che voglio sottolineare brevemente per invocare anch’io la necessità di un impegno personale di ciascuno di NOI per rivendicare i propri diritti ma soprattutto per “difendere” la scuola pubblica e i suoi lavoratori.
Lo dico dopo avere contrastato per tre interminabili anni il progetto di destrutturazione messo in piedi dal ministro Gelmini e non aver potuto constatare tra i lavoratori del comparto, soprattutto tra quello di ruolo, la consapevolezza che quel piano, anche passando attraverso il discredito di insegnanti e ATA (attuato con il taglio agli organici, il blocco degli stipendi e della progressione di carriera), avrebbe minato la struttura che più di ogni altra garantisce la democrazia nel nostro Paese e traduce materialmente il dettato dell’articolo 3 della Costituzione: la scuola.
Ora che avete compiuto questa riscoperta, vi prego di non abbandonare l’impegno ritrovato perché non siano calpestati i vostri diritti e quelli dei vostri ragazzi.
Venite davanti a Montecitorio, incalzate la politica, organizzate presidi davanti alle scuole, scrivete articoli: noi saremo con voi in ogni azione per non abbassate la guardia!
E’ un’esortazione a mantenere vivo l’impegno e l’entusiasmo di oggi, soprattutto se la soluzione della vicenda richiederà tempo.
Probabilmente un aiuto arriverà per via giudiziaria, ce lo auguriamo tutti, ma il PD continuerà a lavorare per una soluzione di carattere politico.
Insisto su questo punto, a scanso di equivoci: è la politica, se vuole assolvere alla sua missione e tornare ad essere capace di rispondere alle istanze dei cittadini, che deve ristabilire equità e diritto.
L’ho scritto più volte e voglio ribadirlo in questa piazza: così come è stato per il Milleproroghe, nel primo provvedimento utile attinente alla materia previdenziale ripresenteremo l’emendamento già bocciato al Senato per disporre la possibilità per il personale della scuola di andare in pensione con il previgente regime maturando i requisiti entro il 31 agosto 2012.
Ecco perché è importante che il Governo accolga la richiesta di riaprire la vicenda degli esodati e dei mobilitati: perché sarà la prima occasione in cui il Parlamento ridiscuterà la materia previdenziale dopo la finestra aperta dal decreto Milleproroghe e in quella sede potremo presentare un emendamento sul comparto scuola.
È del tutto evidente che la vostra situazione è bene diversa da quella degli esodati; ma dobbiamo cogliere l’occasione che potrebbe derivare da un eventuale decreto per gli esodati.
Come ho avuto modo di dire al viceministro Martone, l’odg del PD accolto dal Governo in gennaio vincola l’Esecutivo ad un impegno ben preciso, quello di dare attuazione al contenuto del nostro emendamento e non abbiamo alcuna intenzione di farci mettere i piedi in testa! Gli impegni assunti vanno onorati, soprattutto se si è Tecnici alla guida del Paese.
Eravamo convinti della bontà e dell’equità del nostro emendamento quando lo presentammo la prima volta e lo siamo ancor più oggi, a fronte di due elementi emersi più recentemente.
Il primo è che, in modo abbastanza schizofrenico, la circolare applicativa della riforma Fornero al comparto scuola da una parte impedisce di andare in pensione a chi, come voi, avrebbe maturato i requisiti (come è sempre stato) entro l’anno scolastico in corso e, dall’altra, si affretta a mandare in quiescenza coloro i quali invece vorrebbero restare ancora qualche anno ma hanno raggiunto i limiti d’età e di monte contributivo.
Il secondo elemento, ed è di questi giorni, sta nel fatto che al ministero sono state inoltrate 27.700 domande, circa 5 mila in meno rispetto a quelle che il MIUR attendeva. Si tratta di un evidente risparmio per lo Stato e allora perché non concedere il pensionamento a chi, come voi, avrebbe maturato i requisiti entro il 31 agosto 2012 e che somma ad un contingente di circa 4000 persone? In questo modo, peraltro, si lascerebbero disponibili posti in organico per il personale più giovane, mosso da una forte motivazione e da una carica innovativa nei confronti della propria professione.
Ecco perché non dobbiamo abbandonare la nostra iniziativa: perché è una iniziativa giusta (e, meglio tardi che mai, più forze politiche se ne sono rese conto) e perché non stiamo rivendicando un privilegio ma un diritto!»

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Cleofe Renata
Ospite
“QUOTA 96” – Servono 170 milioni di euro, ma ormai c’è la volontà politica unanime di mandare in pensione i 6mila docenti e Ata coinvolti: il numero aumenta perché a beneficiare della deroga sarebbero anche tutti i lavoratori nati nel 1952. Decisivo diventa, a questo punto, il parere della Commissione Bilancio della Camera. Finalmente sembra avere avuto degli effetti positivi il lungo pressing attuato dall’Anief nei confronti dei componenti del Parlamento per salvare migliaia di docenti e Ata dall’obbligo di rimanere in servizio a causa della “dimenticanza” nell’ultima riforma pensionistica, voluta dell’ex ministro Elsa Fornero, di introdurre una deroga per… Leggi il resto »
Cleofe Renata
Ospite
Pensioni, Fornero al palo Testo e allegati per la stampa da ItaliaOggi Pensioni, Fornero al palo Si muove la camera, in attesa della consulta di Franco Bastianini Quella che inizierà il 17 giugno sarà una settimana di passione per le migliaia di docenti e di personale Ata della scuola per i quali la riforma Fornero aveva escluso dalla possibilità di poter fare valere, ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico, i requisiti anagrafici e contributivi richiesti dalla previgente normativa perché non posseduti alla data del 31 dicembre 2011. L’ufficio di presidenza della commissione lavoro della camera ha posto all’ordine del giorno… Leggi il resto »
Cleofe Renata
Ospite
Tecnica della Scuola “Quota 96” e le attese delle sentenze di Pasquale Almirante Non c’è pace per il personale della scuola di “Quota 96” che, in attesa di uno sblocco politico (se si formerà il Governo e se il Pd manterrà quanto ha promesso) della ingiustizia subita, si sono affidati ai giudici. Le ultime novità che pervengono dal fronte agguerrito, ma sempre più scoraggiato, dei circa 3500 lavoratori della scuola:”Quota96”, penalizzati dalla riforma sulle pensioni di Fornero che non ha riconosciuto la specificità della scuola, che gode di una sola finestra di uscita, riguardano le sentenze della Corte dei conti.… Leggi il resto »
Cleofe Renata
Ospite

La sentenza della Corte dei Conti rinviata dopo il 2 aprile!

Cleofe Renata
Ospite
Non c’è democrazia senza istruzione”: il Pd rilancia il problema di “Quota 96” Testo e allegati per la stampa da Tecnica della Scuola “Non c’è democrazia senza istruzione”: il Pd rilancia il problema di “Quota 96” di Pasquale Almirante Il Partito democratico riprende nel suo sito internet tutta la problematica relativa alla scuola con tutti gli impegni che in campagna elettorale ha preso. “Non c’è democrazia senza istruzione. Restituire risorse, stabilità, fiducia a Scuola e Università”, così si apre la pagina dedicata. Tra i punti anche l’impegno a risolvere la questione del personale di “Quota 96”. E al paragrafo: Stabilità… Leggi il resto »
Anonymous
Ospite

TANGO LIBIDINOSO TRA BERSANI E MONTONE ,CHE PIER PRENDA DISTANZE DA MONTONE ALIAS BERLUSCONI BIS

pio
Ospite
@ Manuela L’epilogo della questione q96 è disastroso e sono molto più che deluso e in dignato . Tutti apparentemente volevano risolvere il problema ma nessuno ( al di fuori di te e di pochissimi altri) si è veramente interessato . Molti parlamentari ancora ignorano il problema ( la loro ignoranza in verità non si limita solo a questo). Il PD che dovrebbe essere il maggior tutore del popolo ha sempre fatto orecchie da mercante , possiamo affermare che se ne è bellamente fregato, appoggiando , SENZA MAI OPPORSI , un governo di estrema destra . Non possono accamparsi scuse… Leggi il resto »
Tonino Liguori
Ospite

Dopo 36 anni di lavoro e di fedeltà allo stato e al maggiore partito della sinistra italiana, a seguito di questa presa in giro, ho deciso: non meritate più la fiducia. NON VI VOTO PIU’!

Giovanni Lanzafame
Ospite
Non mi rivolgo più a Lei,onorevole Ghizzoni,mi scusi,ma ai miei colleghi che spesso ringraziano con tanto di ossequi,anche io inizialmente lo facevo,per la dedizione ,la passione,etc…che ha messo nel portare avanti la questione “docenti quota 96″.Addirittura qualcuno già quasi si considera a due passi dalla soluzione.Ma dove,ma quale?Siamo in un punto di non ritorno,in un vicolo cieco.Ormai non c’è più spazio per noi,scusate la rassegnazione.Ci hanno preso tutti in giro,perchè non c’è stata la forte presa di posizione, il fronte comune di tutto il PD e delle forze sociali. Mi risulta che solo una piccola parte del PD è convinta… Leggi il resto »
Giovanni Lanzafame
Ospite
Gentile onorevole Ghizzoni,i voti bisogna meritarseli con segnali concreti.Mi rendo conto che Lei si stia effettivamente dando da fare per combattere l’innalzamento a 24 delle ore di lezione a costo zero ,come anche quello ,e soprattutto,che riguarda tanti docenti (3500)come me di quota 96.Ma La prego dia un concreto segnale ,specialmente sul problema pensioni quota 96, al Parlamento.Portatelo avanti fino in fondo ,nel dibattito in quella sede,a giorni,e nel caso di probabili resistenze abbiate il coraggio di sfiduciare questo governo,che sarà di tecnici,ma evidentemente di scuola ben poco ne capisce.Non lasciatevi incantare dalla solita consumata storiella della copertura finanziaria che… Leggi il resto »
Antonio 51
Ospite

Onorevole, siate Voi PD a fare delle proposte nuove di copertura perché il governo dice sempre la solita solfa: non c’è copertura finanziaria e con questo ci frega, ora però deve essere la volta buona ! Le elezioni si avvicinano.
Grazie a Lei per la Sua tenacia.

Maria Laiena
Ospite

Gentile onorevole, nonostante tutto riesco ancora ad andare volentieri a scuola ma, le assicuro, il compito diventa sempre più difficile. quota 96 raggiunta e oltrepassata. Ora Basta??

Giovanni Lanzafame
Ospite
Onorevole Ghizzoni,scusi,ma a che gioco al massacro stiamo giocando?Oltre il danno che non ci fanno andare a noi “docenti quota 96″ in pensione,si aggiunge la beffa di dover lavorare altre 6 ore di più per avere lo stesso stipendio ?Ma la volete fare smettere a Profumo ,Fornero e company di macellarci così tanto e di sfiduciarli in Parlamento?Risponderanno colla solita cantilena della copertura finanziaria che manca.Non manca,però,a quanto pare per quelli della sanità(mi fa piacere per loro,ovviamente).Se ,come dicono ci deve essere equità ,questo deve valere anche per noi.Evidentemente la nostra non è una categoria usurante come quella della sanità,salvo… Leggi il resto »
Antonio 51
Ospite

@ GHIZZONI

Onorevole, cosa ci può dire della proposta oscena fatta sulla legge 104?
Grazie!

pensionata mancata
Ospite

@Manuela ghizzoni
L’interrogazione parlamentare a fornero e profumo,segue un iter parlamentare diverso, non ha più ragione di esistere o cosa?Le sarei grata di un risposta.Grazie.

Antonio 51
Ospite

@ tutti
Avete letto attentamente quello che ha deciso il governo per i docenti nella legge di stabilità ?
Il PD come ha potuto lasciar passare tanta oscenità e offese verso di noi?
Ci si meraviglia se Grillo è in ascesa? Se c’è astensionismo?
La vogliamo sfiduciare questa accolita di “professori sordi e miopi e volgari?

Giovanni Lanzafame
Ospite
Onorevole Ghizzoni,ho saputo che è stato fatto da Lei un piccolo ma significativo passo avanti ,sulla questione docenti quota 96,inserendo un importante emendamento che collegherebbe strettamente il nostro problema all’interno del problema degli esodati,in modo che un esito positivo,si auspica, per questi significa automaticamente anche per noi.Brava e complimenti!Ma mi raccomando non molli perchè il nostro destino dipende dalla tenacia,convinzione e caparbietà di tutti quelli come Lei.Fate quadrato al Parlamento contro Fornero e compagnia bella ,che non convincono più colle loro improponibili coperture finanziarie e non ammettendo,sapendo di sbagliare, di aver preso un grosso abbaglio negando l’unica nostra finestra di… Leggi il resto »
Antonio 51
Ospite

@ ATUTTI

Sapete cosa vuol fare il governo appoggiato dal PD?
Domani si accinge a proporre quanto segue:
eliminazione degli scatti , eliminazione del rinnovo contrattuale, eliminazione della vacanza contrattuale, e….udite…udite,
TAGLIO IN BUSTA PAGA DEL 50% PER CHI USUFRUISCE DEI 3 GIORNI DELLA 104 PER UN GENITORE DISABILE AL 100%
SCRIVETE SUBITO ALLA CARA ON. GHIZZONI PERCHE’ QUESTO INCUBO NON SI REALIZZI CON I VOTI DEL PD.
SCRIVETELE TUTTI VI PREGO!!!

Maria 52
Ospite
Anche io ritengo che la giustificazione che ora si da’ della MANCATA COPERTURA FINANZIARIA per non permettere a 3 / 4 mila operatori della scuola di andare LEGITTIMAMENTE IN PENSIONE, e quindi senza alcuna regalia o privilegio di nessuno, sia una giustificazione non solo incredibile (che Nessuno cioè neppure col massimo sforzo riesce a credere!) ma davvero perversa e diabolica… Io faccio questo semplice ragionamento : se per ipotesi la Fornero non avesse fatto il madornale errore che tutti noi conosciamo bene del termine per noi di Quota 96 al 31-12-2011′ e ci fosse stata data per Legge la possibilità… Leggi il resto »
Antonio 51
Ospite

@ a tutti
Ma la vogliamo capire che la coraggiosa Onorevole GHIZZONI è sola come un cane!

Giovanni Lanzafame
Ospite
Onorevole Ghizzoni, Lunedì sarà presentato alla camera la proposta 5103 dell’on.Damiano. Io mi auguro che venga ascoltata e quindi favorevolmente votata.Spero che non spunti la solita motivazione che, per noi della quota 96, manca la copertura finanziaria.Ma scusate,se ci tenete tanto a noi come dite e proclamate ai quattro venti di riprenderci quei diritti negati della mancata pensione,perchè non dite che quella della mancanza dei fondi è prorio una brzelletta che non regge e non ci crede più nessuno.Ed allora dove sono andati i fondi pensioni che noi giustamente paghiamo e ci trattengono nella busta paga?Sappiano Fornero e compagnia bella… Leggi il resto »
Vincenzo 52 attenzione
Ospite
Vincenzo 52 attenzione

La prego Onorevole Ghizzoni perseveri come sa fere lei e come ha fatto fino ad oggi.
Per una giusta causa di civiltà e giustizia. ciò che ha fatto e farà e un gesto di estrema nobillta’ verso coloro che sono stati umiliati.
Grazie

Roberto
Ospite

Per la copertura delle nostre pensioni si potrebbero utilizzare parte dei 97 MILIARDI di EURO, dicasi 97 miliardi di euro di EVASIONE FISCALE per tasse non pagate da Società che gestiscono le Slot Machine.
Da tre anni si conosce questo problema….. però nessuno li vuole riscuotere!!!!!!!!
La riscossione di questa vergognosa evasione servirebbe anche a diminuire in parte il nostro debito pubblico e in parte anche le tasse che sono sempre e comunque pagate da noi dipendenti.

renatofa
Ospite
Per non far torto a nessuno Onorevole Ghizzoni, ormai è chiaro a tutti che il pd si è reso non solo complice di una disastrosa riforma delle pensioni, ma è stato vera parte attiva per idearla ed approvarla. La frase coniata per evidenziare l’esigenza di portare termine lo sfacelo era: “patto generazionale” oggi tutti insieme siamo concordi nel definirlo PATTO SCELLERATO TRA GENERAZIONI per aver affossato i padri e cancellato le speranze ai figli ed i soldi della previdenza versati dai lavoratori, compresi i precoci, sono finiti per saldare i conti dello stato. Questo stato: http://video.corriere.it/anticorruzione-severino-report-governo-non-avra-tempo/25a6ab90-0b45-11e2-a8fc-5291cd90e2f2 Le risorse!!! Le risorse… Leggi il resto »
Antonio 51
Ospite

@ GHIZZONI

Carissima Onorevole , dovete allora essere voi a proporre delle nuove risorse per la COPERTURA .
Ad esempio l’eliminazione o riduzione dei finanziamenti alle SCUOLE PRIVATE, oppure la rinuncia a tutti quegli AEREI DA GUERRA, oppure i TAGLI DRASTICI DELLA POLITICA, ( sempre più sporca e ipocrita) , oppure far pagare l’IMU ALLA CHIESA E ALLE BANCHE, strategie nuove contro l’EVASIONE FISCALE e chi più ne ha più ne metta.
Non so se mi sono spiegato !!!
Basta con le illusioni: l’emendamento del PD non passerà mai (manca la copertura !)

Antonio 51
Ospite

@ GHIZZONI

IN ALTERNATIVA SI PUO’ PRESENTARE LA PROPOSTA DI LEGGE 5293.
CHE NE DICE? GRAZIE!!!

Manuela Ghizzoni
Member
@Tutti come è stato riportato da molti di voi, l’8 ottobre nell’Aula di Montecitorio si svolgerà la discussione generale sulla pdl di Damiano “requisiti per la fruizione delle deroghe in materia di accesso al trattamento pensionistico” (A.C. 5103 e abb.). Quel giorno scadono anche i termini per la presentazione di emendamenti: e il nostro è già pronto! Come andrà a finire? Difficile dirlo, anche perchè sono a tutti note le perplessità di alcune forze politiche sul provvedimento degli esodati e soprattutto le difficiltà di copertura (al momento quantificata in oltre 5 miliardi) ma si tratta di una occasione che non… Leggi il resto »
Antonio 51
Ospite

@ GHIZZONI

Gentilissima On., ho letto che l’8 Ottobre alla Camera verrà discussa la proposta di legge 5103 dell’On. Damiano.
In quella occasione si può inserire un emendamento ad hoc per i Quota 96 ?
Quanto dobbiamo ancora aspettare prima che la politica si muova a correggere gli errori della Fornero ?
Grazie ancora in attesa di una risposta.

Giancarlo Bruti
Ospite

@ maria Antonia

L’avvocato, consulente UIL, ha detto che i tempi della Corte Costituzionale variano da 8 mesi a 1 anno e mezzo. Facciamo prima in tempo a morire… Sono 3 giorni che vado ai funerali di amici….!!!

Antonio 51
Ospite

@ GHIZZONI

Gentilissima Onorevole, La proposta di Damiano sta andando avanti o no?
Abbiamo qualche possibilità di una soluzione politica a breve termine ?
Solo per quella” faccia tosta” di MARCHIONNE c’è una copertura finanziaria ?
Per noi che abbiamo ragione da vendere no???
La prego ci risponda , grazie ancora.

maria antonia
Ospite

AVETE IDEA DEI TEMPI D’ATTESA DEL PRONUNCIAMENTO DELLA CORTE COSTITUZIONALE ?
GRAZIE

ANTONIA

annunziata
Ospite

@gianni.bell
Anch’io avrei voluto fare come te per intraprendere la terza via: quella del riscatto e ricongiunzione,. ma i sindacati me l’ hanno sconsigliato anzi mi hanno detto che non avendo inoltrato la domanda specifica prima di dicembre 2011 (mese e anno della Legge Fornero) NON E’ POSSIBILE; d’altra parte raggiungere i nuovi requisiti richiesti dalla nuova legge mi sarebbe costato troppo!
Fammi sapere come ci sei riuscito.
Ciao, Annunziata

gianni.bell
Ospite
All’on. Manuela e a TUTTI Cari colleghi, mi sono defilato per un bel po’, ma per una giusta causa: la mia pensione. Viste le battaglie legislative perse e i tempi lunghi di quella legale, ho intrapreso la 3^ via, la più immediata per andare in pensione dall’01-09-2012, la più onerosa: RICONGIUNZIONE Lg.29 dei mesi che mi mancavano per conseguire i 40 anni di contribuzioni al 31-12-2011. Che stress…, che spesa…, ma SONO IN PENSIONE. Forse il primo o per ora forse l’unico, ma vinceremo tutti, anzi stiamo già vincendo. Continuerò comunque la battaglia con tutti voi. Non mollo, l’ho sempre… Leggi il resto »
filomena
Ospite

hai ricorsi con l’acca?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! necessita urgentemente il pensionamento

Enrico52 01-09-1952
Ospite

Siamo un gruppetto di Rimini, se vi sono persone interessate hai ricorsi e sono della stessa provincia si facciano sentire al più presto scrivendo alla mail
dotteb@libero.it
Grazie

cettina
Ospite

DOPO UNA VITA SPRECATA ACOMPRARE REPUBBLICA IL QUOTIDIANO IN CUI HO SEMPRE CREDUTO,FINALMENTE è STATO DAME E DAlla mia famiglia liquidato SENZA SE E SENZA MA , HO0 FATTO QUALCOSA DI SINISTRA E COSì SARà SICURAMENTE PER COLORO CHE SI ALLEANO CON VASI E VASI DI DON COFFARO0 SICILIANO DEI CANNOLI BACIAMO LE MANI

bitta52
Ospite

@Antonio Pane
Vai sul sito del Sole 24 ore del 27/8/12 cerca l’esperto risponde “chi dribla la riforma Fornero. Vai poi a Commenti dei lettori etrovi la lettera.
A me dopo essermi registrata e scritto il commento mi hanno fatto rimanere in moderazione fino al tardo pomeriggio poi mi hanno mandato un email di conferma e mi sono connessa era stata pubblicata non c’era nessun link.il commento è firmato Bitta52.
Spero che tu riesca a trovarla.
Grazie Antonio per la lettera che hai scritto per tutti noi !

Antonio Pane
Ospite

@ bitta52
potresti indicare il link del Sole 24 ore con la lettera a Profumo?

bitta52
Ospite
@Giuseppe Ho provato a fare copia incolla del nuovo spazio el’ho anche digitato ma mi dice non trovato,solo digitando sopra il tuo si accede.Quindi per arrivare devo fare un gran giro. Ho mandato la lettera di Antonio Pane all’esperto della previdenza del Sole 24 ore di Lunedi27/8/ Ho dovuto riassumerla perchè permettono solo 1000 battute però l’hanno pubblicata e probabilmente il prossimo lunedi ci sarà la risposta dell’esperto!!! Grazie alla cara Manuela che ci ospita e che ho seguito anche sul dibattito con il ministro Profumo sulla rete “you dem” canale 808 di sky. Sono sicura che sta lavorando per… Leggi il resto »
Giuseppe Grasso
Ospite

@ Tutti

Ricordo che, da alcuni giorni, le nostre discussioni sul web si sono spostate nel seguente post di Manuela Ghizzoni:

http://www.manuelaghizzoni.it/?p=34892&cpage=1#comment-22775

Prego quindi tutti di continuare a dare notizie o a postare commenti in questo nuovo spazio gentilmente messo a nostra disposizione da Manuela.
Grazie.

Antonio Piras
Ospite

Udienza cautelare a Cagliari con il Giudice Murru il 28 settembre 2012 alle ore 12.00, mentre a Nuoro il 13 settembre ore 09.00.
Sentiamoci per essere tutti presenti, in quanto è possibile poter assistere. Da informazioni fugaci, il giudice è stato anche a Oristano.
Speriamo bene.

Giuseppe Grasso
Ospite
Ste52 Ma qual è il rebus? Per poter maturare i requisiti, come recita l’art. 59 della legge 449/97, si arriva al 31 dicembre dell’anno solare anche se si va in pensione dal 1 settembre. C’è una circolare del 10 dicembre 2010 che lo conferma e un ddl ad hoc per noi. La chiosa del magistrato X riguarda il fatto che secondo il giudice di Venezia al 31 dicembre 2011 noi avevamo già maturato il diritto acquisito anche se non ancora esercitato al 31 agosto 2012 per andare in pensione. In sostanza la data del 31 dicembre 2011 non ha valore… Leggi il resto »
Gigliola
Ospite
Cari colleghi, vi trasmetto ciò che mi ha scritto ieri sera (28/8) l’avv. Gelo, legale domiciliatario per la zona di Napoli, a fronte di una mia richiesta di informazioni riguardo al pronunciamento del Giudice. “Gentile Prof.ssa, mi dispiace informarla che la richiesta di misure cuatelari urgenti ex art. 700 cpc è stata respinta . Stamattina ho visionato il provvedimento: in sintesi il giudice ha ritenuto – contrariamente a quanto statuito dal TAR Lazio – che la controversia appartenesse alla giurisdizione della Corte dei Conti… Cordiali saluti, Avv. F. Gelo” So che non è una buona notizia, ma è essenziale far… Leggi il resto »
giuseppina
Ospite

Presentati due ricorsi al giudice del lavoro di Nicosia (Enna), si è in attesa che venga fissata l’udienza di merito.

Ste52
Ospite

A Giuseppe Grasso.
Ho letto la chiosa del magistrato X sul GdL di Venezia, da te riportata.
Perdonami, ma continuo a capire che chi come me matura quota96 alla fine di agosto 2012, e cioè 36 anni di servizio al 31.8. 2012 e 60 anni di età nell’agosto 2012, non può andare in pensione, infatti non aveva maturato tale quota al 31.12.2011. Lo stesso dubbio mi pareva condiviso da altri ricorrenti di Venezia.
Coloro che avevano maturato quota 96 entro il 31.12.2011 erano già andati in pensione dal 1.9.2011.
Abbiate pazienza, qualcuno risolverà il rebus?

Antonio Pane
Ospite

Ricordo a chi non lo sapesse che è stata attivata una pagina Facebook riservata a Quota 96. Basta iscriversi a FB:
http://www.facebook.com/groups/379539902116121/

Giuseppe Grasso
Ospite
@ Tutti: Aggiornamento sull’odierna udienza del GdL di Oristano Stamattina ho detto l’essenzialle della giornata di oggi. Ora preciso meglio quanto appreso, nel pomeriggio, dall’avvocato Naso. Se qualcuno era presente può aggiungere o correggere quello che scriverò. Il GdL di Oristano non ha revocato il Decreto Cautelare di collocamento a pensione per i ricorrenti. Ed è questo un primo rilevante indizio di tranquillizzazione. Ha solo rimandato l’udienza alla data dell’11 settembre tenuto conto della costituzione in giudizio anche dell’Inps attraverso un “intervento volontario”. Secondo le curiose deduzioni dell’Inps, che evidentemente cerca di allungare i tempi visto che, nel merito, ha… Leggi il resto »
wallander
Ospite

proprio così: se si faceva un giro “turistico” sui vari siti qualche tempo fa, questi fatti risultavano lampanti. Peccato perché i pregiudizi non fanno bene a nessuno, non aiutano la causa di nessuno, isolano le diverse categorie e spingono alla poca solidarietà. Però, capiamoci, anche fra noi c’è davvero poca solidarietà, come è stato ben esemplificato in qualche post più sopra.

giorgia benetti
Ospite
@Gianluigi Mi sono tolta l’amaro sfizio di leggere il Sole24 ore e vi ho trovato quello che mi aspettavo. L’opinione pubblica ha realmente la convinzione che noi ‘ non facciamo niente ‘ e siamo sempre in vacanza. Una ventina d’anni fa ero in vacanza a Pantelleria, avevamo avuto un aumento decente ( forse l’unico nella carriera ) di stipendio e le persone che prendevano il sole vicino a me commentavano il fatto con astio e battutacce. Io tacevo. Quando qualcuno mi ha chiesto che lavoro facessi, ho risposto: ‘ Io lavoro alle Poste ‘, ed ho reimmerso la testa nel… Leggi il resto »
PATRIZIA52
Ospite
@sergio @tutti A TV le cose sono molto confuse. Al momento la situazione è questa. La CGIL (un gruppo di circa 20 persone) avrà udienza il 5/9 come diceva il collega Gianfranco. Noi assistiti da Naso( 9 persone) avremmo dovuto avere l’udienza il 20/8 ma la mattina stessa è apparso un foglio attacato alla porta dove ci doveva essere l’incontro : per motivi di salute sopraggiunti il giorno 19/8 le udienze della settimana sarebbero state spostate dal 16/9; in caso di urgenza si chiedeva di riformulare la richieta e così è stato fatto dall’avv. che ci assiste in loco. E’… Leggi il resto »
wpDiscuz