memoria, partito democratico

Bersani ai bolognesi: Le vostre ragioni sono le ragioni dell'Italia. 32° Anniversario della strage di Bologna

“Sono trascorsi 32 anni dalla strage di Bologna, ma è necessario ribadire l’impegno affinché la verità emerga nella sua interezza. La magistratura ha svolto il suo compito ed è arrivata a sentenze definitive, tuttavia continuano i tentativi di delegittimare il suo lavoro. Voglio dirti che noi faremo da argine al tentativo di inquinare l’esito dei processi. Resta da capire chi fossero i mandanti occulti e quali forze abbiano realmente operato per arrivare ad un esito non democratico della vicenda italiana”. Lo scrive il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani in un messaggio a Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione dei parenti delle vittime in occasione del 32esimo anniversario della strage di Bologna che cade domani 2 Agosto.

“Una strage – prosegue Bersani – che ferì al cuore Bologna e l’Italia intera. L’immagine dell’orologio della stazione fermo alle 10.25 resta nella memoria collettiva come il segno più drammatico di un evento che provocò la morte e il ferimento di tanti innocenti. Voi familiari chiedete legittimamente che le ombre siano diradate e che il segreto di Stato non impedisca di ricomporre ogni aspetto di una vicenda così importate e dolorosa per la nostra storia”.

“Voglio garantirti ancora una volta che il nostro impegno non verrà mai meno: sia per fare chiarezza sui lati oscuri della strage; sia per fare in modo che le vittime e i familiari vedano riconosciuti i loro diritti dal punto di vista previdenziale. E’ necessario, pur nella difficile congiuntura che stiamo attraversando, mettere in atto le norme di legge in vostro favore che sono state già approvate. Continueremo a sollecitare il Governo che, da parte sua, ha dato un segnale molto positivo tornando, dopo due anni di assenza, a prendere parte alla commemorazione in ricordo delle vittime della strage”.

“Nel ricordo di quelle vite innocenti lavoreremo per difendere la democrazia, per renderla forte e radicata nei sentimenti degli italiani. Perché le minacce non sono mai terminate e la strage di Bologna è un ammonimento a mantenere alta l’attenzione, a lavorare affinché la democrazia non deperisca e trovi la forza per rinnovarsi nel segno della fedeltà alle nostre radici costituzionali. Senso di giustizia e bisogno di verità ci spingono a chiedere allo Stato di fare la propria parte e a sostenere le vostre ragioni che sono le ragioni dell’Italia”.

www.partitodemocratico.it

Condividi