attualità, cultura

"Acqua azzurra", di Massimo Gramellini

Sloggiati a forza dalle calette proibite della Maddalena, i possidenti di megayacht reagiscono con accenti che mescolano lo stupore all’arroganza, minacciando di non tornare mai più in Sardegna. Sono oligarchi russi, principi tedeschi, evasori italiani. Vorrei li accompagnasse il mio personale augurio di buon viaggio. Vadano a inquinare le coste croate, francesi o lillipuziane: qui da qualche tempo si cerca di diventare un Paese povero ma serio. È il risvolto ironico di questa estate deprimente. Finché eravamo la patria dei finti divieti e degli scontrini fantasma, il mondo degli ultraricchi ci frequentava disprezzandoci. Adesso che cominciamo a pretendere il rispetto delle regole, i moralisti di ieri si indignano per l’inaudito capovolgimento del luogo comune che ci vuole accomodanti e servili. E usano l’unica arma a loro disposizione, i soldi. Così ogni slancio di pulizia viene sottoposto al ricatto economico, che purtroppo la crisi rende particolarmente efficace.

In effetti avremmo potuto scegliere un momento più propizio per redimerci, ma abbiamo accumulato ritardi ventennali e, come tutti i ritardatari, ci tocca fare i compiti all’ultimo minuto. Siamo a metà del guado: non abbiamo più i vantaggi che garantiva l’illegalità e non intravediamo ancora quelli che verranno dall’onestà. Ora, delle due l’una. O torniamo indietro e ci perdiamo per sempre. Oppure andiamo avanti, fino a quando cominceremo ad assomigliare a quello che da sempre dovremmo essere: un paradiso da contemplare e non da usare.

La Stampa 15.08.12

Condividi
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
silvana 52
Ospite

Forse l’Italia si sta incamminando sulla giusta strada:era ora!
Bisogna continuare e non mollare:un pò di onestà non guasta mai!

franco SARDEGNA
Ospite

sono un maddalenino doc. ci sono nato. ci vivo…… e spero di morirci il piu’ lontano possibile per godere di questo paradiso che madre natura ci ha regalato . abbiamo sempre difeso con le unghie e con i denti la nostra terra dalle speculazioni edilizie, dal cemento, ma contro gli scieicchi ,emiri e principi ci deveno pensare le forze dell’ordine.

elda
Ospite

bravo Gramellini!