comunicati stampa, scuola | formazione

Legge stabilità: Ghizzoni, bene dietrofront su scuola

Commissione presenterà emendamento per scongiurare ripensamenti. “Apprezzo il dietrofront del Governo sulla norma che incrementa di 6 ore settimanali il lavoro dei docenti, ma, ancora oggi, ci troviamo a lavorare su un testo che è quello consegnatoci dal consiglio dei Ministri, pertanto proseguiremo il nostro lavoro in commissione per scongiurare ogni ripensamento da parte dell’esecutivo. – così Manuela Ghizzoni, presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati, e relatrice della Legge di Stabilità commenta le dichiarazioni del sottosegretario Rossi Doria in merito all’articolo che riguarda l’innalzamento a 24 ore dell’orario di lezione in classe per gli insegnanti delle scuole medie e superiori – E’ una norma che, se applicata, avrà effetti peggiorativi non solo sulla qualità della didattica, ma anche sui livelli occupazionali, e sulla quale la relazione presentata in Commissione evidenzia tutti gli aspetti di criticità formale e sostanziale. Per questo stiamo lavorando – annuncia la presidente Ghizzoni – per presentare nella Commissione competente e nella Commissione Bilancio un emendamento sul quale possano convergere tutte le forze, di maggioranza e opposizione, e che preveda l’abrogazione della norma.

Il tema del lavoro degli insegnanti – conclude Ghizzoni – non può essere affrontato all’interno di una legge di stabilità e attraverso l’innalzamento di un terzo dell’orario di lavoro frontale, ma garantendo una prospettiva culturale e politica, alla quale il Parlamento e la commissione che presiedo non si sottrarranno.”

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Antonio_TO
Ospite

Penso che Chiara si riferisse ai “professori” che stanno al governo con Monti.
In queste ore decisive siamo tutti nervosi e fragili ma molto riconoscenti per l’impegno di Manuela, Mariangela e l’azione di Damiano.

Ferretto Chiara
Ospite

Pretendete la moderazione da noi che siamo stati privati di una parte di vita?

Manuela Ghizzoni
Member

@Ferretto Chiara
Non pretendo alcuna moderazione nei contenuti: più semplicemente, “moderare” significa che il commento deve essere autorizzato dall’amministratore del sitom che ha responsabilità sui contenuti pubblicati. Infatti, il suo precedente commento è stato autorizzato.
Dire, poi, che noi ci siamo dimenticati la specificità della scuola in ordine alla riforma Fornero è incredibile: siamo a un passo dalla risoluzione del problema e certo non è per merito di altri (si veda al post Intrrogazione a Fornero e Profumo sui pensionandi della scuola”

Ferretto Chiara
Ospite

Bene sui risultati raggiunti circa l’innalzamento delle ore, ma ho la sensazione che vi stiate dimenticando la pazzia della fornero di non considerare la specificità della scuola… È ridicolo, vergognoso, incomprensibile aver chiuso l’anno scolastico al 31 dicembre per tutte le numerose enormi conseguenze che comporta per noi che avevamo già fatto domanda di pensione (quota 96 abbondante) e per l’organizzazione nel suo complesso.
Ma che professori sono questi che tengono lezione per qualche ora e poi si occupano di altro ben più remunerativo? Ma cosa ne sanno loro della SCUOLA?

wpDiscuz