attualità, politica italiana

"Campagna elettorale formato reality", di Ilvo Diamanti

Manca ancora un mese al voto. Anzi, qualcosa di più. Ma è come se, a spoglio iniziato, si discutesse degli exit poll. In attesa delle proiezioni. Con il timore che le stime fornite si rivelino sbagliate. È già avvenuto. Nel 2006, in particolare. Quando gli exit poll annunciarono la larga vittoria dell’Ulivo di Prodi. Mentre, a spoglio concluso, la competizione si risolse in un
quasi-pareggio.
Oggi, a un mese al voto, è come se fossimo ancora lì, dentro e davanti gli schermi, a interrogarci sull’attendibilità delle stime prodotte dai sondaggi. Che da troppo tempo e con troppo anticipo, hanno decretato il successo del centrosinistra e del Pd, guidato da Bersani. Oggi, come nel 2006, si teme – oppure si spera, a seconda dei punti di vista – l’idea della rimonta di Berlusconi. Alimentata da alcuni sondaggi, che registrano un avvicinamento tra il centrosinistra e il centrodestra. Tra Bersani e Berlusconi la forbice si stringe, è la voce che corre. Amplificata da Berlusconi, che, come highlander, affolla gli schermi, più volte al giorno, per narrare la leggenda del proprio eterno ritorno. E che è lì, addosso a Bersani. Anzi, l’ha praticamente superato. Sondaggi alla mano. I propri, naturalmente. Come nel 2006. Oggi, quel precedente incombe. E legittima ogni timore e ogni speranza. Tanto che Luca Ricolfi, sulla Stampa, autorevolmente, si chiede e chiede: “E se Berlusconi vincesse ancora?”. Tanto più dopo la performance a “Servizio Pubblico”, la trasmissione di Santoro. All’indomani, giornali e giornalisti, sondaggi alla mano, “hanno dato i numeri” del (presunto) recupero prodotto da quella prestazione.
Il problema è che mai come oggi i sondaggi sono apparsi tanto discordanti. A livello nazionale, infatti, il centrosinistra oscilla dal 33% a oltre il 40%. Il centrodestra dal 24% a 34%. Così tutto – ma davvero tutto – diventa possibile. La vittoria larga e schiacciante del centrosinistra. Oppure la rimonta di Berlusconi. Peraltro, questa carovana di sondaggi e di dati si snoda ovunque. In televisione e sui giornali. Non c’è emittente, tg e talk politico che non abbia il suo istituto demoscopico e il suo pollster di riferimento. Che fornisce i suoi numeri e le sue stime ogni settimana, a volte ogni giorno. La Rete, da parte sua, rilancia tutti i sondaggi, tutte le stime e tutte le statistiche. Così viviamo immersi in una sorta di reality a reti – e testate – unificate. Di cui tutti sono al tempo stesso attori e spettatori. D’altronde, i talk politici e di approfondimento stanno ottenendo indici di ascolto elevati. In particolare, quando va in scena Berlusconi. Possibilmente, in terreno nemico o comunque insidioso. Dove gli è possibile recitare la parte del Cavaliere di Münchausen. Che si risolleva, per miracolo, quando tutti lo danno per finito. Berlusconi: può contare sull’assuefazione al modello che egli stesso ha inventato e affermato – in Italia. La politica come marketing e come spettacolo. A cui è difficile sottrarsi. Non vi riescono neppure gli avversari. Per cui recitano, insieme a lui, nel teatro della (media) politica. Affiancati da altri attori. I conduttori televisivi, i giornalisti, gli esperti. I pollster. (Lo preferisco a “sondaggisti”). Nuovi protagonisti. Perché recitano la parte dei “garanti”. E dei giudici. Quelli che misurano il gradimento e il consenso dei partiti e dei politici presso l’opinione pubblica. Per cui traducono la competizione elettorale – che avverrà tra un mese oppure una settimana – in un plebiscito continuo. Che si rinnova e si ripropone ogni giorno e in ogni momento del giorno. Con il limite – oppure il vantaggio – che non c’è un solo risultato, un solo indice, una sola misura. Ce ne sono molte. Così nessuno vince e nessuno perde, in modo definitivo. Dipende dal momento, dal sondaggio, dalla trasmissione.
Naturalmente, l’approssimazione che caratterizza le stime dei sondaggi riflette alcune ragioni molto ragionevoli. Ne segnalo solo alcune, a cui ho fatto cenno in altre occasioni.
1. I sondaggi rilevano le opinioni degli elettori, che però cambiano, via via che il voto si avvicina. Gran parte degli elettori non si interroga sulla propria scelta a mesi e neppure a settimane di distanza. Anche per questo la quota degli indecisi è alta. E tende a ridursi insieme alla distanza dalle elezioni.
2. Le scelte degli elettori (sondati) dipendono dall’offerta politica. Fino a un mese fa solo il Centrosinistra era sceso in campo. Trainato, peraltro, dalle primarie. Tutto il resto era sospeso. Il ruolo di Berlusconi, l’alleanza fra Pdl e Lega. La presenza di Ingroia a Sinistra. E, in particolare, l’iniziativa e lo spazio di Monti. Ciò spiega l’ampiezza dei consensi attribuiti al Pd e al centrosinistra. Fino a qualche settimana fa, soli in un campo politico confuso. Ma ciò spiega anche la “riduzione” della forbice registrata dai sondaggi, nell’ultima fase. Perché oggi il centrosinistra fa i conti con altri soggetti politici. Veri e definiti.
3. Tuttavia, la “misura” di questa tendenza è difficile da dimostrare. Perché manca ancora oltre un mese al voto e gli indecisi sono ancora circa il 30%. E molto può cambiare. Anche perché la campagna elettorale serve proprio a questo: a rafforzare oppure a modificare le tendenze rilevate dai sondaggi.
Infine c’è la questione fondamentale. I sondaggi, come ha sottolineato Nando Pagnoncelli, si sono trasformati “da strumento di conoscenza ed analisi … a strumento di propaganda e di previsione”. E, aggiungo, di spettacolo. Più che rilevare l’opinione pubblica, la mettono in scena e la costruiscono. Un’evoluzione particolarmente favorevole a Berlusconi. Che prima degli altri ha introdotto la politica come marketing. E meglio di altri ne controlla gli strumenti e le tecniche. Così, nella confusione demoscopica e nel reality della campagna elettorale, che oggi impazzano, il Cavaliere è riuscito a rilanciare il bipolarismo personale: Pdl-Berlusconi vs Pd-Bersani. Complice l’afasia di. Ha messo all’angolo Monti e la sua coalizione. Ma anche Grillo e la Sinistra di Ingroia.
È riuscito, inoltre a sollevare il dubbio: “E se vincesse di nuovo Berlusconi?”. Non importa se sia vero. Un altro autorevole analista di sondaggi, come Paolo Natale (su “Europa”), anzi, definisce la rimonta una “leggenda”. Ma sollevare il dubbio e perfino contestarne il fondamento, in fondo, significa legittimarlo. E accettare il gioco della (video) politica come marketing significa riprodurre il berlusconismo. Una recita ormai stanca e invecchiata. Come il protagonista. E come gli altri attori che lo assecondano, pur recitando la parte degli avversari. Come gli spettatori-elettori. Noi. Che abbiamo l’occasione, tra un mese, di chiudere il reality show a cui partecipiamo da
vent’anni.

La Repubblica 21.01.13

Condividi