Mese: gennaio 2013

"L’irrazionale antica paura della sinistra", di Stefano Menichini

L’elettore di centrosinistra, si sa, è fragile. Ha sofferto molto, per molti anni. Come i tifosi di certe grandi e sfortunate squadre di calcio, porta la sconfitta dentro di sé e la rimira come un destino ineluttabile anche (anzi, soprattutto) nei momenti in cui le cose sembrano invece andare bene. È affetto da indicibili complessi d’inferiorità, figli di altrettanti complessi di superiorità. Infine, invariabilmente sotto elezioni dal ’94 in avanti, patisce la prepotente sicumera di Berlusconi, avversario mai attraversato dal dubbio, e tende a credere a qualsiasi cupa leggenda propalata da lui, o cresciuta nelle proprie stesse fila. Come la leggenda della Rimonta. La leggenda della Rimonta, accreditata da importante grande stampa e fin qui contrastata invano solo da Paolo Natale su Europa, sta scatenando una psicosi collettiva. Una corrente di pessimismo amplificata dall’inevitabile malignità giornalistica (ieri sul Fatto, per esempio) che non può essere arrestata dagli affollati comizi della campagna elettorale condotta praticamente in solitudine da Bersani (mica per altro: solo per colpa della dinamica nefasta del Porcellum, che non invoglia alla lotta i …

Condividi

"Chi decide è altrove", di Concetto Vecchio

Il politologo Giorgio Galli: “Democrazia debole” «Il punto centrale dello scandalo Monte dei Paschi a me pare questo: c’è un potere insondabile che sta altrove e che decide carriere, impone decisioni, approfittando della debolezza del sistema politico, che in Italia non è mai stato così debole e screditato». Giorgio Galli, 85 anni, politologo, autore di molti saggi, dalla Dc alla P2, dal terrorismo rosso al nazismo magico di Hitler, dalla sua casa di Milano dice: «Le grandi concentrazioni economiche sono il nuovo Leviatano». Come definirlo? Un potere parallelo, un doppio livello? «La democrazia rappresentativa, come potere basato sul consenso, sui voti del Parlamento, è da tempo incrinata in favore di altri poteri, non trasparenti. Non è un problema solo italiano. Uno studioso americano, David Rothkopf, ha scritto un libro,Superclass. La nuove élite globale e il mondo che sta realizzando, in cui ha cercato di spiegare i meccanismi di cooptazione nei consigli d’amministrazione». Per l’onorevole Sposetti, del Pd, è una storia di massoneria. «Certe carriere appaiono inspiegabili. Ci si dà tanto da fare per eleggere parlamentari …

Condividi

Sicar, Ghizzoni: “Subito tavolo per salvare l’azienda”

La candidata Pd “Occorre tutelare i lavoratori e non disperdere gli ordinativi” Precipita la situazione di una delle storiche aziende del tessuto produttivo carpigiano, la Sicar che produce macchine per la lavorazione del legno. La parlamentare carpigiana del Pd Manuela Ghizzoni e candidata alla Camera alle politiche 2013 ribadisce la necessità di compiere un ultimo tentativo per salvare quanto rimasto, tentando di non disperdere gli ordinativi che ancora ci sono e dare prospettive future ai lavoratori. Ecco la sua dichiarazione: «Il governo e le istituzioni non possono restare immobili di fronte alla perdita di tanti posti di lavoro in un territorio già vessato dal terremoto. La chiusura della Sicar, azienda che dal ’70 produce macchinari per la lavorazione del legno, porterà al licenziamento di 70 lavoratori, di cui 20 nella sede di Carpi. È da due anni che le difficoltà dell’azienda vengono solo tamponate e non affrontate. Questo atteggiamento sta portando all’estrema conseguenza della chiusura delle sedi aziendali. Ora è necessario compiere un ultimo tentativo per salvare quanto rimasto, tentando almeno di salvare gli ordinativi …

Condividi

Lite tra la Boccassini e Ingroia “Vergogna, non sei come Falcone” “E tu pensa prima di parlare”, di Piero Colaprico

Finché Antonio Ingroia non ha “sconfinato”, Ilda Boccassini lo ha ignorato. Ma quando il neo-candidato ha accostato il suo nome a quello di Giovanni Falcone, Ilda Boccassini ha deciso che non era più il caso di tacere: «Ma come ha potuto Antonio Ingroia paragonare la sua piccola figura di magistrato a quella di Giovanni Falcone? Tra loro — sottolinea Ilda Boccassini — esiste una distanza misurabile in milioni di anni luce. Si vergogni». Una frase dura, che arriva all’indomani di una delle dichiarazioni di Ingroia a margine delle polemiche per le candidature: «Anche Falcone — diceva Ingroia — ha subito le critiche più forti dai colleghi magistrati ». In serata Ingroia partecipa a Ballarò e la sua non è una risposta altrettanto dura: «I miei maestri mi hanno insegnato a misurare le parole, Ilda Boccassini non ha letto le mie dichiarazioni. Quando sono entrato in politica, ho percepito una stizzita reazione, e questo ne è la riprova. Lo stesso era accaduto a Falcone, quando era andato al ministero. Prima di sparare a zero bisogna informarsi, …

Condividi

Lavoro: Ghizzoni, subito tavolo per salvare Sicar

“Il governo e le istituzioni non possono restare immobili di fronte alla perdita di tanti posti di lavoro in un territorio già vessato dal terremoto. – lo dichiara la deputata carpigiana Manuela Ghizzoni, presidente della Commissione Cultura della Camera e candidata del Partito Democratico in Emilia – La chiusura della Sicar, azienda che dal ’70 produce macchinari per la lavorazione del legno, porterà al licenziamento di 70 lavoratori, di cui 20 nella sede di Carpi. È da due anni – spiega Ghizzoni – che le difficoltà dell’azienda vengono solo tamponate e non affrontate. Questo atteggiamento sta portando all’estrema conseguenza della chiusura delle sedi aziendali. Ora è necessario compiere un ultimo tentativo per salvare quanto rimasto, tentando almeno di salvare gli ordinativi e dare prospettive future ai lavoratori. Le difficoltà del settore sono note – conclude Ghizzoni, che già in passato aveva seguito la vertenza aziendale – ma mettendo a sistema le aziende del territorio e attraverso la creazione di un tavolo istituzionale, è possibile ed auspicabile che non si disperdano gli ordinativi presenti e che …

Condividi

Sassuolo, Manuela Ghizzoni venerdì al mercato di piazza Garibaldi

Venerdì 1° febbraio, per tutta la mattina, Manuela Ghizzoni, presidente della Commissione Cultura della Camera e candidata del Pd alle politiche di febbraio, sarà a Sassuolo: i cittadini potranno incontrarla, durante il mercato settimanale, presso il banchetto allestito dal Partito democratico in piazza Garibaldi. Ecco una nota del Pd di Sassuolo sull’iniziativa: « La campagna elettorale del Pd in vista delle elezioni del 24 e 25 febbraio 2013 continua secondo i principi che caratterizzano da sempre il nostro partito: sobrietà e partecipazione. Non eventi spot, bensì occasioni di incontro e di confronto con i cittadini. Siamo presenti già da alcune settimane in centro, in occasione del mercato cittadino, per stare vicino ai sassolesi, in un momento di grande difficoltà, e cogliere gli spunti e i consigli che, di volta in volta, ci vengono forniti. Venerdì avremo ospite al banchetto di Piazza Garibaldi, Manuela Ghizzoni, parlamentare nell’ultima legislatura e componente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione” della Camera dei deputati, nonché candidata alle prossime politiche. Chiunque fosse interessato a conoscerla e ad informarsi sulle proposte e …

Condividi

Le stragi dell'anti-Stato, di Walter Veltroni

Per me le stragi degli anni ‘92-’93 sono le stragi dell’anti Stato. Ora che sono finiti i lavori della commissione antimafia (con la relazione del presidente Pisanu, che pure ha provato a ricostruire la storia di quel passaggio) dobbiamo dire che l’obiettivo più ambizioso – quello di una ricostruzione storica, prima ancora che giudiziaria – non è stato centrato. Che cosa è stata la stagione delle stragi di mafia in quel fatidico tornante della vita italiana dei primi anni Novanta? Proverò (l’ho fatto intervenendo in commissione) a mettere insieme una analisi di quello che è avvenuto, di quali piani e progetti si sono intrecciati in una vicenda segnata dalla trattativa tra Stato e mafia. La mia opinione è che probabilmente ci sono stati, come succede nella vita, piani paralleli, ma che uno è stato più grande dell’altro. Il piano più grande dell’altro è stato il modo attraverso il quale la mafia ha cercato – ed è riuscita – di contribuire a un disegno più grande di lei. Il disegno di una «stabilizzazione » politica di …

Condividi