attualità, partito democratico, politica italiana

Attenti alle battute da due soldi di Berlusconi

“Berlusconi dice che la nostra situazione dipende dalla Germania? Bisogna stare attenti a queste battute da due soldi”.
Così Pier Luigi Bersani, da Milano dove ha partecipato a un’iniziativa su Expo 2015 con Umberto Ambrosoli e Giuliano Pisapia, ha liquidato le affermazioni di Silvio Berlusconi, che in mattinata aveva parlato di un ‘braccio di ferro da vincere con la Germania’, pena ‘la fuoriuscita dall’euro, uno ad uno, di tutti i Paesi’.
“Se noi avessimo fatto i compiti che dovevamo fare dopo l’euro e approfittato del calo degli interessi – ha ricordato Bersani –, certamente la Germania avrebbe ben meno da rimproverarci e potremmo parlare con voce più chiara, anche sulla Germania. Tutto quello che abbiamo buttato via ce l’hanno fatto buttare via loro, Berlusconi e la Lega. E adesso loro non hanno il diritto di lamentarsi”.
Il segretario del Pd ne ha avuto anche per il M5S: “La proposta di Grillo di dare mille euro al mese a tutti per tre anni – ha detto – è una vergogna e mi indigna profondamente”.
Quanto alle questioni legate al territorio, a proposito dell’inchiesta sulle quote latte Bersani ha chiesto a Maroni, Bossi e Lega di dire qualcosa, perché, “con 4 miliardi e mezzo buttati via questa è una cosa di proporzioni cosmiche”.
E sempre sulla vicenda ‘quote latte’, il candidato alla presidenza della Regione Lombardia, Umberto Ambrosoli, ha rimarcato come “grazie alla Lega abbiamo perso credibilità in Europa”. Per Ambrosoli “è grave la condotta di chi anche nella Lega ha protetto coloro che continuavano a sbagliare”.
Quanto a Expo 2015, per Bersani “Tremonti non ci ha mai creduto, la Moratti e Formigoni litigavano. Questa è una cosa ripresa grazie alla nuova giunta”, aggiungendo poi come serva “una deroga selettiva al patto di stabilità, perché Expo 2015 è un grande fatto italiano e l’Italia ha un bisogno disperato di trovare leve credibili per andare avanti, per ridare fiducia e lavoro”.
Ma, ha concluso “bisogna vigilare sulle infiltrazioni criminali. Non facciamo come i leghisti, che dicono che al Nord non arriva niente, perché arrivano eccome”.

da Partitodemocratico.it

Condividi