comunicati stampa

Gas, Ghizzoni e Vaccari “Una buona notizia, ma rimarremo vigili”

L’Independent ha confermato l’abbandono del progetto del sito per lo stoccaggio di gas. Con una nota destinata ai mercati, nella giornata di martedì 5 marzo, l’Independent ha annunciato di aver rinunciato definitivamente al progetto dello stoccaggio interrato del gas a Rivara e che Grayson Nash, l’uomo che incarnava il progetto stesso, non è più al vertice dell’impresa. “Cauto ottimismo” viene oggi espresso dai parlamentari Pd Manuela Ghizzoni e Stefano Vaccari: si tratta di una buona notizia, ma, ora più che mai, deve essere seguita da un atto legislativo che dichiari, anche da un punto di vista giuridico, l’impossibilità di proseguire su quella strada.

Grayson Nash non è più Ceo dell’Independent Gas Mananagement e la stessa pubblic company inglese annuncia di aver definitivamente rinunciato al progetto dello stoccaggio di gas interrato a Rivara per “cause di forza maggiore”, leggasi sisma del maggio 2012. Con una nota destinata ai mercati, resa pubblica nella giornata di martedì 5 marzo, che sembra annunciare soprattutto il cambio al vertice, la stessa impresa che lo aveva fortissimamente voluto mette una pietra tombale sul progetto di un sito di stoccaggio in acquifero che, negli anni, sia le popolazioni che le istituzioni locali hanno fortemente contrastato. “Accogliamo la notizia con cauto ottimismo. – commentano i parlamentari Pd Manuela Ghizzoni e Stefano Vaccari – “Ottimismo” perché l’impresa, negli anni, nonostante le numerose valutazioni negative aveva sempre riproposto con forza il progetto e solo oggi, a ben dieci mesi dal terremoto, sembra aver definitivamente gettato la spugna. “Cauto” perché crediamo, come abbiamo più volte sottolineato, che nonostante il ministro per l’ambiente abbia espresso a più riprese, a parole, l’abbandono del progetto, perché questo sia definitivo occorra un atto legislativo chiaro che metta fine a quella che si è ormai trasformata in una sorta di telenovela. L’Area Nord colpita dal sisma ha assoluta necessità di certezze, – concludono Ghizzoni e Vaccari – quella della chiusura definitiva della partita sul gas è indubbiamente una di queste”.

Condividi