comunicati stampa, cultura

Beni culturali: Pd, al via esame proposta su professionisti

“La Commissione Cultura ha avviato oggi l’esame della proposta di legge per il riconoscimento dei professionisti dei Beni culturali. Siamo soddisfatti che il primo provvedimento legislativo a cui lavorerà la Commissione sia questa iniziativa alla quale il PD lavora da tempo in collaborazione con le associazioni del settore allo scopo di sanare una situazione di inaccettabile umiliazione per tanti lavoratori che da decenni vedono negata la propria professionalità. Ci impegneremo affinché il provvedimento venga approvato il prima possibile da una larga maggioranza perché è necessario dare risposte adeguate e rapide alle giuste aspettative dei professionisti dei Beni culturali”.

Lo rendono noto Marianna Madia, Manuela Ghizzoni e Matteo Orfini, deputati democratici promotori dell’iniziativa legislativa.

******

COMUNICATO STAMPA
Soddisfazione degli archeologi dell’Associazione Nazionale Archeologi per la ripresa dell’iter del ddl 362. Incardinato oggi in Commissione Cultura alla Camera, il disegno di legge Madia/Ghizzoni/Orfini che, emendando il codice dei beni culturali, riconosce la professione di archeologo. E l’Ana, Associazione
Nazionale Archeologi, non nasconde la sua soddisfazione per la ripresa dell’iter del ddl 362 che la prematura conclusione della sedicesima legislatura aveva bruscamente interrotto.
“A questo punto, afferma Salvo Barrano, presidente dell’ANA,- ci appelliamo a tutte le forze politiche perchè il DDL diventi rapidamente legge, colmando così una grave lacuna. Concordiamo, in tal senso, con la relatrice e firmataria del disegno di legge, on. Manuela Ghizzoni, sulla necessità di assegnare al più presto la sede legislativa, considerata l’urgenza di aprire nuovi scenari professionali nel settore dei beni culturali in Italia e la concorde
partecipazione della associazioni di settore nella stesura del testo.

“Dal Parlamento vogliamo un messaggio chiaro: questo piccolo emendamento a costo zero è un’occasione per dimostrare la capacità della politica di saper trasformare le parole in fatti – conclude Barrano”.

Condividi