attualità, lavoro, università | ricerca

"Smetto quando voglio?", di Manuela Ghizzoni

In queste ore “marziane”, che verosimilmente ci dividono da una crisi di governo, penso con insistenza ad un film di recente uscita: “Smetto quando voglio”.
Mi dedico allo svago mentre il Paese è spazzato da una bufera? No, penso proprio al Paese e alle sue emergenze, perché il bel film di Sydney Sibilia racconta, con ironia e competenza (e con maggiore efficacia di molti saggi) il dramma dei nostri migliori “cervelli”: giovani (ma non più tanto) ricercatori frustrati nelle loro legittime aspirazioni accademiche da “baroni” tiranni, inchiodati ad un eterno presente precario (come fai a costruirti un futuro a queste condizioni?), bistrattati da una società che disprezza la cultura. Ai quali non resta, dopo equilibrismi insostenibili per sopravvivere, percorrere senza convizione la via del crimine.
“Smetto quando voglio” è una perfetta commedia italiana (alla pari di La banda degli onesti e I soliti ignoti); è una lettura acuta e disincantata del corto circuito che sta compromettendo il futuro del nostro Paese: perché impedire a chi ha competenze e idee di metterle a vantaggio della comunità scientifica e del mondo produttivo (e di farlo con dignità e tutele del proprio lavoro) equivale a spegnere la loro speranza e quella dell’intero Paese.
Questo film è una accusa a tutti coloro i quali – io stessa inclusa – hanno o hanno avuto responsabilità nel determinare lo “spreco” della nostra meglio gioventù e agli stessi pone una domanda urgente: come pensate di risolvere questa situazione?
In queste ore “marziane” sarebbe bello sentire almeno un abbozzo di risposta.

Condividi
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Maria Rosaria Costa
Ospite

Si, Manuela: abbiamo bisogno di risposte. Di parole se ne sono sprecate troppe; di fatti, invece, non se ne vede traccia. Quale il “verso” del PD che “Cambia verso”? Aspetto con un filo di speranza. Ma sinceramente non l’ho ancora capito.

Ermanno
Ospite
Grazie!! Non finirò mai di ringraziarti. Sei rimasta una delle poche all’interno del partito, vera e semplice, a difendere gli interessi dei deboli. Lo dice uno che ha sempre votato Pd, ma che forse la prossima volta indirizzerà il suo voto ad altre forze meno lobbyzzate. Infine, non è un ricatto, le idee di Q96 potrebbero moltiplicarsi essendo noi dei docenti. Tu sei più giovane, fino a due anni fa quanto iniziammo questo battaglia, molti di noi sessantenni non sapevano cosa fosse il computer,ora vedo ogni giorno sul blog aggiungersi nuovi nomi, ci stiamo specializzando. La rete ha memoria ,… Leggi il resto »
Vito52
Ospite

Brava Manuela,apprezzo il fatto che non smetti di lottare per ciò in cui credi…ne abbiamo parlato tempo fa…un bacione con affetto….Vito

Maria 52
Ospite
Mi complimento con lei che, traendo spunto dal film , ha avuto l’onesta’ intellettuale ed il coraggio di fare un sereno, obiettivo ragionamento, un’auto critica anche sul suo operato di Donna delle istituzioni impegnata in una politica ormai palesemente e scandalosamente finalizzata a CURARE ESCLUSIVAMENTE I PROPRI INTERESSI PERSONALISTICI E DI CASTA ….snobbando invece quello che sarebbe dovuto essere il compito fondamentale di un onesto amministratore del Bene Collettivo e di ogni Singolo Cittadino : curare i Diritti di tutti e ciascuno in particolare !!!!! Nel tema da lei accennato ad esempio si parla del Lavoro dei nostri giovani i… Leggi il resto »
Franco
Ospite

Ma come non le ha Renzi le risposte a tutto? 😆

Mila Spicola dice che per quota96 è meglio che Letta se ne sia andato …
Io vedo solo che da un ex sinistra democristiana si passa ad un andreottiano con Buttiglione 🙄 come modello

Qundo le dicevo che il PD aveva gravi problemi con certa gente dentro e la consigliavo di tirarsene fuori se la parola compagno aveva ancora un valore per Lei, purtroppo non sbagliavo.
Franco

wpDiscuz