attualità, cultura

"La grande ipocrisia", di Massimo Giannini

Cos’altro deve succedere, per convincere la politica a muovere un passo concreto, tangibile e inequivocabile, contro la corruzione che torna a minare le basi della convivenza civile e della concorrenza economica? Quante altre retate devono accadere, per spingere il governo e il Parlamento a ripristinare con un atto definitivo, responsabile ed efficace, il principio di legalità di cui in questi anni di fango hanno fatto strame tutti, ministri e sottosegretari, amministratori centrali e cacicchi locali?
Tutt’altro che oziose (o capziose), di fronte all’acqua lurida che tracima dal Mose, dove proprio la politica si è definitivamente messa «a libro paga», esigendo quello che i magistrati chiamano «lo stipendio di corruzione».
Da Tangentopoli e Mani Pulite in poi, e per un infinito ventennio di malaffare pubblico e privato, non solo si è fatto assai poco. Ma quel poco che si è fatto lo si è fatto assai male. Grandi proclami, piccoli compromessi. Leggi-feticcio, da dare in pasto al popolo bue. E poi appalti in deroga a volontà, per lucrare fondi neri. Non solo in epoca berlusconiana, che sappiamo straordinariamente nefasta sul piano etico. Anche in tempi più recenti, che speravamo finalmente proficui sul piano della ricostruzione morale e della legislazione penale.
Così non è stato. Così non è ancora. E al presidente del Consiglio Renzi, che meritoriamente dichiara di voler «cambiare verso» all’Italia anche dal punto di vista della giustizia e che opportunamente si accinge a dare più poteri al commissario anti-corruzione Cantone, non è inutile ricordare quanto è accaduto e quanto sta ancora accadendo. Al di là degli annunci, che pure servono a scuotere la coscienza di un Paese disabituato al meglio e assuefatto al peggio, ma che da soli non bastano a consolidare nell’opinione pubblica la percezione di un vero cambiamento. Da troppo tempo — interrotti solo dai blitz dei pm sulle infinite cricche tricolori, dal terremoto dell’Aquila al G8 della Maddalena, dai mondiali di nuoto al sacco di Carige, dall’Expo milanese al Mose veneziano — abbiamo ascoltato alti lai e asciugato lacrime di coccodrillo. Ma nulla è cambiato, nei codici e nelle norme di contrasto. C’è come l’accidiosa consapevolezza che la corruzione, con i suoi 60 e passa miliardi di «fatturato» l’anno, rappresenti una parte essenziale e forse irrinunciabile del Pil nazionale. Così l’establishment, politico ed economico, celebra a ogni nuovo arresto la Grande Ipocrisia. Interviste sdegnate, riunioni d’emergenza. Poi più nulla. O leggi fatte male, a volte col legittimo sospetto che le si vogliano esattamente così, per convenienza bipartisan.
LA LEGGE SEVERINO OCCASIONE MANCATA
Non parliamo, stavolta, dei misfatti compiuti da Berlusconi premier. Sono tristemente noti. Diamo dunque per acquisite le 12 leggi ad personam azzardate dall’ex Cavaliere sulla giustizia. La colossale occasione, miseramente mancata, è stata la legge Severino, approvata dal governo Monti nel novembre 2012. Insieme a qualcosa di buono (le nuove norme sulla decadenza e l’incandidabilità, che costano allo stesso Berlusconi condannato il seggio al Senato) la legge «spacchetta» inopinatamente il reato di concussione, riducendo i reati (e dunque i tempi di prescrizione) per l’ipotesi meno grave (ma infinitamente più frequente) dell’«induzione ». L’anomalia viene segnalata dai magistrati, rilevata dal “Sole 24 Ore” e da “Repubblica”, che ne chiede conto al ministro Guardasigilli consegnandole 250 mila firme raccolte a favore di una «seria legge contro la corruzione». Ma non c’è niente da fare. La legge passa così com’è, con la benedizione trasversalissima delle appena nate Larghe Intese: «tecnici» montiani, Pd e Pdl votano compatti, alla Camera: 480 favorevoli, solo 19 contrari, il Parlamento approva.
Di lì nascono tutti i guai successivi. Berlusconi userà i benefici derivanti dal caos normativo innescato dalla legge Severino nel processo Ruby. La stessa cosa farà Filippo Panati nel processo Falck. Un caos che nel frattempo viene autorevolmente certificato. A febbraio di quest’anno tocca alla Ue, nel suo rapporto sulla corruzione, evidenziare la lunga «serie di problemi irrisolti» lasciati dalla legge Severino (prescrizione, falso in bilancio, autoriciclaggio, voto di scambio) e stigmatizzare «gli effetti della frammentazione del reato di concussione». Il 15 marzo tocca invece alla Corte di Cassazione denunciare per sentenza i danni causati da quella legge all’esercizio della giurisdizione, e chiedere a governo e Parlamento di porvi rimedio al più presto.
I SEGNALI CONTRADDITTORI DEL PARLAMENTO
La richiesta cade nel vuoto. Mentre cominciano a scoppiare i nuovi scandali, governo e Parlamento non solo non raccolgono l’invito. Ma si muovono lanciando al Paese segnali contraddittori, su tutti i fronti che riguardano lo Stato di diritto. Due esempi, ma clamorosi perché passati sotto silenzio. Il 28 gennaio 2014 il governo Letta approva il decreto legge numero 4, «disposizioni urgenti in materia di emersione e rientro dei capitali detenuti all’estero». È la cosiddetta «voluntary disclosure», in voga in altri Paesi dell’Unione. Ma da noi viene allentata oltre misura. Al Senato il testo originario viene modificato, le imposte dovute sui capitali rientrati vengono dimezzate e i reati di frode «con altri artifici», oltre alla omessa o infedele dichiarazione, vengono depenalizzati. Di fatto, quasi un colpo di spugna, che alla fine non passa solo perché la Camera il 19 marzo decide di stralciare queste norme e di farle confluire in un ddl che sarà presentato in futuro.
Per uno scampato pericolo, un disastro compiuto. Il 17 maggio è entrata in vigore la legge numero 67, che introduce la possibilità di chiedere l’affidamento in prova ai servizi sociali nei procedimenti per delitti economicofinanziari con pene fino a 4 anni di detenzione. In questi casi, su richiesta del soggetto incriminato, si sospende il processo e si avvia un percorso di servizio e risarcimento, di durata massima 2 anni, al termine del quale il reato si estingue. Nella lista dei delitti per i quali si può ottenere il beneficio ci sono l’omessa dichiarazione dei redditi, la truffa, il falso in bilancio e persino il furto. Questo sì, a tutti gli effetti, ha le fattezze di un «colpo di spugna», studiato proprio per i reati dei «colletti bianchi». Il Parlamento approva unanime la legge, il 2 aprile scorso, nell’indifferenza dei più.
IL GOVERNO RENZI LA GRANDE SPERANZA
Mentre riesplodono le nuove e vecchie Tangentopoli, che vedono il potere politico alternativamente vittima e a volte carnefice di quello economico, il Parlamento invia dunque questi strani segnali di fumo al Paese. Delinquere non è poi così compromettente. Alla fine si può scendere a patti. Di fronte a tanto cinismo consociativo, la Grande Speranza si chiama Matteo Renzi. Solo lui può spazzare via la Grande Ipocrisia chiamata lotta alla corruzione. Ma le prime mosse del premier non sono confortanti. Nel discorso sulla fiducia alle Camere, il 22 febbraio, il nuovo presidente del Consiglio non dice una parola sul tema della legalità e delle strategie di contrasto al malaffare. Un silenzio che assorda, e che spinge Roberto Saviano a scrivere una lettera aperta al premier, su “Repubblica” del 28 febbraio. Renzi raccoglie la sollecitazione, e il giorno dopo annuncia dal salotto di Fabio Fazio, a «Che tempo che fa», la nomina di Raffaele Cantone alla guida dell’Autorità anti-corruzione, nata un anno prima e mai formata.
È un primo indizio, che sembra rassicurante. Ma le mosse successive, purtroppo, non sembrano trasformarlo nella prova che tutti aspettiamo. La vicenda del Documento di Economia e Finanza, non aiuta a capire qual è la vera strategia del governo. Il Consiglio dei ministri, riunito a Palazzo Chigi, approva il Def l’8 aprile. Renzi ne illustra le linee guida, con le solite slide. Il giorno dopo, sul suo sito, il ministero dell’Economia pubblica il testo integrale. A pagina 27 del Piano Nazionale delle Riforme, compare un ricco capitolo dedicato alla giustizia: «Asset reale per lo sviluppo del Paese», è il titolo. Pier Carlo Padoan, dai tempi dell’Ocse, ha bastonato duramente l’Italia, proprio per i ritardi sulla corruzione. Per questo, nel Def, il ministro scrive parole chiarissime, non solo sulla giustizia civile e amministrativa, ma proprio sulla lotta alla corruzione: occorre «rivedere la disciplina del processo penale, con particolare riferimento all’istituto della prescrizione, ferma restando l’esigenza di assicurare la certezza e ragionevolezza dei tempi». Più avanti: «Introduzione dei reati di autoriciclaggio e autoimpiego, anche rafforzando il 41 bis». E infine: «È necessario affrontare in modo incisivo il rapporto tra gruppi di interesse e istituzioni e disciplinare i conflitti di interesse e rafforzare la normativa penale del falso in bilancio».
LO STRANO CASO DEL DEF DEPOTENZIATO
Finalmente una dichiarazione programmatica impegnativa. Il segno che «cambiare si può». Ma sei giorni dopo, quando il Def arriva alle Camere per l’avvio dell’iter parlamentare, il testo è sorprendentemente cambiato. Il capitolo Giustizia rimane, alle pagine 29 e 30, e poi a pagina 63, nel capitolo II.10 intitolato «Una giustizia più efficiente». Si parla di tutto, dalla riforma della giustizia civile al sovraffollamento carcerario, dalle leggi già varate sul voto di scambio a quelle contenute nella Severino. Si propone la «mediazione obbligatoria» e la «depenalizzazione dei reati minori», la «difesa dei soggetti più deboli» e la «tutela dei minori ». Ma per quanto li si cerchi, i paragrafi sulle modifiche al processo penale, dalla prescrizione all’autoriciclaggio, dall’autoimpiego al falso in bilancio, non ci sono più. Chi e perché le ha cancellate? Una spiegazione possibile, anche se parziale, la forniscono gli atti parlamentari. Il 16 aprile, durante il dibattito in Commissione Giustizia della Camera, i deputati Cinquestelle almeno per una volta fanno bene il loro mestiere. Alfonso Bonafede «ritiene che sia estremamente grave che nella formulazione presentata alle Camere del Def in data 9 aprile 2014 venga fatto espressamente riferimento all’esigenza di affrontare definitivamente entro giugno 2014 il problema dei tempi di prescrizione e che ieri, martedì 15 aprile, dopo che nella serata di lunedì 14 aprile il presidente del Consiglio si sia incontrato con Silvio Berlusconi, sia pervenuta alle Camere una «errata corrige» da parte della presidenza del Consiglio, nella quale è stato cancellato ogni riferimento alla questione della prescrizione».
La risposta di Donatella Ferranti, presidente della Commissione, arriva di lì a poco: «Le correzioni apportate con l’errata corrige — replica l’esponente del Pd — erano state in realtà segnalate dagli uffici del Ministero della Giustizia alla Presidenza del Consiglio la scorsa settimana». Dunque, non sarebbe stato il premier a «depotenziare» il testo, e meno che mai l’avrebbe fatto dopo l’incontro di due ore, a Palazzo Chigi, con l’ex Cavaliere. Possiamo credere alla ricostruzione della Ferranti. Ma l’anomalia resta. E se a «sbianchettare» i paragrafi sul programmato giro di vite per la prescrizione, l’autoriciclaggio e il falso in bilancio è stato il ministro Orlando, e non Renzi, che differenza fa? Di nuovo: che segnale si vuol mandare al Paese?
LE PROSSIME TAPPE DEL CRONOPROGRAMMA
Siamo all’oggi. La gigantesca metastasi delle mazzette, che si propaga da Milano a Venezia nel corpo malato dell’«operosa Padania», obbliga il governo a fare qualcosa, subito. Orlando ha preso tempo sui vari provvedimenti già all’esame del Parlamento da più di un anno (dal testo della Commissione Fiorella sulla prescrizione alle diverse proposte sul falso in bilancio). Ha rinviato tutto a un più organico disegno di legge anti-corruzione, originariamente previsto entro l’estate e ora forse anticipato alla prossima settimana. Ma nel frattempo deve battere un colpo, almeno sulla promessa attribuzione dei pieni poteri a Cantone e magari anche sull’autoriciclaggio. Se ci riuscirà, al Consiglio dei ministri di domani, sarà tanto di guadagnato. Ma di fronte alla nuova Questione Morale, che torna a devastare drammaticamente il Paese e a sporcarne irrimediabilmente l’immagine, non basta più la narrazione riformista. Serve l’azione riformatrice. Chiara e severa, senza concessioni e senza ambiguità. Anche così si difende la memoria di Enrico Berlinguer dagli iconoclasti pentastellati.

La Repubblica 04.06.14

Condividi