università | ricerca

"In 10 anni formati 65mila ricercatori ma l'università ne ha assunti meno del 7%", di Marzio Bartoloni

A fare i conti sul più grande spreco di risorse umane qualificate degli ultimi anni è un’indagine promossa dalla Flc Cgil e presentata oggi alla Sapienza di Roma

Tante ore in laboratorio o in aula a fare docenza al posto del professore di cattedra tra poche garanzie e stipendi da fame. E con un’unica certezza: in nove casi su dieci le università dove hanno lavorato anche per diversi anni non li assumerà. È quanto è capitato ai 65mila ricercatori precari che tra il 2003 e il 2013 hanno lavorato nelle università italiane che poi nel 93% dei casi li ha espulsi. A fare i conti sul più grande spreco di risorse umane qualificate degli ultimi anni è un’indagine promossa dalla Flc Cgil e presentata oggi alla Sapienza di Roma.

Il grande spreco dei 65mila ricercatori
L’indagine sui percorsi di vita e di lavoro nel precariato universitario, condotta da un’equipe di ricercatori di diversi atenei italiani, è frutto di un poderoso lavoro di analisi dei dati del ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca sui contratti dei ricercatori precari degli ultimi 10 anni, arricchito dalla raccolta di interviste (on line e de visu) per approfondimenti qualitativi. L’indagine mette in luce in particolare che tra il 2003 e il 2013 i contratti precari della ricerca – tra tempo determinato, assegni di ricerca, co.co.pro e post-doc – sono quasi raddoppiati, passando da 18.000 nel 2003 a 31.000 nel 2013. Una scelta, questa, fatta dai nostri atenei di fronte al continuo blocco del turn over e alla riduzione costante dei fondi a disposizione. A conti fatti in questo stesso decennio nelle Università italiane hanno lavorato con contratti precari oltre 65.000 ricercatori. Di questi più del 93% è stato espulso dal sistema universitario. Circa il 6,7% è stato invece assunto.

Il documento riassuntivo dell’indagine

Hanno 35 anni di età e accumulano in media 6 contratti
I ricercatori precari che hanno risposto alla survey hanno una età media di 35 anni, in maggioranza sono donne (57%) e nel 70% dei casi non hanno figli. Per questi ricercatori il numero medio di contratti accumulati è di 6,2. Ma ben il 10,4% ne ha avuti addirittura tra 13 e 31. Una precarietà che influisce sul lavoro visto che l’84,3% considera il proprio lavoro accademico influenzato dalla situazione contrattuale e il 43,8% avverte di non riuscire a dare continuità al proprio lavoro di ricerca. Non è quindi una sorpresa leggere che il 60% dei dottorandi intervistati considera molto o del tutto probabile la possibilità di lasciare l’Italia per lavorare all’estero in ambito accademico. Tra l’altro colpisce anche come si disperdano le competenze acquisite, visto che chi è stato espulso dall’università in un caso su tre nella sua professione non utilizza più gli skill professionali che erano stati acquisite lavorando nella ricerca.

da Il Sole 24 Ore

Condividi