attualità, università | ricerca

“Borse di studio in Ue, con Studyportal basta un clic”, di Alessia Tripodi – Scuola 24 03.02.15

On line il sito della Commissione che offre a studenti delle superiori e universitari la «bussola» per orientarsi tra le offerte di oltre 1.600 università.

Basta un clic per orientarsi tra il mare magnum delle borse di studio e dei prestiti messi in campo dalle università europee. E’ il servizio offerto da www.studyportals.eu , il portale dell’Unione europea che incrocia domanda e offerta dei finanziamenti per lo studio offrendo agli studenti un motore di ricerca ultra dettagliato – che permette di scegliere tra programmi per la scuola superiore, universitari, master e dottorati in centinaia di paesi nel mondo – e alle università una vetrina privilegiata dove pubblicizzare le proprie iniziative.

Il portale
Ammontano a oltre 16 miliardi l’anno le risorse per borse di studio disponibili in Europa, ma le informazioni carenti e mal organizzate rendono difficile l’accesso ai programmi da parte degli studenti. Parte da qui l’idea di un sviluppare un portale dedicato alle opportunità di finanziamento che oggi raggruppa più di 1.660 università in 46 paesi e quasi tutte le grandi associazioni studentesche internazionali. Il sito, sostenuto dalla Commissione Ue e da molti altri istituti nazionali di Austria, Spagna, Inghilterra, Regno Unito e Norvegia, fa parte di un più ampio network di portali tematici su dottorati di ricerca, master, Phd.La guida alla compilazione delle domande
Iniziare la ricerca di una borsa di studio con il giusto anticipo, trovare il finanziamento più adatto alle proprie competenze e agli obiettivi formativi che si intende conseguire, preparare con cura la lettera di referenze. Sono alcuni dei suggerimenti offerti dal portale per aumentare le probabilità di successo quando si invia una domanda per una borsa o un prestito. La richiesta di partecipazione va corredata anche di tutti i necessari certificati di conoscenza delle lingue straniere e anche da una «lettera motivazionale», nella quale l’aspirante borsista può fornire anche informazioni sui propri interessi e aspirazioni, oltre a spiegare i motivi per cui un’università dovrebbe investire su di lui.

Condividi