attualità

#unionicivili, Permettiamo all’amore di unire #Svegliatitalia – Comunicato stampa 21.01.2016

L’amore unisce. È una regola aurea. Meno che in Italia. Sto pensando alle unioni civili tra persone dello stesso sesso e alle convivenze di fatto. La politica si sta dividendo sulla approvazione dell’ormai famoso disegno di legge Cirinnà, che vuole dare finalmente pari dignità giuridica a queste “nuove famiglie”. Qualcuno dirà che la materia non è prioritaria tra i tanti problemi del Paese: posizione legittima, ma che incarna quel benaltrismo italico dietro al quale si cela l’immobilismo.

Personalmente mi auguro che al Senato non accadano inciampi all’approvazione della legge sulle unioni civili, perché:
– siamo molto in ritardo nel permettere l’accesso ai diritti (e all’assunzione di doveri) a migliaia di cittadini e cittadine che hanno dato vita a nuove famiglie, a stabili relazioni affettive nelle quali si prendono cura l’uno dell’altro e si assumono reciprocamente doveri morali e materiali. Anche l’Europa ci ha richiamato alla necessità e all’urgenza di colmare il nostro colpevole ritardo;
– le convivenze e le coppie dello stesso sesso sono parte della vita di tutti noi. L’approvazione di norme che ne tutelano i diritti nulla toglie a quanto spetta alle famiglie tradizionali. Anche l’introduzione della “spetchild adoption”, cioè l’adozione del “figliasto”, non è solo un passo di civiltà giuridico, è soprattutto una garanzia per il bambino ad avere amore e tutele. Quindi, nessun attacco alla famiglia, solo più garanzie per tutti;
– il testo del disegno di legge ha subito numerose modifiche – e altre ne subirà nella discussione nell’aula del Senato – al fine di poter raggiungere l’obiettivo prefissato tenendo conto delle diverse sensibilità
Per queste ragioni aderisco alla manifestazione “Svegliati Italia”, organizzata per sabato 23 gennaio, in molte piazze italiane, dalle associazioni che si impegnano su questi temi da tanti anni. È davvero giunto il tempo che anche l’Italia (dopo Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Irlanda…), fanalino di coda in Europa, si svegli! E permetta all’amore di unire.

Condividi