attualità, scuola | formazione, territorio

Scuola, bene intesa Regione-Miur su educazione digitale

giannini_bonaccini

Lo sviluppo futuro delle nostre comunità passa anche attraverso la capacità di diffondere in maniera capillare le competenze digitali, necessarie non solo nel campo lavorativo e dello studio, ma anche nella vita quotidiana, a cominciare dal rapporto con uffici e pubbliche amministrazioni. E’ per questo che giudico particolarmente importante il protocollo firmato oggi tra il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini per l’attuazione del Piano scuola digitale. Il documento contiene azioni concrete e risorse per sostenere un investimento generalizzato sull’educazione digitale indirizzata a studenti, docenti e cittadini. Tra le misure più innovative previste ci sono anche i percorsi di orientamento per eliminare pregiudizi e timori che tengono le ragazze lontane dalle facoltà a carattere tecnico e scientifico, le cosiddette Stem. Com’è noto, nel nostro Paese in particolare, le giovani sembrano indirizzarsi con netta prevalenza verso le facoltà di tipo umanistico, scelta, tra l’altro, che rischia di avvallare il luogo comune per cui i maschi sarebbero più portati per la matematica e le scienze rispetto alle femmine. Non è così, non c’è nulla di “naturale”, ma tutto di “culturale” alla base di una scelta di questo tipo che, tra l’altro, penalizza, per prime, le donne che vogliono entrare nel mondo del lavoro, ma anche, più in generale, il nostro sviluppo economico e sociale. Bene, quindi, ogni azione concreta mirata a debellare questo vulnus. Il Protocollo prevede, inoltre, la progettazione e realizzazione, entro il 2017, grazie ad uno stanziamento di 30 milioni di euro da parte della Regione, di dieci laboratori per l’innovazione, che nasceranno in altrettante città dell’Emilia Romagna. Spazi in cui sarà possibile sperimentare, apprendere, entrare in contatto con tecnologie e strumentazioni diverse

Condividi