attualità, cultura
Lascia un commento

I numeri in chiaroscuro dei nostri consumi culturali

paestum-1722893_1280
Lo scorso anno, le lunghe file hanno accompagnato le aperture domenicali gratuite dei nostri musei. Qualcuno, abituato evidentemente a vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto, sottolineò come gli italiani si interessassero alla cultura solo a costo zero. A smentire quell’ipotesi, almeno in parte, arrivano i dati 2016 relativi all’affluenza nei nostri musei: i numeri certificano un significativo incremento tanto di presenze quanto  di incassi rispetto all’anno precedente.
Quello su cui forse ci si dovrebbe soffermare è tuttavia come esista ancora, invariato oltretutto rispetto al 2015, uno “zoccolo duro” di italiani, pari a circa il 18,5% della popolazione, che non solo non è mai entrato in un museo, ma non ha mai nemmeno aperto un libro o un giornale, non mai acquistato musica o non è mai andato ad un concerto. A testimonianza di come, accanto a meritorie iniziative di promozione quali le domeniche gratuite ai musei, sia necessario impegnarsi con decisione a favore all’educazione al consumo culturale e a rimuovere le cause dell’analfabetismo di ritorno. Tema caro a Tullio De Mauro, che ci ha messi più volte in guardia sul progressivo impoverimento culturale come causa al deperimento contemporaneo dello spirito critico e della capacità di comprensione della realtà.

Salva

Condividi

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz