Mese: novembre 2017

Istituti musicali, nuovi fondi per la statizzazione

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla Legge di bilancio che stanzia le risorse necessarie per completare il processo di statizzazione degli istituti musicali ex pareggiati, misura che nel modenese riguarda potenzialmente l’istituto Vecchi-Tonelli. In sostanza vengono stanziate ulteriori risorse rispetto a quelle già approvate in giugno con il Dl Manovra, che, grazie a un emendamento a mia prima firma, conteneva le prime misure a sostegno del graduale passaggio allo Stato degli ex istituti musicali pareggiati. Con l’attuale emendamento a regime, in tre anni, verranno stanziati fondi aggiuntivi per 30 milioni di euro che si vanno ad accumulare ai 20 milioni già previsti. Com’è noto, in Italia sono attivi ben 20 istituti musicali ex pareggiati: rappresentano il 30% dell’offerta accademica musicale e coinvolgono circa 700 docenti e 8mila studenti. Una risorsa didattica fondamentale che, in molte realtà, è a rischio di depotenziamento a causa della scarsità o assenza di finanziamenti da parte degli Enti locali che ne sono stati, nei decenni scorsi, i promotori ed i sostenitori. Non è il caso del …

Condividi

Questo 25 novembre ci insegna che non è “facile” neppure essere vittime

E’ vero serve un cambiamento culturale che riguarda la società intera, non solo gli uomini violenti. Lo hanno ribadito anche i Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna in occasione dell’ultimo femminicidio avvenuto in ordine di tempo, quello di Budrio. I media, ancora una volta, hanno parlato di uno “scatto d’ira” come causa scatenante dell’omicida, quando, invece, nella stragrande maggioranza dei casi le violenze contro le donne non sono un episodio isolato, ma il frutto di un atteggiamento vessatorio reiterato. In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, le statistiche, sia nazionali che locali, ci ricordano che non stiamo parlando di casi isolati, ma di una vera e propria piaga sociale. Nel 2016, in Italia, sono morte ammazzate 149 donne, 111 di questi delitti sono avvenuti in ambito familiare. Nei primi dieci mesi del 2017, in Emilia-Romagna, sono state 3.139 le donne che hanno subito violenza: una media di 8,6 donne al giorno. Ad oggi nelle strutture regionali sono ospitate 3.506 donne: 1.497 italiane e 821 straniere. La violenza contro le donne, e a maggior …

Condividi

Mladic, un bambino e il suo coniglio bianco

“I crimini commessi sono tra i più atroci che l’umanità ricordi”: lo ha detto il presidente della corte del Tribunale penale internazionale dell’Aia per i crimini nella ex Jugoslavia, nel momento in cui leggeva la sentenza di condanna all’ergastolo per l’ex generale serbo-bosniaco Mladic. 8mila musulmani sterminati nel corso della “liberazione” di Srebrneica nell’estate del 1995, e poi stupri di massa, pulizia etnica, deportazioni. Un protagonista del conflitto scoppiato nel cuore dell’Europa che causò 100mila morti e oltre 2 milioni di sfollati. Desta molta inquietudine il fatto che, ancora oggi, per una parte dei serbi Mladic sia considerato un eroe di guerra, mentre rappresenta una contemporanea “banalità del male”, e non solo per le donne e le mamme di Srebrenica. Nel 2005, in qualità di assessore alle politiche culturali e al Progetto Memoria del Comune di Carpi, ebbi l’onore di introdurre un bellissimo volume, “E per questo resisto. Bambini e bambine in tempi di guerra”, a cura di Barbara Domenichini ed Emilia Ficarelli. Erano i giorni in cominciava a trapelare la verità di quanto accaduto …

Condividi

La nostra regione ha il più basso tasso di abbandono scolastico

Una volta tanto, fa piacere commentare una buona notizia che ci riguarda. La regione Emilia-Romagna è quella, in Italia, a più basso tasso di abbandono scolastico sia alle medie che alle superiori. Ci si ferma allo 0.5% (al cui recupero, naturalmente, bisogna continuare a lavorare), testimonianza dell’impegno che, negli anni, è stato praticato nel contrasto alla dispersione. Il dato è riportato da uno studio dell’Ufficio statistica e studi del Ministero dell’Istruzione ed è relativo all’anno scolastico 2015-2016. Lo studio, ancora una volta, riflette l’immagine di un’Italia a due velocità, con divari sia geografici (nord-sud del Paese), ma anche sociali (tra studenti di origine straniera e studenti italiani, ad esempio). Sono temi dirimenti per una ripresa efficace del nostro Paese. Ma ancora una volta, possiamo andare orgogliosi dell’incisività delle politiche scolastiche e sociali attuate in questa Regione! Condividi

Condividi
Ponteggi scuola

Scuole sicure, oltre 6 milioni di euro per il modenese

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Istruzione che distribuisce alle Regioni le risorse previste dal programma “Scuole sicure”. Sono previsti, in totale, a livello nazionale, 321 milioni di euro da destinare a interventi di edilizia scolastica in 478 istituti. La nostra regione beneficerà di quasi 30 milioni di euro, nel modenese ne arriveranno 6 milioni e 635mila. 1 milione e 335mila euro serviranno per il primo stralcio degli interventi di miglioramento e adeguamento alla normativa antisismica dell’Istituto Barozzi di Modena; 2 milioni di euro sono destinati all’ampliamento del polo scolastico degli istituti superiori Levi e Paradisi di Vignola; 2 milioni e 100mila euro per l’ampliamento del polo scolastico degli istituti modenesi Selmi e Corni; infine, 1 milione e 200mila euro vengono indirizzati alla ristrutturazione dell’edificio, con messa in sicurezza e adeguamento sismico, funzionale ed energetico, che ospita lo Spallanzani di Castelfranco Emilia. Spetta ora alle Province e alle Città metropolitane approvare le progettazioni esecutive degli interventi ed effettuare l’aggiudicazione almeno in via provvisoria entro dodici mesi dalla pubblicazione del decreto. Si …

Condividi

Di nuovo a scuola da soli

E’ finalmente in via di risoluzione il problema, sollevato da una sentenza della Cassazione, dell’uscita autonoma da scuola dei minori di 14 anni. La Commissione Bilancio del Senato ha infatti dato il proprio ok a uno specifico emendamento al Dl Fisco, a prima firma dei senatori Pd Marcucci e Puglisi. Nell’emendamento si stabilisce che i genitori, o comunque chi esercita la responsabilità genitoriale, possano autorizzare le scuole a consentire l’uscita autonoma dei minori di 14 anni dai locali della scuola al termine dell’orario delle lezioni: l’autorizzazione in questione esonera il personale scolastico dalla responsabilità connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza. Un emendamento di buon senso che riporta la decisione sul se andare o meno a prendere il proprio figlio all’uscita della scuola in capo ai genitori, gli unici che sono in grado di valutare il grado di autonomia dei ragazzi e il contesto logistico in cui si muovono (vivere in un piccolo paese o in un quartiere tranquillo è, ad esempio, molto diverso che in una grande metropoli). Il tema è molto sentito anche nel modenese ed …

Condividi

Il saluto romano a Marzabotto e i 60mila xenofobi riunitisi a Varsavia

Il saluto romano e l’aquila della Repubblica sociale ostentati in un campo da calcio a Marzabotto hanno fatto il giro dei media nazionali. Unanime la condanna, netta la presa di distanza della società sportiva, più o meno spontanee le scuse del calciatore che, nelle foto pubblicate dai giornali, ostenta “baffetti” di sospetta memoria storica. Non ha fatto, invece, notizia in Italia (per questo allego il link a Globalist che, invece, ne parla diffusamente), la manifestazione di estrema destra che si è tenuta a Varsavia, in occasione delle celebrazioni dell’anniversario della ritrovata indipendenza della Polonia. Ben 60mila persone provenienti da tutta Europa si sono date appuntamento nella capitale polacca scandendo slogan razzisti e xenofobi, inneggianti all’Europa bianca e contro i neri e gli ebrei. Più volte, su questa pagina ho richiamato il pericolo di uno “sdoganamento” di ideologie che credevamo definitivamente condannate dalla Storia. Ogni volta, tra l’altro, raccogliendo pareri discordanti, con persone che mi invitavano a guardare avanti, che siamo nel 2017, che le cose sono cambiate, che sono discorsi vecchi agitati per coprire i …

Condividi