Tutti gli articoli con tag: diritti

Chi ha paura dei gay? (1)

La vita vera versus la vita ideologizzata. Il Senato americano ha confermato la nomina del primo capo dell’esercito dichiaratamente gay, il 47enne Eric Fanning. Il presidente della Cei, Monsignor Bagnasco, ha stroncato la nuova legge sulle unioni civili italiana, rea di assimilare l’unione tra persone dello stesso sesso al matrimonio tra un uomo e una donna. Con tutto il rispetto dovuto a chi ha opinioni diverse in materia, credo vada rivendicato altrettanto rispetto per le scelte affettive di chi, con questa legge, avrà garantite maggiori tutele per sé e per il proprio partner. L’ho già detto più volte, non si toglie nulla alle tutele previste per la famiglia tradizionale, si aggiungono garanzie per altri tipi di famiglia. E’ la Costituzione che sancisce l’uguaglianza di diritti e doveri senza discriminazioni basate anche sulle scelte sessuali. Perfino un’istituzione di tradizione marcatamente machista come l’Esercito Usa, dopo anni di “don’t ask, don’t tell”, non solo ha aperto gli occhi davanti alla realtà, ma ha nominato un omosessuale dichiarato quale Segretario dell’Esercito degli Stati Uniti. Nelle parole del ministro …

Condividi

Unioni civili al debutto, si apre una nuova stagione dei diritti

Secondo le stime ufficiali le coppie omosessuali in Italia sarebbero 200mila. Per le associazioni Lgbt è un dato sottostimato: sarebbero all’incirca un milione. Un milione di persone per le quali, da oggi, si apre una nuova stagione di diritti. Ci sono voluti più di vent’anni di tentativi, tutti abortiti, affinché l’Italia riuscisse a rispondere positivamente all’impegno chiestoci dall’Europa e preso davanti alle Nazioni unite: dare garanzie e tutelare i diritti delle coppie dello stesso sesso. Ricordo che quando entrai in Parlamento, nella mia prima legislatura, si parlava dei Dico, progetto che ebbe ben poca fortuna. Sono trascorse quasi tre legislature, ma ora, finalmente, ci siamo. Questa legge sulle unioni civili non è la migliore possibile, ne sono cosciente. Rimane ancora aperto, e andrà seriamente discusso, il tema delle adozioni, soprattutto quelle del figlio del partner, ma è una legge la cui approvazione il nostro Paese non poteva più posporre. Francamente faccio fatica a capire tanta acrimonia da parte degli oppositori. Nulla si toglie alla famiglia tradizionale. Semplicemente si prevedono tutele in due precise fattispecie: le …

Condividi

Maternità surrogata, un tema complesso e delicato

In Aula mercoledì sono state votate le mozioni su un argomento che interroga le nostre coscienze. Quale? Per alcuni è “utero in affitto”, per altri è “maternità surrogata”, ma non manca chi lo chiama “gestazione per altri”. Alle diverse denominazioni si associa, evidentemente, un giudizio di valore: dalla ferma condanna del mercimonio e dello sfruttamento del corpo della donna all’espressione di un gesto di altruismo. E in effetti il ventaglio delle opzioni possibili a livello internazionale è un dato di realtà: donne che, illegalmente, per costrizione economica, disperazione o per interesse accettano di partorire un figlio per una coppia disposta a pagare e donne che, senza ricompensa e nel rispetto della legislazione del proprio Paese, decidono liberamente per la gestazione di un figlio concepito da e per altri. Nel nostro Paese questa pratica è vietata dalla legge 40: smantellata pezzo dopo pezzo da ripetute sentenze della Corte su altri suoi aspetti, resiste invece su questo punto.L’argomento è complesso e delicato, poiché attiene al corpo della donna (e all’autodeterminazione nel disporne) e ai diritti dei bambini. …

Condividi