Tutti gli articoli relativi a: attualità

L'Edilizia scolastica tra cantieri reali e polemiche politiche

Edilizia scolastica, altri 10 milioni di risorse per progetti nel modenese

Dopo quelli pervenuti negli anni passati, altri 10 milioni e mezzo di euro da destinare a nuovi interventi di edilizia scolastica arrivano in 29 Comuni del modenese: il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha, infatti, pubblicato l’elenco dei Comuni beneficiari delle risorse destinate all’edilizia scolastica stanziate dalla Legge di bilancio per il 2017. Si tratta di una cifra davvero imponente: oltre un miliardo di euro che consentiranno di far partire da subito ben 1.739 interventi in tutta Italia. Per la provincia di Modena gli interventi finanziati saranno prevalentemente di adeguamento alla normativa antisismica degli edifici, ma sono stati stanziati fondi anche per la costruzione di nuove scuole e palestre, allargamento degli edifici esistenti e ristrutturazioni”. La cifra più consistente, oltre un milione e 300mila euro, è destinata alla costruzione della nuova scuola primaria di Ravarino. La nuova costruzione di un edificio scolastico è prevista anche per Pigneto di Prignano (518mila euro), mentre 420mila euro vengono destinati per il secondo stralcio di una nuova scuola secondaria di 1° grado a Vignola. Anche a Gorzano di Maranello …

Condividi
Polonia, non possiamo chiudere gli occhi sul nostro passato

Polonia, non possiamo chiudere gli occhi sul nostro passato

Una legge assolutoria di revisionismo di Stato. Sarà reato dire che singoli polacchi o gruppi di polacchi si siano resi complici dell’Olocausto. E’ questo il contenuto della legge appena approvata dal Senato polacco e voluta dall’attuale governo nazionalconservatore, nonostante le proteste delle comunità internazionali, non solo ebraiche. Alcuni grandi campi di sterminio voluti dai nazisti erano sul territorio polacco, ed è un dato che, avendo il Terzo Reich cancellato la Polonia come Stato, essi fossero campi di sterminio nazista. Ma questo evidentemente non cancella l’esistenza di un diffuso sentimento antisemita e di altrettanto diffuso collaborazionismo. Lo stesso ex presidente della Repubblica Aleksander Kwasniewski, in un discorso alla Knesset, alcuni anni fa, aveva riconosciuto la responsabilità di singoli cittadini polacchi nella scelta di perseguitare gli ebrei. Come d’altronde, dopo l’emanazione delle leggi razziali in Italia, singoli cittadini italiani hanno collaborato nel denunciare vicini di casa o compagni di lavoro di religione ebraica. Non si può riscrivere la Storia, la si può solo studiare e approfondire per cercare di capire come certi crimini, per quanto abnormi, possano …

Condividi
Università, l'Adi denuncia le scarse prospettive per gli assegnisti di ricerca

Un altro buon risultato, incrementata la borsa di dottorato

Come giustamente dichiara ADI – Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani, un risultato importante è stato raggiunto: dopo 10 anni, finalmente si incrementa il valore della borsa di dottorato (da 13.638,47 a 15.343,28). Il merito è di chi ha avanzato e sostenuto la proposta, così come di chi ha saputo accoglierla e trasformarla in norma. L’incremento della borsa si accompagna, inoltre, alla abolizione delle tasse universitarie per i dottorandi privi di borsa e alla introduzione della Dis-coll per i dottori di ricerca, una misura previdenziale di tutela e che sancisce che la “ricerca è lavoro”! Tre importanti risultati ottenuti nella legislatura che si sta chiudendo. Condividi

Condividi
Ricordando quel 19 gennaio 2014, quando l'acqua sommerse Bastiglia e Bomporto

Ricordando quel 19 gennaio 2014, quando l’acqua sommerse Bastiglia e Bomporto

Domani sono quattro anni esatti dall’alluvione che fece ripiombare Bastiglia e Bomporto nel dramma delle calamità naturali a poco più di due anni dal sisma e che mise in allarme tutte le comunità che vivono lungo l’asta del Secchia. Sabato, a Bastiglia, si inaugurerà la lapide dedicata al sacrificio di Giuseppe Oberdan Salvioli, morto mentre, con un gommone, si era messo in acqua per cercare di aiutare i suoi concittadini. Ricordo la grande paura per chi si trovava intrappolato nelle abitazioni ai piani alti, l’allarme di chi vedeva crescere l’acqua lungo il fiume nel terrore che una nuova breccia potesse formarsi a valle di quella già apertasi, il grande lavoro della Protezione civile, dei volontari e degli amministratori impegnati nel cercare di chiudere la falla e di salvaguardare i cittadini, e poi la disperazione degli imprenditori che avevano vista la propria attività sommersa e le famiglie che abitavano a piano terra che cercavano di recuperare l’auto o la cucina o la camera da letto. Guardando a ritroso, a quattro anni di distanza da quel dramma, …

Condividi
Concordati, al lavoro perché ci sia attenzione specifica

Sisma emiliano, la ricostruzione procede e ora comincia quella degli edifici pubblici

Ci sono ancora persone in difficoltà (che attendono di rientrare nelle proprie abitazioni o che hanno imprese, in particolare piccole o piccolissime, che faticano a riprendere il giro d’affari precedente) ma, in generale, la ricostruzione nella Bassa terremotata, a cinque anni e mezzo dal sisma, procede secondo quel cronoprogramma iniziale che aveva individuato le priorità nelle scuole, nelle case e nelle imprese. Il presidente della Regione Bonaccini, sabato scorso, nel corso di un convegno, ha reso noti i risultati raggiunti. Le scosse del 20 e 29 maggio 2012 causarono ben 13 miliardi di euro di danni. Da allora, le scuole sono state, tutte, o ricostruite (100 edifici) o rimesse in sicurezza (400 edifici). Nove famiglie su dieci sono potute rientrare nelle proprie abitazioni. Il Prodotto interno lordo della zona, che nel 2012 era circa il 2% di quello nazionale, ora è cresciuto al 2,6%. Può entrare nel vivo, quindi, oggi, la ricostruzione pubblica. A Modena città, come ha ricordato il sindaco Muzzarelli, sono già state riconsegnate le chiese di Santa Barbara e il Tempio, mentre …

Condividi
FN Carpi, inaccettabile escalation di provocazioni

FN Carpi, inaccettabile escalation di provocazioni

Il blitz di Forza Nuova sotto l’appartamento dell’assessore Galantini, a Carpi, entra nella campagna elettorale per le politiche. Il leader di Forza Nuova Roberto Fiore, sulla sua pagina Fb, bolla il sindaco di Carpi Bellelli come “traditore degli italiani a favore del business dell’immigrazione”. Che un terrorista fascista come Roberto Fiore possa accusare il sindaco di Carpi non sta né in cielo né in terra. Chi è stato condannato per associazione sovversiva e banda armata, senza peraltro scontare la pena e fuggendo all’estero, avrebbe il dovere del silenzio e della vergogna. Abbiamo denunciato in passato e continueremo a farlo in futuro le azioni squadriste di Forza Nuova. E non ci stancheremo di ripetere come il nostro ordinamento offra già alle istituzioni e alle autorità preposte tutti gli strumenti normativi per impedire la costituzione e l’attività di organizzazioni fasciste quali Forza Nuova. Condividiamo pienamente l’appello del sindaco Bellelli al ministro degli Interni Minniti a cui più volte, per casi analoghi, ci siamo già rivolti anche noi in sede parlamentare. Prendiamo atto delle dichiarazioni del questore con …

Condividi
Tasse universitarie, quando a prevalere è la polemica, non la realtà delle cose

Tasse universitarie, quando a prevalere è la polemica, non la realtà delle cose

In rete e sugli organi di informazione è tutto un fiorire di studi e commenti sul tema della gratuità degli studi universitari. È una cosa positiva che la società – e non solo la politica o i diretti interessati – si misurino con una questione che riguarda lo sviluppo del Paese e la crescita delle persone. Ed è anche fonte di soddisfazione (sebbene i dati in esame mi siano arcinoti) per chi, come me, ha cercato di occuparsi del tema dal 2014 (anno in cui ho presentato una proposta di legge), riuscendo poi a far approvare nella legge di bilancio per il 2017 l’esonero delle tasse per gli studenti con un isee familiare inferiore a 13.000 euro. Una novità straordinaria per il nostro Paese. Ma tutto questo interessante dibattito è anche fonte di “rammarico” perché non un moto di interesse alcuno (sulla rete e sulla stampa) accompagnò la discussione su questa misura e tanto meno la sua approvazione. Un rammarico che deriva dalla consapevolezza che ad animare il dibattito sia più lo scontro ideologico dell’interesse …

Condividi