Tutti gli articoli relativi a: #sullapoliticaincuicredere_pensieri

L’Unità – No tax area per non salassare gli studenti

Oggi, sabato 27 maggio, L’Unità ha pubblicato un mio intervento dal titolo “No tax area per non salassare gli studenti” Ve ne propongo il testo integrale: Che l’Università per i figli sia un costo gravoso per le famiglie, soprattutto quelle meno abbienti, è purtroppo un dato di fatto nel nostro Paese. Il costo dell’affitto di una stanza, per coloro che si spostano dalla propria città d’origine, non è la sola spesa che devono sostenere: l’ostacolo primo, per tutti, sono le tasse scolastiche. E’ questa una delle ragioni per cui, in Italia, l’ascensore sociale sembra essersi fermato. In genere, può permettersi di proseguire gli studi chi proviene da una famiglia avvantaggiata, non solo sul piano economico, ma anche su quello della preparazione scolastica e culturale. Per tentare di arginare un fenomeno che ci ha fatti precipitare al fondo delle graduatorie Ocse sul numero di laureati, con grave pregiudizio per il futuro sviluppo dell’intero Paese e non solo delle vite dei singoli studenti, il Partito democratico sta cercando di incidere con misure innovative e specifiche che stanno …

Condividi

A 25 anni dalla strage di Capaci e da quella di via D’Amelio

Se pensiamo di vivere adesso momenti difficili è perché, troppo spesso, rimuoviamo, come Paese, le burrasche che già abbiamo attraversato. Il tempo (per fortuna) tende a sbiadire i ricordi e gli affanni, ma l’intervista a Marianna, la figlia dell’ex presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, ci riporta con drammatica intensità a quel 23 maggio del 1992 quando, sull’autostrada A29, all’altezza dello svincolo per Capaci, Cosa Nostra mise fine alla vita e all’opera di uno dei magistrati simbolo della lotta alla mafia Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e di tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Sono passati 25 anni, ma nel racconto di Marianna Scalfaro tutto è ancora nitido. Il disorientamento del Paese che già stava vedendo crollare il sistema politico fino ad allora conosciuto sotto i colpi dell’indagine di Mani Pulite; la sfida aperta di Cosa nostra allo Stato che sembrava, in quel frangente, impotente e prossimo alla sconfitta; le potenze straniere che mettevano in agenda la possibilità di un non meglio precisato golpe in Italia; le interminabili sedute …

Condividi

Morbillo no, meningite sì: purtroppo, ci si vaccina sull’onda dell’emozione

E’ erroneamente considerata niente più che “una malattia da bambini”. E’ per questo, forse, che fa meno paura e le famiglie sentono meno impellente la necessità di vaccinare. Purtroppo le complicanze del morbillo sono molte e importanti, fino al possibile decesso. E’ per questo che i dati diffusi ieri dal Ministero della Salute sul picco di casi di contagio verificatosi nei primi mesi dell’anno deve far riflettere tutti, non solo le famiglie che sono le prime chiamate a difendere i propri figli da malattie insidiose. Continua l’onda lunga della diffidenza verso le vaccinazioni, unico strumento in grado di contenere, se non addirittura debellare, malattie pericolose per la salute del singolo e della comunità in cui vive. Si agisce, sempre più, sulla base dell’emozione del momento. Da una parte, quindi, il picco di richieste di vaccinazioni contro la meningite, dopo che i media avevano sottolineato diversi casi di decessi tra giovani e anziani, e, dall’altra, la sottovalutazione del morbillo con una media vaccinale che si attesta a meno 10 punti percentuali sotto la soglia considerata di …

Condividi

Hillary Clinton, sul valore del voto

“Sono le elezioni più importanti della nostra vita. In gioco c’è il diritto stesso al voto. C’è il clima: se pensate che il riscaldamento globale sia in corso, dovete votare. Se siete per una riforma dell’immigrazione che porti alla cittadinanza, dovete votare. Se volete la parità dei matrimoni, posti di lavoro e infrastrutture, istruzione universitaria accessibile, dignità per tutte le donne, e questo speravo di non doverlo dire, dovete votare perché sarà in gioco nelle urne.” Hillary Clinton, verso l’8 novembre 2016   Salva Salva Salva Salva Condividi

Condividi