attualità, memoria, territorio
Lascia un commento

Ex campo Fossoli, per la prima volta fondi in Legge di bilancio


Ancora una volta si dimostra come questo Parlamento e questo Esecutivo abbiamo a cuore la tutela dei luoghi della memoria. La Commissione Bilancio della Camera, infatti, ha approvato un emendamento alla Legge di bilancio presentato da me, insieme a un gruppo di colleghi, che dispone, per la prima volta, specifici fondi per la tutela e la promozione del patrimonio morale, culturale e storico dei luoghi di memoria della lotta al nazifascismo, della Resistenza e della Liberazione. Le istituzioni individuate sono il Civico Museo della Risiera di San Sabba, la Fondazione ex Campo di Fossoli, l’Istituto e Museo Alcide Cervi, il Comitato regionale per le onoranze ai caduti di Marzabotto e il Parco nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema. Per il 2018 è autorizzata la spesa di un milione di euro che diverranno 2 milioni e mezzo a decorrere dal 2019. E’ la prima volta che lo Stato prevede un finanziamento stabile per le istituzioni che esercitano e tutelano la memoria dei luoghi di deportazione e di Resistenza della II Guerra Mondiale. E’ una assunzione di responsabilità concreta e tangibile che consente a questi enti di proseguire nel loro lavoro quotidiano: attività, quindi, ma anche interventi strutturali sui luoghi. Che ciò avvenga in un periodo di recrudescenza revisionista verso quegli anni assume, ritengo, un valore ancora maggiore. Nel scegliere queste istituzioni se ne riconosce implicitamente il ruolo nella storia contemporanea nazionale. Sono luoghi, tra l’altro, che, negli anni, hanno visto l’impegno concreto e continuativo di persone, associazioni ed Enti locali che ne hanno avuto cura. Ora arriva, finalmente, anche il riconoscimento di quel lavoro di conservazione e promozione anche da parte dello Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.