Mese: maggio 2015

Vignola, La Buona Scuola?

Domenica 17 maggio alle 10.00 nella Sala del Consiglio Comunale di Vignola nell’iniziativa del Pd di Vignola e Spilamberto sarò chiamata ad illustrare come cambia la scuola italiana con la nuova riforma, mentre siamo in conclusione del percorso di discussione degli emendamenti che restituiranno un testo in molti punti diverso da quello iniziale Condividi

Condividi

Roma, collegio Nazionale Presidenti e Coordinatori Cds GEO

Venerdi 15 maggio alle 10.30 all’università “La Sapienza” di Roma (ex sala Lauree del Dipartimento di Scienze della Terra) parteciperò come relatore al collegio dei rappresentanti dei corsi di studio in geologia e geofisica, per illustrare e sostenere la Pdl sulle scienze geologiche La riunione del Collegio Nazionale Presidenti e Coordinatori CdS GEO (L34+LM74+LM78) si terrà il giorno 15 maggio 2015 presso la ex sala Lauree del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi “La Sapienza” in Roma, con i lavori che seguiranno la seguente agenda: ore 10.30-10.45 – riunione del direttivo ore 10.45-16.00 – assemblea OdG assemblea 1. Approvazione verbale seduta precedenti 2. DDL 1852 – Sostegno Geologia – relatore On. Ghizzoni 3 FFO e Costo Standard degli studenti – relatore Prof. Mattei 4. PLS & Decreto Fondo Giovani – punto aperto ai rappresentanti dei Dipartimento – relatore dott. Fanti 5. Riorganizzazione SSD – relatore Prof. Carosi 6. Rapporti con Ordini Professionali – relatore Prof.ssa Sabato 7. Indicatori ANVUR Carriere Studenti – relatore Prof. Conticelli 8. ANVUR e Riesamwe Periodico – relatore Prof. …

Condividi

Nonantola, questa sera l’on. Ghizzoni parlerà di storia e memoria – comunicato stampa 11.05.15

“Per una scuola rinnovata, più ore nel programma per studiare la storia e più insegnanti preparati per insegnarla”: è questo il tema dell’incontro pubblico, organizzato dall’Anpi di Nonantola, per questa sera lunedì 11 maggio, a cui prenderà parte la deputata modenese del Pd Manuela Ghizzoni, componente della Commissione Istruzione della Camera, insieme al docente universitario Luigi Guerra e alla presidente provinciale dell’Anpi Aude Pacchioni. L’appuntamento è a Nonantola, presso la sala dei giuristi del palazzo della Partecipanza, dalla ore 20.45. Ecco la dichiarazione di Manuela Ghizzoni: “Questa sera parteciperò a Nonantola all’iniziativa promossa dall’Anpi, insieme a Luigi Guerra, direttore del Dipartimento Scienze Educative dell’Università di Bologna, e Aude Pacchioni, presidente provinciale dell’Anpi. Si parla di scuola, memoria e storia, soprattutto di quella storia recente per cui l’Anpi chiede, da tempo, una presenza maggiore nei programmi. E’ vero, c’è un “analfabetismo” da colmare (purtroppo, non solo tra gli studenti), che non può essere affrontato però solo con l’aumento delle ore di programmazione didattica. La domanda potrebbe essere, oggi: come fare storia e fare memoria a vantaggio …

Condividi

Nonantola – Incontro sulla Storia con l’ANPI

Lunedì 11 maggio alle 20,45 presso la Sala dei Giuristi (palazzo Partecipanza), la sezione Anpi di Nonantola promuove un incontro pubblico sul tema: “Per una scuola rinnovata: più ore, nel programma, per studiare la storia e più insegnanti preparati per insegnarla” Ne parleranno: Luigi Guerra, Università di Bologna Manuela Ghizzoni parlamentare PD Aude Pacchioni presidente provinciale Anpi Si parla di scuola, memoria e storia, soprattutto di quella storia recente su cui Anpi chiede, da tempo, una presenza maggiore nei programmi. E’ vero, c’è un “analfabetismo” da colmare (purtroppo, non solo tra gli studenti), che non può essere affrontato però solo con l’aumento delle ore di programmazione didattica. La domanda potrebbe essere, oggi: come fare Storia e fare memoria a vantaggio degli studenti? Abbiamo affrontato l’idea di un “metodo” nella risoluzione sul 70esimo della Liberazione, promossa dai deputati Pd della Commissione Istruzione, su cui il Governo si è recentemente impegnato. Alla base c’è la distinzione tra storia, che è ricerca e studio, e memoria, che è la presa in carico di quanto la storia ci racconta …

Condividi

“Breve catalogo dei luoghi comuni sulla nostra libertà”, di Chimamanda Ngozi Adichie – La Repubblica 10.05.15

Okoloma era uno dei miei più cari amici d’infanzia. Abitava nella mia stessa strada e si prendeva cura di me come un fratello maggiore. Se mi piaceva un ragazzo, gli chiedevo che ne pensava. Okoloma era spiritoso e intelligente e portava stivali da cowboy a punta. È morto nel dicembre del 2005 in un incidente aereo nel sud della Nigeria. Faccio ancora fatica a esprimere a parole cosa ho provato allora. Okoloma era uno con cui potevo discutere, ridere, parlare davvero. Era anche la prima persona ad avermi dato della femminista. Avrò avuto quattordici anni. Eravamo a casa sua e discutevamo riempiendoci la bocca di idee traballanti ricavate dalle nostre letture. Non ricordo di cosa stessimo discutendo. Ma ricordo che, mentre snocciolavo i miei argomenti, Okoloma mi guardò e disse: «Sei proprio una femminista». Non era un complimento. Lo intuii dal tono, lo stesso con cui uno direbbe: «Quindi difendi il terrorismo ». Non sapevo l’esatto significato della parola “femminista”. E non volevo che Okoloma sapesse che non lo sapevo. Così ripresi la discussione facendo …

Condividi

“Svantaggi di genere da una sponda all’altra”, di Fiorella Kostoris – Il sole 24 Ore 10.05.15

Negli ultimi anni, si tende a parlare del Mediterraneo come di un bacino che separa nei comportamenti la sponda settentrionale da quella meridionale: dai Paesi del Sud si emigra, mentre quelli del Nord sono chiamati all’accoglienza; le diversità etniche, culturali e religiose tra i due lati del Mare Nostrum sono un ingrediente non secondario di incomprensioni, conflitti ideologici, antagonismi socio-economici, episodiche guerre fratricide, che del resto attraversano anche ciascuna delle due aree. L’attenzione focalizzata sulle donne del Mediterraneo permette invece di guardare a problemi, speranze, opportunità, condivise tra le due rive del Mediterraneo, ancorché siano forti anche le differenze fra i due universi di riferimento, come l’indicatore dello sviluppo umano (HDI), prodotto dalle Nazioni Unite (Human Development Report, 2015), chiaramente illustra: dei 6 Paesi mediterranei presenti nella sessione Donne e Economia di Valencia (Spagna, Italia, Grecia, Turchia, Tunisia, Egitto), i 3 europei evidenziano un indice HDI basato sulla lunghezza e qualità della aspettativa di vita, sullo standard economico e sul grado di istruzione pari a 0,86-0,87, poco distante dal massimo rinvenuto nel mondo ( 0,94 …

Condividi

“Dopo la lunga attesa ecco le carte ma sono ancora top secret i dossier di Interno ed Esteri”, di Benedetta Tobagi – La Repubblica 09.05.15

È passato un anno dalla direttiva Renzi che invitava le amministrazioni dello Stato a declassificare (se necessario) e versare in anticipo agli archivi di Stato la documentazione relativa alle stragi terroristiche tra il ‘69 e l’84. Dopo le delusioni iniziali di troppe buste semivuote, sono arrivate alcune importanti sorprese positive, nientemeno che dai militari. Sono stati versati all’Archivio Centrale dello Stato cospicui fondi documentali da parte dell’Aeronautica e dell’Arma, documentazione proveniente sia dagli uffici centrali che da quelli periferici. Parliamo di ben 325 buste da parte dell’aviazione, tutto materiale su Ustica, ovviamente, e 110 (per un totale di alcune migliaia di pagine, di cui circa 5000 su piazza Loggia) dai Carabinieri, sia in formato digitale che cartaceo (avere a disposizione quest’ultimo è importante, per i ricercatori, per poter meglio valutare le carte; il digitale, inoltre, offre meno garanzie di autenticità). È una novità importante, segnale concreto di un cambiamento culturale. Gli Stati Maggiori e tutto ciò che è “militare”, infatti, non sono tenuti a versare le carte all’Acs (hanno un loro archivio storico autonomo). Dunque …

Condividi