scuola | formazione

Scuola, Pd: Il Governo non mantiene le promesse su edilizia scolastica. Ancora tagli al fondo per la messa in sicurezza delle scuole.

“Nonostante il ministro Gelmini abbia più volte dichiarato che il problema della sicurezza nelle scuole italiane è un’emergenza nazionale e che l’edilizia  scolastica è una priorità per il governo, il decreto anticrisi prevede un ulteriore taglio ai fondi destinati ai piani per l’edilizia scolastica e alle attività di messa in sicurezza e di adeguamento a norma degli edifici”.  Lo denunciano le capogruppo del Pd nelle commissioni Cultura e Ambiente della Camera, Manuela Ghizzoni e Raffaella Mariani che aggiungono: “non è possibile che il Governo veda nei fondi per l’edilizia scolastica il pozzo da cui attingere per finanziare i più disparati interventi: è una politica miope che nel lungo periodo metterà a repentaglio l’incolumità degli studenti e degli operatori scolastici. Ci siamo fermamente opposte – proseguono – al drastico taglio contenuto nella legge finanziaria appena approvata (oltre 23 milioni di euro!) e adesso non possiamo accettare che per finanziare le fiere di Verona, Padova, Foggia e Bari si utilizzi la quota del fondo infrastrutture da cui si attingono anche le risorse per l’edilizia scolastica”.

“Ma è possibile – si chiedono le deputate democratiche – che il ministro
Gelmini assista ancora una volta inerme a questa continua sottrazione di
risorse fondamentali per il suo dicastero?  Speriamo – concludono – che
almeno questa volta il ministro batta un colpo e si adoperi per il
rifinanziamento della legge sull’edilizia scolastica approvata dal Governo
Prodi nel 1996”.

1 Commento

  1. redazione dice

    Il comunicato stampa con le dichiarazioni delle On. Ghizzoni e Mariani è stato ripreso oggi da “Avvenire”:

    LA POLEMICA
    Pd: governo non mantiene promesse fatte sull’edilizia scolastica
    Il decreto anticrisi «prevede un ulteriore taglio ai fondi destinati ai piani per l’edilizia scolastica e alle attività di messa in sicurezza e di adeguamento a norma degli edifici». Lo denunciano le capogruppo del Pd nelle commissioni Cultura e Ambiente della Camera, Manuela Ghizzoni e Raffaella Mariani. «Non è possibile – aggiungono – che il governo veda nei fondi per l’edilizia scolastica il pozzo da cui attingere per finanziare i più disparati interventi: è una politica miope che nel lungo periodo metterà a repentaglio l’incolumità degli studenti e degli operatori scolastici. Ci siamo fermamente opposte – proseguono – al drastico taglio contenuto nella legge finanziaria appena approvata (oltre 23 milioni di euro) e adesso non possiamo accettare che per finanziare alcune fiere si utilizzi la quota del fondo infrastrutture da cui si attingono anche le risorse per l’edilizia scolastica. Ma è possibile, concludono le parlamentari, che «il ministro Gelmini assista ancora una volta inerme a questa continua sottrazione di risorse fondamentali per il suo dicastero?».

I commenti sono chiusi.