Giorno: 21 marzo 2013

“Non c’è democrazia senza istruzione”: il Pd rilancia il problema di “Quota 96”, di Pasquale Almirante

Il Partito democratico riprende nel suo sito internet tutta la problematica relativa alla scuola con tutti gli impegni che in campagna elettorale ha preso. “Non c’è democrazia senza istruzione. Restituire risorse, stabilità, fiducia a Scuola e Università”, così si apre la pagina dedicata. Tra i punti anche l’impegno a risolvere la questione del personale di “Quota 96”. E al paragrafo: Stabilità è sinonimo di qualità, al punto C, troviamo: “Mandare in pensione gli insegnanti Quota 96, come previsto da proposta di legge che stiamo ripresentando alla Camera e al Senato (4000 posti).” Appare chiaro tuttavia che questa proposta di legge in fieri, di mandare cioè in pensione il personale di “Quota96”, si inserisce in un piano più ampio di miglioramento della scuola e quindi di eliminazione, si spera “totale”, del precariato. Per attuare tale ambizioso progetto, esaurito (ma ci riuscirà mai qualcuno?) il quale finalmente si può pensare a piani razionali di assunzione dei neo laureati, il Pd propone l’assegnazione “a ogni scuola di una dotazione di personale stabile, ma stabilizzando coloro che da troppi …

"L’ultima trincea del convitato di pietra", di Claudio Tito

In questa difficile crisi politica giocata quasi integralmente sul ruolo del presidente della Repubblica Napolitano e sul possibile incarico al segretario del Pd Bersani di formare il governo, c’è un convitato di pietra con cui tutti sono costretti a fare i conti. Ossia Silvio Berlusconi. Il leader del Pdl al momento non è seduto intorno al tavolo che dovrà decidere le sorti del futuro esecutivo e di questa zoppicante legislatura. Eppure la sua ombra si sta già stendendo sulle soluzioni più nefaste. L’ex premier ha rappresentato un vero e proprio tappo che ha impedito per vent’anni il rinnovamento e il cambiamento della politica, a destra e a sinistra. Una volta saltato, il primo effetto è stata l’esplosione dell’antipolitica, della demagogia, del grillismo e del populismo più virulento. Eppure, in un quadro parlamentare tanto debole e frammentato il Cavaliere si gioca il tutto per tutto per riconquistare un ruolo. Con un obiettivo prioritario: tornare, appunto, a sedersi al tavolo delle decisioni. Non sono più importanti le cariche o le poltrone. Non si tratta più di discutere …

I diritti per un'Italia più civile

Oltre 500mila i minori nati in Italia da genitori stranieri. In Italia vivono circa 100mila bambini di genitori omosessuali. Secondo l’Istat il 61,3% dei cittadini ritiene che in Italia gli omosessuali siano discriminati. Nel 2011 sono state uccise 137 donne, 124 nel 2012, spesso per mano di mariti, compagni o ex partner. – Chi nasce in Italia da genitori stranieri residenti da almeno 5 anni nel nostro Paese è italiano – L’acquisto della cittadinanza non è automatico ma è necessaria una esplicita dichiarazione di volontà – Può richiedere la cittadinanza italiana anche chi non è nato in Italia ma è cresciuto nel nostro Paese e ha compiuto un ciclo di studi o di formazione professionale – Approvare in tempi rapidi una legge contro l’omofobia – Riconoscimento delle unioni civili delle coppie omosessuali secondo il modello tedesco – Subito una legge organica contro il femminicidio – Istituire un Osservatorio sulla violenza nei confronti delle donne – Approvare subito la ratifica della convenzione di Istanbul – Riconoscimento del ruolo delle case e dei centri antiviolenza e rafforzamento …

"Al Megafono gli esempi altrui non bastano mai", di Toni Jop

A gridare “E le Foibe?” non è ancora arrivato, ma promette bene: ieri Grillo ha sparato contro i Presidenti di Camera e Senato colpevoli di aver fatto sapere al paese che hanno deciso di tagliare i propri appannaggi del trenca per cento. Il Megafono non ha detto: è apprezzabile. No, ha reagito come chi crede di aver fiutato puzza di bruciato, l’odore sgradevole di una manovra tutta immagine e poca sostanza. «Non è spiegato», scrive Grillo, dove opera il taglio «e questo è un particolare importante»: vuol dire che hanno preferito evitare la chiarezza e quindi stanno trotterellando disinvolti su un buco nero? Non contento, rilancia: comunque, i due presidenti devono farsi carico di provvedere a far dimezzare gli stipendi dei parlamentari e a far cancellare i rimborsi elettorali. Suggerendo, in sostanza: non credano di farla franca o di incantare con un colpo di teatro di dubbia efficacia. Bravo, così si fa quando si è all’angolo, così fa il lupo quando qualcuno lo riconosce sotto la vestaglia della nonna. Infatti, siamo ancora qui ad aspettare …

"Se nessuno ferma la pericolosa rabbia anti-Ue", di Paolo Soldini

Cipro è Cipro. Un’isola confinata laggiù, piena di miliardari russi e con le banche imbottite di titoli greci. Un caso speciale, in cui il volume dei depositi negli istituti di credito è due volte e mezza il ioè: 47,9 miliardi su 18 miliardi, il 263,3%. Queste cifre, ci garantiscono, spiegano perché non si potesse far altro che quel che s’è fatto – o meglio: s’è tentato di fare – sui conti dei risparmiatori. Va bene, ma guardiamo altre cifre. Nelle banche del Lussemburgo sono depositati 227,37 miliardi, ovvero il 516,8% del Pil del Granducato (44 miliardi). In ben 10 dei 17 paesi dell’Eurogruppo il rapporto tra i depositi e il Pil nazionale è superiore al 100%. Persino nella solida Germania vince l’economia di carta, al 118,9% dell’intera produzione di merci e servizi. È inutile rovinarsi l’umore al pensiero di che cosa potrebbe succedere se questa bolla cosmica un giorno dovesse scoppiare. È bene, però, cercare di capire quanto la situazione che c’è sotto incida oggi sulla percezione che dell’Europa hanno i cittadini in tutti i …

"Il grido dei sindaci: ora i fondi per la crescita", di Laura Matteucci

I Comuni tornano a farsi sentire. E con loro, imprese e sindacati. Insieme, chiedono lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione nei confronti del- le aziende, almeno 9 miliardi da «liberare» subito per impegnarli in investimenti e opere. Per questo, l’Anci ha organizzato un’iniziativa pubblica, stamattina a Roma, aperta alle parti sociali, ai soggetti istituzionali ed associazioni, in contemporanea con il Consiglio nazionale dell’associazione. «Senza risposte concrete da parte del presidente Monti – dice l’associazione dei Comuni – entro la prima metà di aprile chiederemo ai Comuni di autorizzare tutti i pagamenti dovuti, utilizzando un modello di delibera con l’obiettivo di garantire la coesione sociale e i servizi essenziali delle comunità». Secondo il presidente Anci, Graziano Delrio, per questo non serve l’autorizzazione da Bruxelles. «Il governo faccia un decreto che autorizzi i pagamenti alle imprese e non troverà alcuna opposizione in Parlamento». Una delegazione dell’Anci incontrerà anche il presidente del Senato, Piero Grasso. Una questione sempre più pressante, sulla cui urgenza anche il ministro del Tesoro, Vittorio Grilli, si dice d’accordo. «Dopo il via libera …

Mirandola – Convegno: "La scuola prima di tutto"

Villa Tagliata via Dorando Pietri, 23 Ore 9.00 Maino Benatti Sindaco di Mirandola Elena Malaguti Assessore Istruzione, politiche giovanili e cultura Provincia di Modena Stefano Versari Vice Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna Patrizio Bianchi Assessore Scuola, formazione, università e ricerca, lavoro Regione Emilia-Romagna Ore 9.45 Proiezione del documentario Il battito della comunità La ricostruzione delle scuole dell’Emilia Ore 10.30 Alfiero Moretti Direttore della Struttura tecnica del Commissario delegato Manuela Manenti Responsabile Unico del Procedimento EST e PMS Giovanni Biondi Direttore del Dipartimento programmazione e gestione delle risorse umane Ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca Paolo Ceccarelli Cattedra Unesco in “Pianificazione urbana e regionale per lo sviluppo locale sostenibile” Università di Ferrara Giangiacomo Schiavi Vicedirettore Corriere della Sera Silvia Vegetti Finzi Scrittrice e docente di Psicologia dinamica Ore 11.45 Giorgio Siena Dirigente scolastico Istituto di Istruzione Superiore G. Luosi (Mirandola) Mauro Borsarini Dirigente scolastico I.C. D. Alighieri (Sant’Agostino) Alessandra Pederzoli Insegnante scuola primaria I.C. (Sant’Agostino) Luigi Guerra Preside della Facoltà di Scienze della formazione Università di Bologna Ore 12.30 Conclusioni Francesco Profumo Ministro dell’Istruzione, …