università | ricerca

“Bologna, la trincea delle maestre”, di Curzio Maltese

A New York sono sorte negli ultimi dieci anni scuole materne ed elementari che copiano quelle emiliane perfino negli arredi. Via i banchi, le classi prendono l´aria delle fattorie reggiane che ispirarono Loris Malaguzzi, con i bambini impegnati a impastare dolci sui tavolacci di legno, le foglie appese alle finestre per imparare a conoscere i nomi delle piante.

Si chiama “Reggio approach”, un metodo studiato in tutto il mondo, dall´Emilia al West, con associazioni dal Canada all´Australia alla Svezia. Se la scuola elementare italiana è, dati Ocse, la prima d´Europa, l´emiliana è la prima del mondo, celebrata in centinaia di grandi reportage, non soltanto la famosa copertina di Newsweek del ´91 o quello del New York Times un anno fa, e poi documentari, saggi, tesi di laurea, premi internazionali. Non stupisce che proprio dalle aule del “modello emiliano”, quelle doc fra Reggio e Bologna, sia nata la rivolta della scuola italiana. La storia dell´Emilia rossa c´entra poco.
A Bologna di rosso sono rimaste le mura, tira forte vento di destra e sul voto di primavera incombono i litigi a sinistra e l´ombra del ritorno di Guazzaloca. «C´entra un calcolo sbagliato della destra, che poi fu lo stesso errore dell´articolo 18», mi spiega Sergio Cofferati, ancora per poco sindaco. «Il non capire che quando la gente conosce una materia, perché la vive sulla propria pelle tutti i giorni, allora non bastano le televisioni, le favole, gli slogan, il rovesciamento della realtà. Le madri, i padri, sanno come lavorano le maestre. E se gli racconti che sono lazzarone, mangiapane a tradimento, si sentono presi in giro e finisce che s´incazzano».

Che maestre e maestri emiliani siano in gamba non lo testimonia soltanto un malloppo alto così di classifiche d´eccellenza, o la decennale ripresa della natalità a Bologna, unica fra le grandi città italiane e nonostante le mamme bolognesi siano le più occupate d´Italia. Ma anche il modo straordinario in cui sono riusciti in poche settimane a organizzare un movimento di protesta di massa. Stasera in Piazza Maggiore, alla fiaccolata per bloccare l´approvazione dei decreti sulla scuola, sono attese decine di migliaia di persone. «È il frutto di un lavoro preparato con centinaia di assemblee e cominciato già a metà settembre, da soli, senza l´appoggio di partiti o sindacati che non si erano neppure accorti della gravità del decreto», dice Giovanni Cocchi, maestro.

Il 15 ottobre Bologna e provincia si sono illuminate per la notte bianca di protesta che ha coinvolto 15 mila persone, dai 37 genitori della frazione montana di Tolè, ai tremila di Casalecchio, ai quindicimila per le strade di Bologna. Genitori, insegnanti, bambini hanno invaso la notte bolognese, ormai desertificata dalle paure, con bande musicali, artisti di strada, clown, maghi, fiaccole, biscotti fatti a scuola e lenzuoli da fantasmini, il logo inventato dai bimbi per l´occasione. Ci sarebbe voluto un grande regista dell´infanzia, un Truffaut, un Cantet o Nicholas Philibert, per raccontarne la meraviglia e l´emozione. C´erano invece i giornalisti gendarmi di Rai e Mediaset, a gufare per l´incidente che non è arrivato.
Perché stavolta la caccia al capro espiatorio non ha funzionato? Me lo spiega la giovane madre di tre bambini, Valeria de Vincenzi: «Non hanno calcolato che quando un provvedimento tocca i tuoi figli, uno i decreti li legge con attenzione. Io ormai lo so a memoria. C´è scritto maestro “unico” e non “prevalente”. C´è scritto “24 ore”, che significa fine del tempo pieno. Non c´è nulla invece a proposito di grembiulini e bullismo». Il fatto sarà anche che le famiglie vogliono bene ai maestri, li stimano. Fossero stati altri dipendenti statali, non si sarebbe mosso quasi nessuno. Marzia Mascagni, un´altra maestra dei comitati: «La scuola elementare è migliore della società che c´è intorno e le famiglie lo sanno. Con o senza grembiule, i bambini si sentono uguali, senza differenze di colore, nazionalità, ceto sociale. La scuola elementare è oggi uno dei luoghi dove si mantengono vivi valori di tolleranza che altrove sono minacciati di estinzione, travolti dalla paura del diverso». Come darle torto? Ci volevano i maestri elementari per far vergognare gli italiani davanti all´ennesimo provvedimento razzista, l´apartheid delle classi differenziate per i figli d´immigrati. Rifiutato da tutti, nei sondaggi, anche da chi era sfavorevole alla schedatura dei bimbi rom. «Certo che il problema esiste», mi dicono alla scuola “Mario Longhena”, un vanto cittadino, dove è nato il tempo pieno «ma bastava non tagliare i maestri aggiuntivi d´italiano».

E se domani il decreto passa comunque, nel nome del decisionismo a tutti i costi? «Noi andiamo avanti lo stesso», risponde il maestro Mirko Pieralisi. «Andiamo avanti perché indietro non si può. Non vogliono le famiglie, più ancora di noi maestri. Ma a chi la vogliono raccontare che le elementari di una volta erano migliori? Era la scuola criticata da Don Milani, quella che perdeva per strada il quaranta per cento dei bambini, quella dell´Italia analfabeta, recuperata in tv dal “Non è mai troppo tardi” del maestro Manzi». Ve lo ricordate il maestro Alberto Manzi? Un grande maestro, una grande persona. Negli anni Sessanta fu calcolato che un milione e mezzo d´italiani sia riuscito a prendere la licenza elementare grazie al suo programma. Poi tornò a fare il maestro, allora con la tv non si facevano i soldi. Nell´81 fu sospeso dal ministero per essersi rifiutato di ritornare al voto. Aveva sostituito i voti con un timbro: «Fa quel che può, quel che non può non fa». È morto dieci anni fa. Altrimenti, sarebbe stasera a Piazza Maggiore.

La Repubblica, 28 ottobre 2008

2 Commenti

  1. La redazione dice

    Obama modello per la Gelmini? Ebbene sì, in una recente intervista al Corriere della sera il ministro avrebbe fatto ques’affermazione che definire azzardata è limitativo.
    Sull’argomento consigliamo la lettura di questo intervento di Marina Boscaino apparso oggi su L’Unità

    “Gelmini rilegga meglio Obama”
    La Gelmini si ispira a Obama? Leggete un po’: «Questo è il momento di affrontare il nostro obbligo morale di garantire ad ogni bambino un’educazione di prima livello, perché questo è il minimo che serve per competere in un’economia globale. (…) Recluterò un esercito di nuovi insegnanti, pagherò loro retribuzioni più alte e darò loro maggiore supporto. E, in cambio, chiederò standard educativi più elevati ed affidabili».
    9 settembre 2008: un passaggio del discorso di accettazione della candidatura. Basta fare un giro sulla rete, guardare i numerosissimi filmati su youtube, per rendersi conto di come quello dell’istruzione sia un nodo centrale del suo programma: la biografia di Obama stesso è la prova concreta che l’accesso all’istruzione può rimuovere ostacoli di carattere sociale.
    La parola «esercito» non è neutra, se si pensa alla spesa per la Difesa negli Usa. Gli insegnanti hanno rappresentato una parte consistente dell’elettorato democratico: spetta a loro il primo posto nel programma di Obama, che guarda ad un consistente investimento nella scuola rigorosamente pubblica (mentre McCain storna fondi per la privata).
    Si propone un ripensamento della condizione economica dei docenti, necessario per favorire l’accesso all’istruzione superiore anche delle classi sociali più deboli, incentivando la prosecuzione degli studi anche oltre l’obbligo; che, ricordiamo, negli Usa varia da stato a stato, con un inizio tra i 5 e i 7 anni e una fine tra i 16 e i 18. «Senza una buona educazione prescolastica – ha scritto Obama – i nostri figli non riusciranno a mantenere intatto il loro livello di educazione rispetto ai loro coetanei. Senza un diploma di scuola superiore, servirà almeno il triplo di tempo per trovare lavoro rispetto a un diplomato. E senza una laurea o una certificazione industriale, sarà ancora più difficile trovare un lavoro».
    Ma Gelmini non lo sa.

  2. La redazione dice

    … e intanto si allarga il fronte anti-Gelmini.

    “Da Famiglia Cristiana dure critiche alla cattolica Gelmini”
    (L’Unità, 28 ottobre 2008)

    «Non chiamiamo riforma un semplice taglio di spesa». È questo il titolo dell’editoriale d’apertura di Famiglia cristiana di questa settimana, nel quale si affronta il tema della scuola e del decreto Gelmini.

    «Nel mirino c’è una legge approvata di corsa, in piena estate» si legge nell’articolo, che sottolinea come «nonostante la dicitura sia roboante, “riforma della scuola”, più prosaicamente», si dovrebbe parlare di «contenimento della spesa a colpi di decreti, senza dibattito e un progetto pedagogico condiviso da alunni e docenti. Non si garantisce così il diritto allo studio: prima si decide e poi, travolti dalle proteste, s’abbozza una farsa di dialogo».

    Il settimanale paolino sottolinea poi che «i tagli annunciati all’università sono pesanti e che nei prossimi cinque anni il fondo di finanziamento si ridurrà del 10 per cento». Come dire: «porte chiuse all’università per le nuove generazioni».

    «Studenti e professori – osserva la rivista, diffusa in tutte le parrocchie italiane – hanno seri motivi per protestare. E non per il voto in condotta o il grembiulino (che possono anche andar bene), ma per i tagli indiscriminati che “colpiscono il cuore pulsante di una nazione”, come dice il filosofo Dario Antiseri».

    E di fronte alle proteste nelle scuole non «si potrà pensare di ricorrere a vie autoritarie o a forze di polizia. Un Paese che guarda al futuro investe nella scuola e nella formazione, razionalizzando la spesa, eliminando sprechi, privilegi e baronie, nonchè le allegre e disinvolte gestioni».

    Per Famiglia cristiana, dunque, «il bene della scuola richiede la sospensione o il ritiro del decreto Gelmini, per senso di responsabilità».

    «Un Paese in crisi trova i soldi per Alitalia e banche: perchè non per la scuola? si richiedono sacrifici alle famiglie, ma costi e privilegi di onorevoli e senatori restano intatti. Quando una Finanziaria s’approva in nove minuti e mezzo, quando, furtivamente, si infilano emendamenti rilevanti tra le pieghe di decreti legge, il Parlamento si squalifica».

    Il giornale diretto da don Antonio Sciortino non è neppure contento delle false aperture al confronte del ministro Maria Stella Gelmini, che pure vanta più del curriculum da avvocato una sua militanza nelle fila dell’Azione Cattolica.

    Per Famiglia Cristiana si dovrebbe parlare di «contenimento della spesa a colpi di decreti, senza dibattito e un progetto pedagogico condiviso da alunni e docenti. Non si garantisce così il diritto allo studio». Invece, si fa notare, «prima si decide e poi, travolti dalle proteste, s’abbozza una farsa di dialogo».

I commenti sono chiusi.