pari opportunità | diritti

2 giugno 2009. Per una Repubblica che rispetti le donne

Noi donne siamo una risorsa importante del Paese, dall’ambito familiare e sociale a quello professionale e istituzionale.
Siamo in prima linea nell’impegno quotidiano di cura e di lavoro che svolgiamo con dedizione, competenza e serietà. Eppure oggi le donne assurgono agli onori delle prime pagine dei media se sono compiacenti verso i “potenti” e asservite ad un modello mercificato e lesivo dell’identità femminile.
Se il presupposto è questo, per le donne italiane si prefigura un futuro difficile. Non solo per la crisi economica di cui pagano, più degli uomini, lo scotto nel mercato del lavoro, ma soprattutto per la strisciante corruzione che aleggia, che gioca sull’apparenza come primo requisito dell’affermarsi, falsifica la valorizzazione dei talenti e tradisce le persone.
Siamo alla vigilia delle elezioni europee e guardiamo all’Europa come allo spazio dove si può agire per cambiare questa mortificante situazione. Per portare avanti uno sviluppo personale e sociale basato sulle pari opportunità e sul merito.
Ma come arrivare a questo obiettivo se i contenuti, le candidate e i candidati per il Parlamento Europeo sono oscurati nei media, da un lato dai “finti candidati” che non andranno a Bruxelles e dall’altro dalla insopportabile telenovela che purtroppo riguarda la quarta carica dello Stato.
Se a questo si aggiunge il malizioso bizantinismo con cui sono applicate le regole per i passaggi televisivi, non stupisce la perdurante disinformazione dei cittadini sulle elezioni europee.
Non esiste il confronto tra opinioni diverse, non è permesso un incontro aperto: ma, ci domandiamo, l’Europa non è il nostro futuro? E le donne non hanno, come sempre, la responsabilità educativa nei confronti dei cittadini d’Europa?
In una fase critica dell’Italia, che vede le donne reali alle prese con l’impoverimento delle famiglie, con la precarietà o la perdita del lavoro, con la riduzione delle risorse pubbliche nell’istruzione, nella formazione e nel welfare, si parla d’altro, si censurano i loro progetti e le loro aspettative.
Diamo voce alle donne concrete, serie, costruttive, parliamo dei talenti delle donne impegnate in battaglie responsabili per il futuro dell’Europa, che interessa soprattutto i giovani e le famiglie.
Il 2 giugno 1946 alle donne italiane fu riconosciuto il diritto di voto. Un diritto che oggi sembra scontato eppure è stato una conquista difficile. Oggi, 63 anni dopo, i principi costituzionali di uguaglianza, diritto al lavoro, dignità della persona appaiono ancora ampiamente inattuati e i toni della campagna elettorale in corso ne sono un’ennesima dimostrazione.
Noi donne insignite di onorificenze al merito della Repubblica; noi donne impegnate nelle Istituzioni, nelle professioni e nel sociale; noi donne candidate al Parlamento Europeo; vogliamo che il 2 Giugno, Festa della Repubblica, sia un’occasione per riaffermare il ruolo che la donna ha avuto nella costruzione della Repubblica Italiana.
Chiediamo agli uomini delle Istituzioni e della politica di condividere le ragioni e il senso profondo di questo Appello e di impegnarsi con noi per non tradire la fiducia e le aspettative delle nuove generazioni.

1 Commento

  1. Manuela Ghizzoni dice

    L’appello promosso da Silvia Costa, che ho sottoscritto, è ripreso da Repubblica.it e da l’Unità.
    Eccone i rispettivi testi.

    “Per una Repubblica che ci rispetti”. Appello delle donne al Cavaliere. Sono docenti universitarie, giornaliste, suore, imprenditrici. “Un’immagine femminile degradata con la complicità della quarta carica dello Stato” di Giovanna Casadio
    Un ricordo di quelli ormai archiviati. “Quando all’università, a Torino, una di noi prendeva la parola c’era sempre qualche ragazzo che scandiva “calzetta, calzetta””. La poetessa Maria Luisa Spaziani ride. Ma in queste ultime settimane è diventato sempre più difficile per le donne italiane infischiarsene del passato. Non perché a qualcuno viene in mente di dire “tornatevene a fare la calzetta”, ma per quel casting di “pupe” con il quale il presidente del Consiglio e leader del Pdl, Silvio Berlusconi pensava di fare la selezione delle donne candidate alle europee. Per via delle festicciole in Sardegna. Dell’affaire di Berlusconi e della giovanissima Noemi. Dei vizi privati e dei comportamenti pubblici. Delle veline.
    In poche parole: “Di queste donne che assurgono agli onori dei media se sono compiacenti verso i potenti e asservite a un modello mercificato e lesivo dell’identità femminile”. L’Italia e le donne italiane sono molto altro. Comincia così l’appello “Per una Repubblica che rispetti le donne” delle donne insignite delle alte onorificenze repubblicane nel giorno della festa del 2 giugno. Sono la poetessa Spaziani (Cavaliere di Gran Croce); Maria Bianca Bosco Tedeschini Lalli, prima donna rettore d’Italia e fondatrice dell’università Roma 3, Grande ufficiale della Repubblica come Silvia Costa, una vita in politica e nelle istituzioni e ora candidata del Pd a Strasburgo; la giornalista e scritttrice Elena Doni. E poi, i commendatori della Repubblica suor Eugenia Bonetti, missionaria; Linda Laura Sabbadini; Rosa Valentino, presidente dell’associazione delle donne giuriste; Paola Spada; Gigliola Zecchi; Anna Maria Comito; e l’ufficiale della Repubblica, Susanna Diku, ginecologa, che nel 2000 fu la prima donna straniera a cui Carlo Azeglio Ciampi assegnò l’alta onorificenza; la capoverdiana Maria Josè Mendez Evola, che per anni in Italia ha lavorato come collaboratrice domestica, oggi è sociologa, ricercatrice.
    E molte, molte altre donne che non si sono arrese mai, che rappresentano uno spaccato del paese, e che hanno deciso di “rompere il silenzio assordante”.
    “C’è un’immagine degradata delle donne e mercificata con la complicità della quarta carica dello Stato”, attacca la Costa. Le “madrine” della Repubblica sono riunite nella saletta di un hotel non molto distante dalle vie del centro in cui sfila la parata militare. Ricordano le ventuno donne costituenti. Citano le parole con cui Natalia Aspesi conclude il fondo su Repubblica di oggi “Ma c’è anche un’altra Italia sempre più disorientata e costernata davanti… a questo disprezzo per una donna, per le donne, per tutto il paese”.
    Sono di sinistra, prevalentemente, tante le adesioni di parlamentari democratiche. Però l’appello sarà inviato anche alle donne della destra. Dice Silvia Costa: “Perché questo loro silenzio? Sembra la preoccupazione esclusiva di servire un padre/padrone. Invece ci vorrebbe solidarietà”. Non quell’attacco di Daniela Santanché contro Veronica Lario, la moglie del premier che ha denunciato il “ciarpame politico”, i vizi privati (“mio marito frequenta monorenni”), le preoccupazioni, e chiesto il divorzio. Le donne italiane da che parte stanno?

    “La protesta delle donne: basta, non siamo una merce”, di Susanna Turco
    Ricordarsi, tra i casi di casting pre-elettorale, veline, giovanissime Noemi e signorine safficamente doccianti, che le donne vere sono altro, fanno altro, meritano altro. «Per una Repubblica che rispetti le donne», è così l’appello lanciato da Silvia Costa, candidata Pd e Grande Ufficale della Repubblica, e sottoscritto dalle donne insignite delle più alte onorificenze della Repubblica, docenti, politiche, candidate, giornaliste, suore, imprenditrici. Nell’anniversario del primo voto femminile in Italia, l’appello dice cose di una semplicità allarmante. Dice «noi donne siamo una risorsa importante del Paese, siamo in prima linea nell’impegno quotidiano di cura e di lavoro che svolgiamo con dedizione, competenza e serietà». Allarmante doverlo ripetere. «Eppure le donne oggi assurgono agli onori delle prime pagine dei media se sono compiacenti verso i potenti e asservite ad un modello mercificato e lesivo dell’identità femminile». Quindi.
    Le signore insignite delle più alte onoreficienze dello Stato prendono così posizione per segnalare il «futuro difficile» per le donne «soprattutto per la strisciante corruzione che aleggia». Come si fa, si chiedono, a portare avanti una società basata su merito e pari opportunità se dobbiamo sorbirci fra l’altro «l’insopportabile telenovela che putroppo riguarda la quarta carica dello Stato?». Tra le firmatarie la poetessa Maria Rita Spaziani, Bianca Tedeschini Lalli, prima donna Rettore in Italia, Rosa Valentino, fondatrice dell’Associazione donne giuriste italiane, Susanna Diku, prima immigrata nominata Ufficiale della Repubblica.

I commenti sono chiusi.