attualità

“Il Cavaliere in frenata”, di Massimo Giannini

L’Italia monocolore può attendere. L’Italia azzurra dalle Alpi alla Sicilia per ora esiste solo nei sogni del presidente del Consiglio. Le elezioni amministrative ci consegnano un Paese palesemente spostato a destra, ma non irrimediabilmente votato al berlusconismo. Da questo voto esce, ancora una volta, un’Italia divisa, frammentata e spaccata in due metà. Il Pdl cresce sul territorio ma non sfonda. Il sogno plebiscitario di Berlusconi svanisce nelle trame oscure della sua personale “Velinopoli”. L’onda alta e lunga del berlusconismo si infrange sugli scogli di Casoria e sulle spiagge di Bari. Il Cavaliere ha dichiarato vittoria, ma subito dopo è tornato a parlare della sua vera ossessione – che gli ha fatto perdere voti – ripetendo le accuse di “attacchi eversivi” a Repubblica.

C’è un dato quantitativo, che conferma il mancato sfondamento. E qui il giudizio non può prescindere dai dati di partenza, che erano già di per sé eccezionali. Il centrosinistra si presentava a queste amministrative forte del risultato clamoroso e irripetibile del 2004: aveva vinto 51 province e 26 comuni capoluogo, contro le 9 e 6 rispettivamente conquistate dal centrodestra. Cinque anni dopo, il 6 giugno scorso il centrodestra aveva avviato una promettente rimonta, vincendo il primo turno e battendo il centrosinistra 26 a 14 nelle province e 9 a 5 nei comuni capoluogo.

Quindici giorni dopo, il centrosinistra re-inverte la tendenza, vincendo i ballottaggi e superando il centrodestra 15 a 7 nelle province e 12 a 4 nei comuni. Il quadro complessivo di questo voto locale, dunque, ci consegna un sostanziale pareggio: la maggioranza in carica prevale in 33 province e in 13 comuni, mentre l’opposizione mantiene 29 province e 17 comuni capoluogo. Non proprio un Paese governato ovunque dal monocolore azzurro, insomma. Piuttosto, e ancora una volta, un Paese trasversalmente tagliato a metà, e fortemente polarizzato tra due schieramenti “anelastici”, che scambiano flussi nel perimetro interno senza mai valicare quello esterno.

Ma c’è anche un dato qualitativo, che non può essere sottovalutato. Province e comuni capoluogo non si possono solo contare: vanno anche “pesati”. Anche da questo punto di vista, benché il Pdl abbia strappato al Pd la provincia di Milano e di Venezia, non si può parlare di “marcia trionfale” del centrodestra. Al Nord il Pd perde terreno, ma mantiene qualche presidio importante: Padova tra i comuni, ma poi anche Torino, Alessandria, Belluno e Rovigo tra le province. Al Centro il Pdl espugna Ascoli e Prato dopo 63 anni, ma nell’insieme la ex “zona rossa” della dorsale appenninica, tra comuni e province, resta saldamente in mano al Pd: da Firenze a Ferrara, da Bologna a Forlì, da Rimini a Parma, da Rieti a Fermo. La stessa cosa vale per il Sud, dove il Pdl conquista Lecce, ma il Pd si riconferma da Bari a Brindisi, da Crotone a Cosenza. Detto altrimenti: al Popolo delle Libertà non riescono più i clamorosi cappotti alla siciliana di qualche tempo fa, mentre al Partito democratico, almeno per ora, sembra evitato lo spettro di vedersi immiserito a quella “Lega dell’Appennino” più volte preconizzata da Tremonti.

Certo, in questo esito ha giocato un ruolo fondamentale l’astensionismo, che si è rivelato la vera novità di una velenosa e accidiosa stagione elettorale italiana. Un astensionismo che prima di tutto ha finito di uccidere il referendum sulla legge elettorale, con il tasso di partecipazione più basso della storia repubblicana, frutto delle troppe strumentalizzazioni cui i quesiti sono stati sottoposti, oltre che della consueta, abusata distorsione dello strumento referendario compiuto in questi decenni. E poi ha condizionato fortemente anche il voto amministrativo: quanti leghisti se ne saranno andati al mare, preferendo l’affondamento del referendum contro la porcata di Calderoli al sostegno del candidato dell’alleanza di centrodestra? Sta di fatto che l’ennesimo fallimento della consultazione popolare impone un ripensamento dell’istituto: se vogliamo salvare questa importante forma di democrazia diretta, piuttosto, eliminiamo il quorum ed alziamo di molto la soglia della raccolta delle firme. Ma di questo ci sarà tempo e modo per discutere. Sul piano politico, questo ciclo di voto si presta ad almeno due considerazioni di fondo.

La prima riguarda la maggioranza. O meglio, il premier. Sembra incredibile, a poco più di un anno dal trionfo del 13 aprile 2008, che aveva consacrato il Cavaliere come uno “statista” baciato dal consenso e aveva cementato una maggioranza con numeri “bulgari” in Parlamento. Eppure è accaduto: la metamorfosi si è compiuta. Il cigno è già un’anatra zoppa. Vulnerata dalla sua stessa, tragica esondazione egotistica, prima ancora che dalla sua drammatica inazione politica. La sovrapposizione delle europee e delle amministrative fotografa la vera novità della fase: l’insuccesso, l’appannamento, la crisi del Cavaliere. Sancita dalle preferenze, che si fermano a quota 2 milioni e 700 mila con la somma dei voti dei due ex partiti (Forza Italia ed An) mentre raggiunsero quota 2 milioni e 900 mila nel 1994 e nel 1999, quando a votarlo era solo il suo partito personale.

Palesata dai consensi a livello locale, e soprattutto a Bari, che per ovvi motivi (l’inchiesta sulle feste nelle dimore berlusconiane) era diventato un test pilota, quasi un referendum. Ebbene, tutto dimostra quanto era già evidente da tempo, e quanto solo i vacui replicanti del premier si ostinavano a non vedere: il torbido terremoto a sfondo sessuale che fa vacillare le mura di Villa Certosa e di Palazzo Grazioli ha un contenuto politico incancellabile, e un impatto sociale innegabile. A destra lo hanno ammesso persino antichi sodali dell’uomo di Arcore, come Marcello Dell’Utri, e lucidi intellettuali vicini al presidente della camera Fini, come Alessandro Campi. Solo i ventriloqui del Re Travicello come Bondi, Cicchitto o Gasparri si ostinano a negare questa evidenza.

La seconda considerazione riguarda l’opposizione. O meglio, il Pd. Il risultato in Puglia, e nelle altre zone dove è stato possibile l’accordo con l’Udc, dimostra che il dialogo con il centro di Casini è forse l’unica via per tentare una riapertura del gioco politico. Per provare a scongelare i due blocchi contrapposti, in una ricomposizione difficile ma forse non impossibile. Nei ballottaggi l’Udc ha adottato la politica dei due forni: in 7 province si è alleato con il centrosinistra, in 10 con il centrodestra. La stessa cosa ha fatto nei comuni, firmando un’alleanza con la sinistra in 3 casi, e con la destra in 7. L’epilogo di questo opportunismo neo-democristiano di Casini dimostra che, dove è stato possibile, l’alleanza con la sinistra ha premiato. E avrebbe premiato persino a Milano, se fosse andato in porto l’accordo per sostenere Penati. Anche questo, in vista del congresso di ottobre che a questo punto non sarà un funerale, impone una seria riflessione, che può utilmente incrociare anche un ragionamento sulla riforma della legge elettorale: in queste condizioni un ritorno sul modello tedesco, proporzionale con la soglia di sbarramento, potrebbe essere una soluzione da valutare, vista anche la disponibilità teorica della Lega.

L’Italia che esce dal voto non è bipartitica, ma resta bipolare. Anche di questo occorrerà tener conto, per definire il profilo di un’opposizione che, mai come ora, ha il dovere di riprofilarsi e di ripresentarsi al Paese come un’alternativa seria, vera, credibile. Di fronte al “complottismo” e alle “teorie cospiratorie” che lui stesso alimenta, il Cavaliere tradisce uno “stile paranoico” (raccontato a suo tempo da Richard Hofstadter) che non promette nulla di buono. Le “scosse” al governo e alla maggioranza sono arrivate. Non c’entravano le spallate giudiziarie. C’entra la politica. E per lui è persino peggio.

La Repubblica, 23 giugno 2009

2 Commenti

  1. ric. pre. dice

    Modificare la Costituzione, questa è la soluzione.

    Stabilire che l’elettorato attivo e passivo abbiano una età minima (18 anni), ma anche massima (60 anni). Cambierebbe il mondo!

  2. “Pd, avviare una riflessione seria e approfondita sul voto” E’ quanto sostiene Stefano Bonaccini, segretario provinciale del Partito democratico di Modena

    “Accelerare il rinnovamento della classe dirigente e l’aggiornamento dei programmi”
    All’indomani dei ballottaggi il segretario provinciale del Pd Stefano Bonaccini tira le somme del voto amministrativo in provincia di Modena e indica le priorità del Pd e del centrosinistra. Ecco la sua nota.
    «Chiusa anche la seconda tornata elettorale delle amministrative, con i ballottaggi di Mirandola, Sassuolo e Vignola, è possibile fare un bilancio dei risultati nella nostra provincia, una riflessione sul significato del voto e sui compiti che attendono il Pd e il centrosinistra per i prossimi cinque anni.
    In provincia di Modena il risultato è complessivamente buono, soprattutto se si tiene conto del voto in Europa e in Italia. 31 comuni sui 38 in cui si è votato hanno visto l’affermazione dei candidati del centrosinistra. Alla guida dell’amministrazione provinciale è stato confermato il presidente Emilio Sabattini; il sindaco Pighi ha vinto anche senza l’appoggio dell’Idv doppiando il candidato del centrodestra (entrambi hanno vinto al primo turno). E non è superfluo sottolineare che alla vittoria del centrosinistra ha dato un contributo fondamentale il Partito democratico, dimostrando di avere radici robuste e ramificate in tutto il territorio provinciale.
    Tuttavia sarebbe illusorio e suicida pensare che il consenso, una volta acquisito, sia garantito per sempre. Io credo invece che vada continuamente alimentato e motivato, pena la perdita di credibilità e di peso elettorale. Il voto di Sassuolo, o di Savignano, sono lì a dimostrarlo. Ma anche dai Comuni dove abbiamo vinto arrivano segnali di disaffezione e di malessere che non si spiegano solo con il venir meno del voto ideologico e di appartenenza. Sono sempre di più i cittadini che giudicano i partiti dai fatti, dalla loro capacità di entrare in sintonia con i sentimenti della gente, di intercettare domande e fornire risposte convincenti.
    Credo che, anche su questo punto, nel Pd si debba aprire una riflessione seria e approfondita. Quando la politica fatica a incrociare i bisogni dei cittadini e a dare risposta alle loro aspettative cresce la sfiducia e guadagnano terreno quelle forze politiche che propongono soluzioni sbrigative a problemi che sono invece complessi. E’ il caso della Lega.
    Il Partito democratico alla sua nascita è stato capace di suscitare grandi speranze in milioni di italiani, ma dopo poco, è rimasto impigliato nelle vecchie contrapposizioni tra anime diverse. Emblematico quello che è accaduto a Sassuolo dove mesi di litigi e di personalismi hanno minato la credibilità del partito, indebolito la coalizione e compromesso gravemente il grande lavoro svolto dal sindaco Pattuzzi. E’ ora di dire basta a tutto questo.
    Il voto delle amministrative ci dice in maniera inequivocabile che il Pd deve accelerare nel rinnovamento della classe dirigente e nell’aggiornamento dei programmi, a partire da alcune priorità come lavoro e sicurezza. Anche in questo campo il Pd deve mostrare meno timidezze nel formulare risposte che siano all’altezza delle aspettative dei cittadini. Risposte non populistiche, non demagogiche, certo, ma chiare ed efficaci, convincenti. Solo in questo modo eviteremo che gli elettori, sia attuali che potenziali, si lascino convincere da altre offerte politiche, più suggestive ma non risolutive.
    Per questo, ora abbiamo bisogno di un congresso vero che affronti questi nodi e li sciolga; di un confronto aperto su come rilanciare il progetto del Pd, su quali basi politiche e culturali; per definire che idea abbiamo del governo del Paese. Un congresso, insomma, che ci rimetta pienamente in partita per i prossimi appuntamenti elettorali, primo fra tutti quello delle elezioni regionali del 2010. Evitando, possibilmente, di farci del male e ricreare divisioni che non ci porterebbero da nessuna parte».

I commenti sono chiusi.