ambiente, comunicati stampa

Sisma, deputati Pd “Passo in avanti in Parlamento”

Ghizzoni, Miglioli, Santagata “Per ripresa servono adeguate politiche fiscali, non condoni”. “E’ con politiche fiscale adeguate e trasparenti e non, come invece vorrebbe Giovanardi, attraverso il ricavato di un condono edilizio in Campania, che le aree terremotate potranno tornare ad essere un motore dell’economia italiana”: è questa la risposta dei deputati modenesi del Pd Manuela Ghizzoni, Ivano Miglioli e Giulio Santagata al conterraneo del Pdl Giovanardi che annuncia che non voterà la fiducia se il Governo non verranno accolti gli emendamenti presentati, compreso quello che riapre i termini per il condono in Campania.
“Oggi è stato compiuto un ulteriore passo in avanti per rispondere alle esigenze delle popolazioni terremotate. – lo dichiarano i deputati emiliani del Pd Manuela Ghizzoni, Ivano Miglioli e Giulio Santagata. – Il parere espresso dalla Commissione Finanze del Senato recepisce le richieste dell’ordine del giorno approvato alla Camera. Ora auspichiamo che il parere sia recepito anche dalle Commissioni di merito e che il Governo accolga le modifiche richieste che prevedono l’inclusione di un meccanismo di rateizzazione del pagamento delle imposte, dei contributi previdenziali e assistenziali e degli oneri assicurativi, oltre che l’estensione dei contributi anche per chi ha subito danni al reddito d’impresa. È con politiche fiscali adeguate e trasparenti e – concludono i deputati – non, come invece vorrebbe Giovanardi, attraverso il ricavato di un condono edilizio in Campania, che le aree terremotate potranno tornare a essere un motore per l’economia italiana.”

2 Commenti

  1. lello dice

    Perchè voi Comunisti continuate a negare un diritto alla Regione Campania?,come già il V/S compagno Bassolino. lei sa bene che e per colpa della V/S Politica passata sè la Campania e arrivata a questo punto. P.Q.M. non faccia (come io credo) “la Razzista” e per il bene delle migliaia di famiglie Italiane, residenti in Campania cominciate ad essere più umili e seri nel decidere sia per il condono che per il finanziamento all’Emilia R.

I commenti sono chiusi.