comunicati stampa

Dichiarazione del segretario del PD di Carpi Davide Dalle Ave sulle primarie

Le primarie del 30 Dicembre sono state un momento importantissimo di democrazia e partecipazione che ancora una vota il Pd ha messo a disposizione dei propri elettori e del Paese per dare seguito ad una riforma concreta della politica e del rapporto tra cittadini ed istituzioni. Oltre 28000 votanti in provincia di Modena e 3664 a Carpi (pari al 44% rispetto alle primarie per la scelta del candidato premier) sono la risposta partecipativa concreta che gli iscritti ed elettori del Pd hanno dato anche in questa occasione.

Manuela Ghizzoni, candidata carpigiana e deputata uscente, non ce l’ha fatta a essere tra le prime due donne votate: ancora una volta il PD di Carpi vuole unirsi alle tante testimonianze di stima e gratitudine che in queste ore stanno pervenendo a Manuela. Stima e gratitudine dovute al suo impegno svolto in questi anni in parlamento, sui temi della scuola, università, ricerca e non solo, oltre che per il ruolo fondamentale svolto a sostegno del nostro territorio, drammaticamente martoriato dal sisma il 20 e 29 Maggio scorso. Manuela ha dato prova concreta di come si può essere leader riconosciuti in parlamento (unica tra le figure modenesi ad aver ricoperto l’incarico di presidente di una commissione parlamentare) mantenendo il contatto diretto con il territorio e con i cittadini, che chi ha incarichi politici è tenuto a rappresentare. Le 2700 preferenze per lei su 3600 votanti a Carpi sono la conferma più evidente di un consenso e di un legame profondo tra Manuela e le democratiche e i democratici carpigiani.

Manuela si è dimostrata figura importantissima per l’Italia in un momento così difficile per il nostro Paese; un esempio, su cui continuare a credere ed investire. Ecco perché, preso atto del risultato imprescindibile delle primarie, crediamo che Manuela Ghizzoni debba ancora in futuro ricoprire ruoli politici di primaria importanza. Sono figure come le sue che attuano concretamente il cambiamento. Ancora una volta per il territorio, per il Paese, e per la politica italiana.

3 Commenti

  1. gianluigi dice

    @Anselmo
    Una domanda forse un po’ retorica vìsto che il Segretario era candidato egli stesso e, guarda caso, si è piazzato pur se di poco, davanti a Manuela.
    Ovvio, sin troppo, che abbia sostenuto prima di tutto la propria posizione.
    Dico sin troppo perché, vista la specificità di queste “parlamentarie”, novità assoluta per una democrazia incompiuta come la nostra, nelle quali qualche candidato fortemente presente e operante sul territorio finisce per essere di certo avvantaggiato.
    Anche questo meccanismo, pur apprezzabile, è suscettibile di aggiustamenti e miglioramenti.

  2. Anselmo dice

    E il segretario del PD della provincia di Modena chi ha sostenuto? Qualche altra candidata per niente comparabile con l’ottima Manuela Ghizzoni. Fate un esame di coscienza e Bersani ripari alla superficialità degli elettori PD.

  3. gianluigi dice

    Non posso che concordare pienamente. Nello stesso tempo vorrei rimarcare come l’istituzione delle “parlamentarie” abbia sì dato una lezione di partecipazione e democrazia all’Italia intera ma nello stesso tempo hanno messo in luce qualche limite di funzionalità effettiva.
    Bene, benissimo ringiovanire (rottamare proprio non mi piace), ma come si può rinunciare alla competenza di politici che hanno oltre tutto dato prova di impegno totale e grande serietà quale Manuela (non dimenticherei nemmeno Mariangela Bastico).
    Quale miglior viatico della loro esperienza nel settore scolastico il PD può prevedere? Fossi in Bersani prima di rinunciare a questo patrimonio ci penserei due volte…

I commenti sono chiusi.