comunicati stampa, partito democratico

“Sì alle forze dell’ordine, no alla sicurezza fai da te”

Lo ha ribadito questa mattina il segretario provinciale del Pd Stefano Bonaccini durante l’incontro col Prefetto. Consegnate le firme a sostegno della petizione.

Modena – “Siamo dalla parte delle forze dell’ordine e delle istituzioni, contro la sicurezza «fai da te» e le ronde appaltate ai privati”. E’ quanto ha ribadito questa mattina il segretario provinciale del Pd Stefano Bonaccini nel corso dell’incontro con il Prefetto di Modena Giuseppina Di Rosa. Bonaccini, assieme ai parlamentari del Pd Giuliano Barbolini e Giulio Santagata, ha consegnato al Prefetto le 8234 firme raccolte a sostegno della petizione che chiede 25 uomini in più a disposizione delle forze dell’ordine in provincia di Modena.

“Oltre 8mila firme raccolte in pochissimo tempo – ha aggiunto Bonaccini – sono il segnale chiaro di un disagio dei cittadini modenesi che però chiedono risposte allo Stato e una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio. La risposta non può essere quella delle ronde, che rischiano di consegnare la gestione dell’ordine pubblico ai privati – addiritttura ai partiti, come già accade in alcune realtà del nord – ma il rafforzamento degli organici delle forze dell’ordine, le uniche in grado di contrastare efficacemente la criminalità. Anche a Modena operano da anni gruppi di volontari – continua Bonaccini – che affiancano l’amministrazione segnalando pericoli o casi di degrado. Ma sono tutt’altra cosa dalle ronde e hanno solo compiti d’ausilio.

Nei Comuni chiederemo l’assunzione di altri agenti della polizia municipale. Siamo anche convinti della necessità di una maggiore integrazione della polizia municipale con le forze dell’ordine ma nella chiarezza dei compiti e delle competenze. E l’ordine pubblico è sicuramente competenza di polizia, carabinieri e guardia di finanza”.

Anche per l’on. Giulio Santagata è lo Stato quello che deve dare risposta alla domanda di sicurezza che viene dai cittadini. A suo giudizio è inaccettabile che “lo Stato abdichi alla sua funzione principale, quella di garantire la sicurezza, e al tempo stesso istituzionalizzi le ronde. E’ un segnale devastante. E’ proprio perché noi crediamo nello Stato e nelle sue prerogative – dichiara il deputato Pd – che abbiamo raccolto le firme a sostegno della petizione”.

“Non vogliamo usare queste firme – sostiene il senatore Giuliano Barbolini – come una clava per lo scontro politico ma portare alla luce una preoccupazione diffusa tra i cittadini. Viviamo in una realtà complessa che richiede risposte adeguate. Un migliore utilizzo della polizia municipale, ad esempio, è secondo noi una strada da seguire e su questo abbiamo anche presentato un importante disegno di legge di riforma, in discussione al Senato assieme ad altri testi. Ma è chiaro – conclude Barbolini – che mai la polizia municipale potrà sostituirsi alle forze dell’ordine nel contrasto della criminalità”.

[email protected]