scuola | formazione

“Dalle Torri al crescentone lo striscione dei 5mila contro i tagli della Gelmini”, di Alice Loreti

Più di 5 mila persone hanno riempito ieri il centro di Bologna per manifestare contro la riforma Gelmini. Mamme, papà, docenti e presidi, aiutati da bambini e ragazzi delle scuole medie e superiori di tutta la regione, hanno srotolato in via Rizzoli uno striscione lungo 200 metri, preparato dall’Assemblea delle Scuole.
Il colpo d’occhio è bellissimo: dalle Due Torri, il serpentone di stoffa con scritto «No ai tagli. Difendiamo la scuola pubblica», arriva fino a piazza Maggiore. Con pennarelli e bombolette spray, ognuno ha arricchito il lungo stendardo con disegni e frasi contro il ministro. Tommaso, 8 anni e mezzo si sdraia sullo striscione, per scrivere: «W la scuola pubblica senza tagli». Maria disegna la Gelmini con due grossi denti, intenta a mangiare due maestre su un piatto. «Stasera per cena insalata di insegnanti», scrive su una nuvoletta modello fumetto. Di fianco, un suo compagno di classe cambia il menu: «Oggi per pranzo puré di Gelmini». Un’altra bambina con il suo pennarello rosso scrive a caratteri cubitali: «Io sono una guerrigliera».
maestro unico
Non mancano poi i commenti sul maestro unico: «Un maestro solamente è un pensiero deprimente». Dopo un veloce girotondo attorno allo striscione, genitori, insegnanti ed alunni partono in corteo, sollevando il serpentone. Ogni «pezzo» di stoffa ha il suo coro. C’è chi canta: «La scuola vincerà, Gelmini se ne andrà», chi intona: «La scuola costa, l’ignoranza è gratis» e c’è chi saltella urlando: «Chi non salta la Gelmini è». I bambini più piccoli restano sotto allo striscione, alzando le mani e facendolo ondeggiare.
Da via Rizzoli, il corteo sfila per Ugo Bassi, fino a piazza Malpighi. Dopo una breve pausa riparte, per tornare in via Ugo Bassi e fermarsi in piazza Maggiore. «È un’iniziativa bellissima» commenta il segretario cittadino del Pd, Andrea De Maria, accompagnato dalla deputata dell’Italia dei Valori, Silvana Mura. Anche l’assessore provinciale alla Scuola, Paolo Rebaudengo ed il segretario Cgil-Scuola, Sandra Soster, lodano la manifestazione.
Giovanni Cocchi, dell’Assemblea delle Scuole, raccoglie i moduli alternativi di iscrizione provenienti da tutti gli istituti della regione. Alla fine, quelli raccolti- che saranno consegnati oggi al capo di Dipartimento del ministero della Pubblica Istruzione da delegazioni di genitori e docenti di tutta Italia – sono 23 mila a Bologna e provincia; 3850 a Parma; 3100 a Cesena; 2000 a Carpi e 1500 a Reggio Emilia. «È stato un successo – dice Mirco Pieralisi, dell’Assemblea -. A Bologna le iscrizioni sono state 38 mila e 23 mila famiglie hanno compilato il modulo. I genitori chiedono di non smantellare la scuola pubblica, mantenendo il tempo pieno e le compresenze. Il ministro non può fare gli organici sulla base delle 27 ore, non è questo quello che le famiglie vogliono».
da L’Unità Bologna

1 Commento

  1. Ghizzoni e Bastico: “Solidarietà ai genitori che hanno compilato i modelli integrativi di iscrizione”
    Mariangela Bastico, responsabile nazionale scuola del Pd, e Manuela Ghizzoni,capogruppo del Pd alla Camera, invitano le famiglie a mantenere alta l’attenzione sui tagli alla scuola .
    “Esprimiamo la nostra solidarietà e il nostro sostegno alle centinaia di genitori che in questo momento, a Bologna, stanno consegnando i 17 mila e 700 modelli integrativi di iscrizione e riconferma al tempo pieno, chiedendo così al governo di mantenere una scuola di qualità”. Questo il commento delle parlamentari modenesi Manuela Ghizzoni, capogruppo della commissione scuola alla camera, e Mariangela Bastico, responsabile nazionale della scuola per il Pd, alla mobilitazione organizzata a Bologna in via Rizzoli.
    “I genitori, gli insegnanti, gli studenti – precisano – si stanno mobilitando giustamente ancora una volta. Il centrodestra sta colpendo la qualità delle nostre scuole, attraverso scelte miopi e prive di fondamenti pedagogici come l’abolizione delle compresenza e l’imposizione del maestro unico. Il governo, pur di evitare una nuova ‘Onda’, cerca di sviare l’attenzione sullo scempio che sta facendo della scuola italiana: la conferenza stampa di Brunetta e Gelmini di ieri era solo fumo negli occhi per nascondere i dati sulle iscrizioni alle primarie e la bocciatura del maestro unico da parte delle famiglie italiane”. Le due parlamentari modenesi ricordano infatti come, poche ore dopo le dichiarazioni dei due ministri, il sottosegretario Pizza, rispondendo a un’interpellanza del gruppo del Pd alla Camera, abbia confermato i dati ufficiosi che indicano la sonora bocciatura impartita al ministro Gelmini.
    “Secondo il sottosegretario – precisano Bastico e Ghizzoni – le domande dei genitori saranno soddisfatte nei limiti dell’organico assegnato. Questo significa che, con i tagli operati da Tremonti, sarà impossibile esaudire le richieste delle famiglie, in particolare l’opzione delle 30 ore, poiché l’organico sarà commisurato alle 27 ore settimanali”.
    In Emilia Romagna si profila, stando a fonti stampa, una massiccia richiesta di modello 40 ore (53,21 per cento delle famiglie), una più ridotta di 30 (34,40 per cento) e 27 (10,72 per cento), e solo un’insignificante richiesta (1, 67 per cento) del modello a 24 ore. Le iniziative dei genitori e la raccolta di petizioni stanno trovando conferma nell’elaborazione dei dati ufficiali relativi alle iscrizioni. E’ la dimostrazione che il maestro unico viene sonoramente bocciato dalle famiglie emiliano romagnole.

I commenti sono chiusi.