Giorno: 9 aprile 2011

Aceto balsamico, il Pd: “Maggiore tutela ai prodotti tipici”

Interrogazione dei deputati modenesi al ministro Romani: “Noi chiediamo massima chiarezza normativa e nei comportamenti a difesa dei produttori e dei consumatori” I deputati modenesi del Pd interrogano il Ministro per le politiche agricole sul tema dell’aceto balsamico. I parlamentari chiedono al ministro Romani se ritenga “di intervenire per dare maggiore tutela ai prodotti tipici modenesi e maggiori certezze sia ai produttori che ai consumatori, promuovendo una normativa specifica sui prodotti denominati «balsamici» oggi presenti in grande quantità sui mercati nazionali ed internazionali”. L’interrogazione fa seguito al sequestro, eseguito nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza, di notevoli quantità di aceto balsamico in diverse aziende di Modena e Reggio Emilia produttrici di aceto balsamico IGP e DOP. “Da sempre ci siamo battuti per ottenere il riconoscimento dei marchi IGP e DOP per i nostri aceti – sottolineano gli on. Giulio Santagata, Manuela Ghizzoni, Ivano Miglioli e Ricardo Franco Levi – e consideriamo questo un risultato di grande importanza per l’economia modenese. La nostra interrogazione prende le mosse dall’esigenza di garantire il massimo di tutela ai …

Migliaia di precari in piazza: «La vita non aspetta»

A corteo vincitori di concorsi travestiti da vecchi.. «Quando saremo assunti saremo dei vecchi». Così alcuni decine di giovani che si sono presentati al corteo contro il precariato, travestiti da anziani. Sono i vincitori di concorso pubblico che non sono stati assunti dalla pubblica amministrazione: i posti di lavoro che dovrebbero spettare loro sono al Miur, Inail, Inps, Istituto per il commercio estero e ministeri della Difesa e dell’Interno. CORTEO ARRIVA COLOSSEO SU NOTE DI RAFFAELLA CARRÀ Sulle note di una canzone di Raffaella Carrà e accolto da due trampolieri, il senatore Qua qua qua e l’onorevole Bla bla, il corteo dei precari di Roma è arrivato al Colosseo. Cantando «E va e va» di Alberto Sordi, i manifestanti stanno girando intorno al monumento. RICERCATORI A CORTEO CON MASCHERE, ‘NON SPARATECI’ «Non sparate alla ricerca». Questo lo striscione portato alla manifestazione in corso in queste ore a Roma da una ventina di precari dell’Ispra. I giovani si sono presentati vestiti con camici bianchi e maschere che coprivano tutto il loro volto sempre dello stesso colore: …

Rivara, il Pd: “Ancora una volta il Pdl sceglie di non scegliere”

I deputati modenesi del Pd giudicano “funambolica” la risoluzione del Pdl presentata. alla Camera e incalzano l’on. Bertolini: “Anche lei è d’accordo con l’on. Giovanardi?” “Di fronte alla nostra richiesta di assumere una posizione chiara sul deposito del gas di Rivara i parlamentari del Pdl, ancora una volta, scelgono di non scegliere. Ieri alla Camera hanno presentato una risoluzione ‘funambolica’ che di fatto non si pronuncia sul progetto di ERS ma rinvia ogni decisione alle valutazioni della Commissione VIA. Un modo, insomma, per non pronunciarsi prima delle elezioni amministrative ed evitare il giudizio degli elettori”. E’ quanto sostengono gli on. Manuela Ghizzoni e Ivano Miglioli che già ieri avevano invitato tutti i parlamentari del territorio, quindi anche quelli del centrodestra, ad esprimere con chiarezza, attraverso il voto, la loro posizione sulla realizzazione del deposito di gas di Rivara. “In buona sostanza – proseguono i parlamentari democratici – il Pdl subordina le scelte politiche a quelle tecniche della Commissione VIA, senza tenere conto che un parere tecnico negativo è già stato espresso da Provincia e Regione”. …

Notte bianca Pd: «Gelmini pensi alla scuola non a Silvio», di Andrea Bonzi

C’è l’insegnante che distribuisce piccoli volantini a favore di un referendum comunale per ridurre i fondi pubblici alle scuole private. Il genitore rappresentante di istituto che è venuto con tutta la famiglia. Lo studente 22enne, Gianluca, che frequenta Scienze Politiche e che è ben conscio di come, con i tagli attuali, gli universitari siano «condannati a non avere un futuro». E il collega Francesco, che è ancora al liceo,ma vorrebbe vedere «più bandiere del Pd» sventolare nelle manifestazioni contro la riforma Gelmini. A Bologna, la Notte bianca della Scuola e della Democrazia è anche loro. Si sta in piedi: troppo piccolo, il Teatro Testoni, per contenere i tanti che hanno partecipato all’iniziativa, epicentro degli eventi organizzati dal Partito Democratico anche a Roma, Milano, Torino e Napoli, collegate via web sul palco. Sotto le Due Torri c’è Pierluigi Bersani, leader del Pd, che alza subito gli scudi a difesa della Scuola, «vera Costituzione materiale del Paese: se c’è un’idea di futuro non può non passare da qui. L’insegnante è la figura principale per formare la conoscenza …

"Il nostro stage è una garanzia", di Cesare Damiano

È una situazione che non può più essere tollerata. In Italia, ogni anno, ci sono 300mila stagisti nei settori privati che arrivano a 500mila se si considerano anche gli enti pubblici. Più o meno altre 300mila persone sono i praticanti che varcano la soglia di studi e aziende per aprirsi l’accesso a una professione. Un esercito di giovani che sta ancora studiando o è in possesso di un titolo di studio elevato, spesso utilizzati come veri e propri dipendenti, ma senza stipendio e senza diritti. E, in molti casi, soprattutto senza prospettive concrete. Una stortura che si aggiunge alle tante che già caratterizzano il nostro mercato del lavoro e che contribuisce a rendere ancora più incerto e precario il futuro delle nuove generazioni. Per correggere queste distorsioni e cercare di invertire la rotta il Pd ha presentato una propria proposta di legge, di cui sono primo firmatario, che ha come obiettivo principale quello di stimolare le imprese a trasformare queste forme di lavoro in contratti a tempo indeterminato. Il progetto è stato realizzato attraverso una …

"L’Istat diffonde i dati 2010 che registrano ulteriori flessioni dopo i crolli dell’anno precedente. Le famiglie portate a fondo Crolla il potere d’acquisto", di Marco Ventimiglia

L’uscita dal tunnel? Per l’Istat non si vede, almeno a giudicare dai dati sul potere d’acquisto delle famiglie italiane e sulla loro propensione al risparmio. Qualche timido segnale di miglioramente alla fine del 2010. Precario: nell’Italia del 2011 la parola si declina purtroppo in vari modi. Precario è colui che non trova un lavoro affidabile e continuativo, ma precario è anche lo stato di molte famiglie italiane. A sottolineare per l’ennesima volta quest’ultimo aspetto sono stati i dati diffusi ieri dall’Istat, che fotografano un Paese per il quale la crisi può dirsi tutt’altro che conclusa. Numeri relativi al 2010, che quindi non tengono conto di un avvio del corrente anno che fra crisi del Nord Africa e dramma giapponese può definirsi tutt’altro che incoraggiante pure sotto l’aspetto economico. Con una brutta e correlata notizia giunta proprio ieri: il prezzo della benzina è sempre più fuori controllo, attestato mediamente sull’insostenibile livello di 1,583 euro. NESSUNA RISALITA Cominciamo dall’Istituto di statistica che ha certificato come anche l’anno scorso è calato il potere di acquisto delle famiglie italiane. …