comunicati stampa, scuola | formazione

Legge stabilità: Ghizzoni, calpestato diritto dei lavoratori della scuola

Parlamento ha perso occasione per emendare un torto della Riforma Fornero. “Questa mattina, durante l’esame della legge di Stabilità, è stato calpestato un diritto dei lavoratori. – lo dichiara Manuela Ghizzoni, presidente della Commissione Cultura della Camera, dopo la che l’emendamento sul trattamento pensionistico del personale della scuola è stato respinto per l’Aula –L’emendamento è stato respinto a causa del parere contrario da parte del Governo, basato sulla valutazione negativa della Ragioneria dello Stato. Quest’ultima, peraltro, non si è espressa attraverso una relazione tecnica supportata da dati certificati dall’Inpdap e dal Miur. Un errore nato con la Riforma Fornero che – spiega Ghizzoni – non aveva tenuto in alcun conto la specificità della scuola e del fatto che quei lavoratori possono andare in pensione un solo giorno all’anno, il 1 settembre, indipendentemente dalla data di maturazione dei requisiti, per le giuste esigenze di funzionalità e di continuità didattica. Se l’emendamento fosse stato approvato – conclude la Presidente Ghizzoni – il Parlamento avrebbe, dopo molteplici tentativi, emendato un torto generato dall’Esecutivo nei confronti dei lavoratori della scuola, che ora saranno costretti a ricorrere alla giustizia per vedere affermato un proprio diritto.”

27 Commenti

  1. Giovanni Crimi dice

    Grazie per la risposta.
    La rabbia è tanta e la sensazione di impotenza di fronte ad una ingiustizia qualche volta ci fa relazionare con modi che esulano dalla nostra “normalità”.
    Credo di esprimere il pensiero della totalità del popolo C96 condannando chiunque insulti o inveisce con parole scurrili su questo sito che Lei, ricordiamolo, ha messo a disposizione della nostra causa e sul quale scriviamo ormai da quasi un anno. Siamo coscienti del Suo impegno e della Sua lealtà e per questo la ringraziamo, comunque vada.
    Con simpatia e stima
    Giovanni

  2. @ la Senatrice Ghizzoni
    Possiamo sapere quando la Corte Costituzionale si riunisce?
    Nella speranza di veder restituiti i nostri diritti negati….
    Grazie

  3. Giovanni Crimi dice

    Prendo visione solo ora di questo stralcio del verbale:
    ” …. Pier Paolo BARETTA (PD), relatore per il disegno di legge di stabilità, ritiene opportuno prevenire un conflitto tra Commissione e Governo sulla proposta emendativa in questione, prefigurandosi altrimenti un problema politico estremamente delicato. Propone che l’emendamento Ghizzoni 8.326 sia accantonato e dichiara la disponibilità dei relatori a collaborare nella ricerca di una soluzione adeguata. La Commissione accantona l’emendamento.
    NON SAPEVA L’ON. BARETTA CHE L’ACCANTONAMENTO SIGNIFICAVA LA FINE DELL’EMENDAMENTO!!!? IL PD NON DOVEVA ESSERE COESO, COSI’ COME CI E’ STATO SEMPRE DETTO!?. DEVO ARGUIRE CHE E’ STATO BARATTATO IL NOSTRO SACROSANTO DIRITTO IN FAVORE DI QUESTO GOVERNO INGIUSTO ED INIQUO!?. – IL PD CI DICA CHIARAMENTE,SENZA SI E SENZA MA, SENZA TERGIVERSARE E SENZA POLITICHESE, ESPLICITAMENTE PER BOCCA DEL SUO SEGRETARIO, COSA PENSA DEL PROBLEMA Q96, , LO FACCIA SUBITO, AL SENATO, DOPO SARA’ TROPPO TARDI PER “RECUPERARCI”.
    Grazie comunque per il suo impegno Manuela.

  4. C’era da aspettarselo. Anche questa volta e nonostante gli annunci a squarciagola di voler sradicare i privilegi della politica, soprattutto nei livelli di governo decentrati, il vitalizio dei consiglieri regionali è salvo nella stessa tornata legislativa in cui è stato cassato l’emendamento che ci riguardava.
    Cari colleghi, come potete vedere i nostri parlamentari hanno dato di nuovo il meglio di se stessi.
    A noi niente pensione a loro e ai loro accoliti i vitalizi!

  5. Arbitri dice

    On.le Manuela – Le invio un affettuoso ringraziamento…meritavamo miglior sorte e come si sa, nella politica purtroppo quasi mai trionfa la Giustizia e la Legalità!!! Ancora una volta il Bravo e Buon Bersani ha perso una grande opportunità….ora rischia di farsi scavalcare da qualche collega di partito appoggiato dall’alta finanza e da chi continua con la politica del “pizzino”. Da sportivo le posso dire che meritavamo di conquistare questo scudetto…..ci servirà come per esperienza nel prosieguo del campionato…nella speranza di non avere più a che fare con arbitri “venduti e cor…..”

  6. patrizia dice

    Carissima Manuela, appartengo al gruppo quota96, Lei è straordinaria, la ringrazio per tutto quello che ha fatto per noi.
    Sono iscritta al PD e in questo periodo lotto a scuola per il problema delle 24 ore e della legge aprea e in contemporanea nel mio comune seguo tutta l’organizzazione delle Primarie; mi chiedo, a parte Lei, nel PD cosa hanno fatto per me?
    Io ho creduto molto in questo partito, ora sono delusa…….

    • @Patrizia
      la questione delle 24 ore è stata risolta grazie alla mobilitazione delle scuole, ma soprattutto grazie al Pd e alla dichiarazione di nettissima contrarietà espressa da Bersani. I fatti stanno a testimoniare quanto affermo.
      Sulla legge di riordino dell’autogoverno della scuola (pdl 953), il PD ha evitato che venisse approvato il progetto originario (quello Aprea) e ha dato il proprio contributo per scrivere una proposta totalmente diversa.
      Su quota96 il PD ha sostenuto la nostra battaglia, che non ha ancora avuto esito positivo. Ma non credo si possa dire che il Pd non lavori per la scuola e per il suo personale.

  7. Antonino dice

    Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione della celebrazione del 150° dell’Unità d’Italia ha espresso soddisfazione per il grande contributo che la scuola ha dato alla crescita dei sentimenti di unità e di identità nazionale degli Italiani. Un contributo di cui c’è ancora più che mai bisogno per rafforzare la coesione del Paese dinnanzi alle ardue prove cui è chiamato. Quelle del Presidente Napolitano, sono certamente parole forti e molto lusinghiere, ma anche molto veritiere, se pensiamo che nella scuola si “sono fatti gli Italiani”. Noi docenti, umiliati da governo e Parlamento, sentiamo ancora il dovere di formare i giovani, ma se anche Napolitano non sente il dovere di difenderci, fino a quando durerà il nostro senso del dovere?

  8. cristiano ferdinando dice

    Carissima Manuela , appartengo a quota 96 della scuola italiana .Personalmente ti ringrazio di tutto quello che hai fatto .Sei una parlamentare con la P maiuscola,mentre dei tuoi colleghi ho un opinione diversa. Sei tra i pochi che ha compreso a pieno il ns diritto. Gli insegnanti non fanno audience , i giornali ci boicottano , il governo non riconosce l’errore della sua riforma e la ragioneria dello Stato dà numeri sballati.
    Con stima e riconoscenza Cristiano Ferdinando

  9. GIUSEPPE D'URSO dice

    Sono un lavoratore della scuola interessato alla famosa “Quota 96” mi sembra veramente assurdo quello che stà succedendo in Parlamento da quasi un anno a questa parte,non si riesce a venire a capo di questa grossa ingiustizia.
    Se dopo tanto tempo ci sono ancora parlamentari che non hanno capito che 3500 lavoratori della scuola sono stati calpestati nei loro diritti e non conoscono nemmeno la natura del problema, ora mi spiego perchè purtroppo l’Italia si trova in queste condizioni.
    Dopo tanto tempo come si fa a parlare di esodati della scuola e non si é capito che si tratta di lavoratori che avevano maturato un diritto che a tempo scaduto gli é stato revocato.
    Se non si riesce a sciogliere questo nodo, mi domando se non saremo ancora noi a pagare le spese di tutte le sentenze che in questi mesi nei vari tribunali italiani, hanno dato ragione ai lavoratori della scuola dando torto al provvedimento del ministro Fornero.
    Non sempre a sbagliare é il cittadino come in questo caso, ma lo Stato quando sbaglia attraverso i suoi operatori, ministri o deputati che siano paga?
    Personalmente mi auguro che la ragione e la giustizia abbiano il sopravvento su quello che é ormai é diventato un puntiglioso e inconcepibile atteggiamento irriconoscente dei diritti dei lavoratori della scuola italiana.
    La saluto cordialmente

  10. carlo b dice

    Mi è parsa davvero desolante la viltà di sottrarre il nostro emendamento a una votazione probabilmente a noi favorevole. Immaginavo il viso di Manuela, la sua disarmata competenza misurarsi con l’incompetenza militarizzata, mentre fuori albeggiava.
    Mi dicevo: se si tratta di ripristinare un diritto occorre farlo al di là del suo risvolto finanziario: i diritti non sono una variabile dipendente.
    Amarissimo, inoltre, alle 5 del mattino, quell’ennesimo no espresso sadicamente in faccia al nostro diritto, che dall’inizio a oggi, lo avete certo notato anche voi, si è fatto largo e ha acquistato una fisionomia sempre più esatta e sempre più compatta, anche se atrocemente ferita. Oggi, riuscirei a spiegarlo in due parole anche mia nonna, ci fosse ancora, al di là delle elucubrazioni del signor Joe Kurtz di turno.
    E se è vero che vogliamo comprare una pagina di giornale per farci ascoltare, dovremo davvero provare a rappresentarlo in modo semplice e chiaro quel nostro diritto, per evitare che, appunto, venga scambiato con un privilegio.
    Già il nostro lavoro viene inteso come un mestiere privilegiato. Certo in malafede. Noi sappiamo di che cosa si tratta: noi sappiamo nel cuore e nella pelle che cosa vuol dire avere a che fare con l’infanzia o l’adolescenza e con i processi di crescita in generale. Ma anche tutti gli altri non possono non saperlo: i nostri studenti sono i loro figli.
    Del resto è questa l’aria che si respira. Come diceva quell’indiano: c’è in giro di questi tempi un tipo di uomo bianco che più bianco non si può.
    E io che provo a insegnare ai miei studenti e a mio figlio che dobbiamo riuscire ad ascoltare gli altri accettandone le idee anche quando siamo dalla parte della ragione (e, anzi, ancor di più quando le nostre idee sono irrobustite dall’intimo sentimento della ragione) sento che sono stanco di porgere l’altra guancia.
    E temo.
    Perché, come canta Carboni, … sentire è molto più che pensare e di tutte le idee.
    Manuela … su.

  11. Patrizia dice

    Grazie Onorevole per quanto si è spesa per tutti noi , è un onore aver conosciuto una donna come lei

  12. Giovanni e Teresa 52 dice

    Ciao Chiriano,
    Anche Pier Paolo Baretta ha commentato il suo stato.
    Pier Paolo ha scritto: “Ci siamo concentrati sulla copertura di chi era completamente senza diritti, né lavoratore né pensionato, per i prossimi due anni. Il problema non è risolto ma come ho detto di tampona la parte più grave ed immediata. Sui quota 96 si è lungamente dibattuto durante i giorni scorsi ed anche stanotte. I paletti posti dai calcoli di bilancio hanno impedito la votazione degli emendamenti, che saranno comunque ripresentati al Senato.”

  13. Anselmo dice

    Imperdonabile il governo. Dovevate abbandonare l’aula disgustati dalle provocazioni di Polillo e della ragioneria. Hanno confuso un diritto calpestato con una concessione.
    Vergogna per tutti voi del PD

  14. Giovanni Lavarini dice

    Grazie Presidente Ghizzoni per Suo impegno, del quale non avevo dubbi, e per le nottate insonni (lo sono state anche per tanti di noi).
    Pensa che possa esserci ancora una “via parlamentare”?
    Mi pare difficile alla Camera.
    Al Senato potrebbe fare qualcosa la Sen. Bastico?

  15. Giovanni Crimi dice

    Il PDL dice : abbiamo fatto passare il principio della specificità del settore sicurezza, sia ben chiaro al governo che se non passa questo principio noi non voteremo la fiducia! ecco un esempio di…attributi!.
    Il principio della specificità della scuola, nonostante l’appoggio “incondizionato” del PD ,almeno come si dice, non riesce a passare!
    L’ON.Baretta dice: “Le discussioni non si limitano a quelle che rimangono a verbale. L’argomento è stato lungamente dibattuto durante i giorni scorsi ed anche stanotte. I paletti posti dai calcoli di bilancio hanno impedito la votazione degli emendamenti, che saranno comunque ripresentati al Senato.
    IL PD STA DALLA NOSTRA PARTE!?.
    LO DIMOSTRI COI FATTI AL SENATO, SE NON PASSA IL NOSTRO DIRITTO CALPESTATO, NON VOTI LA LEGGE DI STABILITA’!

  16. Bravi!!
    Avete perso!
    Ha perso il Pd !
    Ha perso il Parlamento !
    Ha perso l’Italia
    Ha perso l’Italia che lavora e vincono i ………. mi fermo perchè dovrei pronunciare parole che non appartengono alla mia educazione
    VERGOGNA!
    CHE COSA CI STA A FARE IL PARLAMENTO!!
    A CHE COSA SERVONO I PARLAMENTARI!!
    ORMAI NON SIAMO PIU’ IN DEMOCRAZIA!!

  17. Gent. ma Onorevole,
    intanto la ringrazio per tutto quello che ha fatto e credo continuerà a fare per noi. Ancora per l’ennesima volta siamo stati calpestati nei nostri diritti da un governo che nessuno di noi ha eletto. Io le chiedo quale possibilità abbiamo di far discutere e votare il suo/nostro emendamento al Senato? Molti di noi nel gruppo di quota 96 di facebook stanno pensando di rivolgersi ad un avvocato per procedere ad una eventuale denuncia alla procura della Repubblica nei confronti del Governo.
    Cordiali saluti

  18. ORNELLA 51 dice

    I diritti sanciti dalla Costituzione sono bene esclusivo del capo dello Stato , dei politici e dei giudici. Dove sta la democrazia, dove stanno il rispetto della dignità della persona , l’equità e la giustizia?
    Per forza il mondo va alla rovescia… si ispira alla correttezza del potere.
    I deboli e le persone oneste sono quelle che pagano sempre e di più. Noi della scuola, quota 96, stiamo lavorando a gratis e in condizioni faticose perchè i diritti maturati legalmente non ci vengono riconosciuti. O è così, o è così!
    E’ UNA VERGOGNA COLOSSALE!
    Speriamo che almeno ci sia una giustizia divina, altro non esiste.
    La vita mi ha insegnato che è solo questione di tempo: aspetta lungo il fiume e vedrai passare il cadavere dei tuoi nemici. Di cadaveri , oggi, che ho quasi 62 anni, ne ho visti tanti. Ho provato solo pena, ma non dolore.

  19. MARIO 52 dice

    @ PRESIDENTE GHIZZONI
    AVENDO RACCOLTO IL SOTEGNO E LA CONDIVISIONE PER LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA QUOTA 96 DELLA SCUOLA DA PARTE DI MOLTI PARLAMENTARI DI QUASI TUTTI GLI SCHIERAMENTI POLITICI NON SI POTREBBE RIESUMARE IL DISEGNO DI LEGGE DA LEI PRESENTATO A GIUGNO SCORSO E SEPOLTO IN COMMISSIONE LAVORO?
    LA COMMISSIONE LAVORO, IN FIN DEI CONTI, E’ QUELLA CHE CI HA INSERITO ALL’UNANIMITA’ NEL ddl DAMIANO E SUCCESSIVAMENTE NELL’EMENDAMENTO ALLA LEGGE DI STABILITA’.
    SE NON SBAGLIO SI TRATTA DI DUE SOLI ARTICOLI CON GLI STESSI ARGOMENTI E LE STESSE PAROLE DELL’ EMENDAMENTO BOCCIATO.
    SI POTREBBE FARE IN POCHISSIME SETTIMANE, ANZI IN POCHISSIMI GIORNI, SPECIALMENTE ORA CHE TUTTI HANNO COMPRESO LA SPECIFICITA’ DEL PROBLEMA.
    CI VUOLE, PERO’, LA VOLONTA’ POLITICA.

  20. @Manuela
    A questo governo non frega nulla dei nostri diritti violati, a loro interessa fare cassa e Polillo è stato messo lì a non far passare niente, neppure uno spillo. Polillo è la terza volta che ci frega, una vera spina nel fianco del PD. Parliamoci chiaro: il PD in questo parlamento era ed è in minoranza e Monti con i voti del PD fa quello che vuole. In pratica siamo usciti dalla padella (di Berlusconi-Tremonti-Bossi) ma siamo caduti nella brace di Monti. NON VOTIAMO LA FIDUCIA A QUESTA LEGGE DI STABILITA’. Sarebbe un segnale chiaro a Monti così la smette di andare in giro per l’europa a dire che ha fatto una riforma delle pensioni più drastica di quella tedesca senza che i sindacati facessero una sola ora di sciopero. Fossi io un sindacalista mi vergognerei.

  21. donato cucco dice

    Carissima la ringrazio per la dura battaglia ( l’importanza e’ impegnarsi anche se spesso il risultato non e’ positivo).
    Un cordiale saluto anche a nome di mia Moglie ( insegnante elementare nata il 20/06/1952 con 38 anni d’insegnamento)
    Saluti il marito di Sestagalli Franca….

  22. francesca barbera dice

    Grazie ancora per il suo impegno a favore di chi come me si è visto strappare il diritto alla pensione con 60 anni di età (fra due giorni) 40 anni e quasi 11 mesi di contribuzioni.

  23. Giuseppe Grasso dice

    Grazie lo stesso Manuela!
    Hai fatto tutto quello che potevi, anche troppo.
    E non lo dimentichiamo.
    Però non dimentichiamo nemmeno l’ostracismo crudele del governo contro di noi, che il Pd ha votato sempre, e altre cose cui tu sei del tutto estranea.
    Noi continuiamo la nostra lotta.

I commenti sono chiusi.