attualità
commento 1

Una festa per l'alternativa

“In questa primavera della democrazia e dell’alternativa noi vogliamo dire al paese che democrazia e lavoro sono parole gemelle. Lo dice la più bella Costituzione del mondo, l’articolo uno della nostra Costituzione e nella crisi lo vediamo con chiarezza: più picconi le regole, meno hanno voce e risposta i problemi della gente”. Così Pier Luigi Bersani ha introdotto il suo intervento sul palco di Piazza del Popolo in quella che non è stata solo la giornata in cui le opposizioni al governo Berlusconi sono scese in piazza per manifestare contro il decreto interpretativo per le elezioni regionali. È stata soprattutto, la giornata delle persone che hanno a cuore la legalità, il rispetto delle leggi e del decoro istituzionale. Tutti insieme per ricordare che gli italiani si riconoscono nelle regole e non nei trucchi, nei diritti e non negli spot, nel lavoro e non nelle promesse sempre disattese o nella negazione della crisi. In altre parole, la manifestazione di oggi è stata “una bella giornata, una festa per l’alternativa”.

E così il Partito Democratico, Idv, Sinistra ecologia e Libertà,la Federazione della sinistra si sono ritrovati insieme al mondo dell’associazionismo, i sindacati, il popolo viola e tutte le persone che condividono l’amore per la democrazia e per le istituzioni.

Per Bersani “l’agenda di governo è in mano a uno solo. Berlusconi fa il capopopolo, il capopartito, il capolista, il caporedattore del Tg1. Fa tutto tranne il suo mestiere. Ma impediremo che Berlusconi nel suo livoroso e pericoloso tramonto travolga nel discredito le istituzioni e ferisca l’unità della nazione. Oggi da questa piazza diamo un messaggio forte, chiaro e positivo: cambiamo l’agenda del Paese, dobbiamo mettere il lavoro, la scuola e la sanità universalistici al centro della nostra campagna regionale. Teniamo su i nostri valori. Diremo che un’altra Italia è possibile”. Il senso della manifestazione di Roma? “Non è una lista in più che ci preoccupa. Noi vinciamo lista o non lista. È la legalità che ci preoccupa. Oggi con una vergognosa legge elettorale noi abbiamo deputati nominati. Dopo le regionali dobbiamo lottare tutti assieme per averne un’altra perché con questa non è il governo che risponde alla maggioranza, ma la maggioranza che risponde al Governo. E il governo mostra a tutti di poter fare quello che vuole, i soggetti sociali sono intimoriti e a volte zittiti, l’informazione è ridotta quasi al silenzio e l’agenda del governo è in mano a uno solo che la occupa con leggi per sé e per i suoi. L’agenda del governo è in mano a uno solo che la occupa con leggi per se’ e per i suoi. Il governo fa quello che vuole, in questa legislatura ci sono stati 54 decreti, 29 voti di fiducia, 189 ordinamenti in deroga. Il governo fa quello che vuole”.

“Berlusconi non può più parlare – ha continuato Bersani – al futuro del nostro Paese. È troppo forte per essere finito ma è già finito per essere davvero forte. Perchè Berlusconi, detto Carnera, non prende la carriola e va a togliere le macierie a L’Aquila che stanno li da un anno?”. “Solo bolle di sapone”, questa è la sostanza dell’attività di governo. “Da Berlusconi vengono solo chiacchiere, mentre la sala macchine del governo fa solo gli affari suoi”.

“Noi combatteremo questo governo, ma non avremo Berlusconi negli occhi, negli occhi avremo l’Italia del domani e la costruiremo con poche parole: lavoro, onestà, regole, civismo. Sono queste – ha ribadito il leader democratico – le parole di una grande riscossa democratica. Le cose cambiano – ha concluso Bersani – affrontiamo con fiducia l’appuntamento elettorale e andiamo a vincere. Viva il lavoro, viva la Costituzione, viva l’Italia di domani. Grazie a tutti per la vostra forza”.

La cronaca della piazza. Maurizio Migliavacca, coordinatore della segreteria del Pd, alle 13 era già sicuro:“La manifestazione di piazza del Popolo sarà una grande manifestazione di popolo, civile e serena. Una manifestazione per la democrazia, per il lavoro e la libertà di informazione. Vedo che a Berlusconi, prima ancora che inizi, già ne parla male. Lui dice sempre che le manifestazioni di piazza sono il sale della democrazia, ma evidentemente gli piacciono solo le sue”.

E alla fine si contano più di 200.000 persone in piazza.
“Cittadini e cittadine. Oggi mi piace chiamarvi così. Cittadini e non sudditi. Cittadini responsabili e consapevoli che serve un nuovo inizio a partire dal modo di vivere e di pensare la politica”. Così Emma Bonino, candidata alla presidenza della regione Lazio per il Pd, ha aperto il suo intervento sul palco di Piazza del Popolo. “Noi dobbiamo essere la speranza – ha continuato la Bonino – la proposta e non solo la sterile protesta. Un mondo diverso è possibile, dipende da voi tutti ma occorre essere alternativi al vecchio e al regime da basso impero”.

“La forza di questa campagna – ha concluso la Bonino – non è il possesso della Rai o di Mediaset. La forza è di ogni singolo, ogni cittadino che decide che non è il momento dello sconforto ma della risposta democratica.
Per Nichi Vendola, leader di Sinistra ecologica e Libertà e candidato alla regione Puglia, “la manifestazione di oggi è un primo grande passo per la ricostruzione del cantiere dell’alternativa”.

“Il centrosinistra ritrova la propria piazza – ha aggiunto – un popolo che ha vissuto troppo a lungo in una sorta di diaspora ritrova una relazione con la politica e con i partiti. Oggi siamo in grado di andare oltre la semplice denuncia del disfacimento provocato dal centrodestra, siamo all’inizio della costruzione di un racconto politico e culturale che è la proposta del centrosinistra al Paese”.

“All’Italia stanca e sofferente dobbiamo dire che ora è il momento di riprendere il cammino dell’alternativa. Ci hanno raccontato che la ricchezza è innocente per ontologia ma il sogno berlusconiano si è infranto sulle macerie dell’Aquila. Noi – ha concluso Vendola – non possiamo limitarci ad attendere il cadavere di Berlusconi sulla sponda del fiume. Noi non abbiamo ancora un racconto coerente. Ma oggi, in questa piazza, il centrosinistra ritrova il proprio popolo, per lungo tempo smarrito. Da qui si deve ricominciare”.

Per Dario Franceschini, presidente dei deputati del Pd, la manifestazione di Piazza del Popolo “è un grande segno di vitalità. Il decreto salva-lista è l’ultimo tassello di un lungo elenco di provvedimento che violano le leggi, così il messaggio che passa è quello che se si è più furbi si fa strada, messaggio del governo che va contrastato”, ha detto il capogruppo del Pd alla Camera.

“Berlusconi sta trasformando queste elezioni nell’ennesimo referendum pro o contro di lui per cancellare il fallimento del governo, ma dappertutto i cittadini dicono che vorrebbero confrontarsi sui temi reali che interessano il paese”.

“Il presidente del Consiglio ricorre doviziosamente alla prepotenza, è il suo modo di intendere l’esercizio del potere, che però e’ incompatibile con l’idea di democrazia”, così Anna Finocchiaro, presidente dei senatori Pd. “Berlusconi nelle sue dichiarazioni talvolta è grottesco. Ieri ha detto che la lista del Pdl è stata esclusa per colpa dei magistrati. Questo è totalmente paradossale, forse c’è bisogno che qualcuno lo aiuti a rimettere la realtà dove sta e il suo delirio al proprio posto”. “Piazza del Popolo – ha concluso la Finocchiaro – è una piazza bella, seria, non isterica e consapevole, fatta da gente arrabbiata ma composta”.

Chi si aspettava un attacco contro il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano è rimasto molto deluso. Salito sul palco di Piazza del Popolo, Antonio Di Pietro ha tranquillizzato le migliaia di persone presenti ed il giornale di famiglia: “tirate un sospiro di sollievo, noi dell’Italia dei valori da oggi non affronteremo altro argomento se non la deriva anti-democratica del governo. È della deriva fascista del governo – ha aggiunto – che ci dobbiamo occupare, solo di questo dobbiamo parlare”.

“Prima ci fu l’editto contro Biagi, ieri è stato scoperto l’editto contro Santoro. C’è un’informazione imbavagliata, asservita e connivente, ma noi non ci arrendiamo a chi vuole zittire l’informazione e mettere l’informazione pubblica in mano ai vari Minzolini”.

“Ci troviamo di fronte a un novello Nerone che ride, se la canta e se la suona con le sue barzellette mentre l’Italia brucia”, ha continuato Di Pietro. “Con Berlusconi non si scherza, gli dai un dito e si prende il braccio. Quello è un piduista e pensa solo ai suoi interessi”.

“Dobbiamo tutti insieme – ha concluso il leader di Idv – impegnarci in uno sforzo comune per abbattere nelle urne il governo Berlusconi. Ma per fare questo dobbiamo essere uniti, vincere e convincere. Occorre fare squadra con gli altri partiti dell’opposizione, però dite loro che alcune regole vanno rispettate, se ci sono delle mele marce mettiamole fuori per distinguerci dagli altri e questo perché se poi vinci e da Berlusconi vai a Berluschini non cambia nulla”.
Bersani ha duramente commentato l’inchiesta di Trani: “Politicamente bisogna dire che è una cosa vergognosa un rapporto politica-informazione di questo tipo”, ha detto il segretario del Pd intervistato da Youdem.tv al termine del suo intervento a piazza del Popolo. “Fa ancora più effetto che un presidente del Consiglio, con tutti i problemi che ci sono, passi il suo tempo su queste cose. C’è un’autorità giudiziaria che sta guardando, vedremo – ha aggiunto – ma sul piano politico la nostra condanna deve essere fortissima”. Poi guardando alla folla ha detto: “Questa piazza è stata un presidio della democrazia e della Costituzione. Mi auguro che la loro piazza possa dimostrare altrettanto. Ma qualche dubbio ce l’ho. Sta a noi far prendere all’italia un’altra strada”.
www.partitodemocratico.it

Condividi

Leave a Reply

1 Comment on "Una festa per l'alternativa"

Notify of
avatar
Sort by:   newest | oldest | most voted
La Redazione
Guest
Tra le bandiere rosse e viola e il tifo per Vendola e Bonino il centrosinistra ritrova l´unità. Applausi per Napolitano, pochi cartelli contro, di ALESSANDRA LONGO C´è un bel sole, a Roma, dopo tanta pioggia. Anche Nichi Vendola sale sullo stesso palco e sembra quasi abbracciare la folla di piazza del Popolo: «Oggi, da qui, ricominciamo, riprendiamo il nostro racconto…». La gente applaude forte, sventola bandiere e palloncini. Tanto rosso, bianco, arancio, cui si aggiunge il viola post-ideologico che ha “contaminato” e risvegliato i delusi della politica. «E´ una festa di primavera, una festa per l´alternativa», riassume «ai cari amici… Read more »
wpDiscuz